Laurie Anderson
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Big Science (1982), 7/10
Mister Heartbreak (1984), 6/10
United States Live (1984), 6/10
Home Of The Brave (1986), 5/10
Strange Angels (1989), 6/10
Bright Red (1994), 5/10
The Ugly One With The Jewels (1994), 4/10
Life On A String (2001), 4/10
Homeland (2010), 6/10
Links:

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Laurie Anderson è una delle artiste che ha definito il termine "avanguardia" per la fine del secolo: una posa fredda, distaccata, astratta, raffinatamente volgare, sottesa da una paura irrazionale del presente e da premonizioni inquietanti del futuro, e masochisticamente succube della tecnologia moderna.

Anderson ha coniugato musica elettronica, minimalismo, gestualismo e ha immesso nel vocalismo sperimentale la maniera del music-hall. Saliente come punto di fusione e compromesso, il suo stile di canto ha importanza soprattutto per aver nobilitato il recitato. La sua arte compositiva è comunque soprattutto un fatto di arrangiamenti, di integrazione di eventi (sonori e non) fra loro culturalmente distanti, in un nuovo genere sofisticato e leggero, futurista e pan-etnico, di forma-canzone. Anderson eccelle soprattutto nell'aspetto multimediale. Le musiche, in sè, sono spesso inferiori all'assunto.

Il suo limite di fondo è quello di non essere capace di interiorizzare le sue esperienze, di limitarsi a fotografarle e poi esibirle, perdendo tutto ciò di umano che le distingueva da una semplice immagine immobile.

Nata nel 1947 a Chicago e appassionata fin da giovanissima di arte, Laurie Anderson si trasferisce nel 1965 a San Francisco per studiare al Mills College e poi nel 1967 a Manhattan per studiare scultura ed insegnare arte egizia. Esegue la sua prima performance nel 1972, e da allora pendola fra Boston e New York. La sua crescita artistica procede di pari passo con le collaborazioni multimediali a cui partecipa (a fianco di scrittori come John Giorno e William Burroughs, di musicisti come John Cage e soprattutto Philip Glass).

Uno dei suoi primi spettacoli multimediali consiste in una complessa scultura stereofonica dalla quale il suono si può propagare soltanto per conduzione ossea (ovverosia l'ascoltatore deve stare appoggiato al mobile); in un'altra suona il violino su un cubo di ghiaccio finché si scioglie. Ma le sue performance puntano molto, oltre che sull'apparato tecnologico, sulle melodie ripetitive, sui brani-conferenza alla Cage e sui vocalizzi "assurdi" che attraversano da parte a parte lo spettacolo.

Così le sue esibizioni (per esempio New York Social Life del 1977, una delle sue prime vignette umoristiche, o il reggae It's Not The Bullet That Kills You It's The Hole, dedicato all'artista Chris Burden che usava spararsi nel braccio e rotolarsi su pezzi di vetro), si possono accostare al teatrino off e al cabaret elettronico, via Cage (padre del gestualismo e della recitazione musicale) e via Varese (alla cui memoria potrebbe dedicare il "tape bow violin", un violino che va suonato con nastri pre-registrati infilati nel classico archetto). Le voci che popolano questi sketch dell'assurdo sono eteree e cosmiche, improntate a una magica miscela di ironia e pathos.

La litania di Time To Go (composta nel 1977) è la prima trance ad ottenere un ascolto di massa. Basta poi una lieve deviazione verso il paganesimo delle discoteche per imporre le sue graziose armonie elettro-vocali all'attenzione dei disc-jockey. Dall'opera multimediale United States (sedici ore di parole, suoni e immagini) estrae il materiale per Big Science (Warner, 1982), frammenti diafani e arcani di sotto-cultura pop eseguiti con l'accompagnamento di Brian Eno, David Van Tieghem, Peter Gordon e George Lewis.

E' un sottile esercizio di umorismo elettro-ballabile con graziose melodie a ritmo di respiro e un senso acuto della malinconia universale, a cominciare dal recitato ammaliante della sirena "orientale" di Big Science e dalle fanfare goliardiche di From The Air, passando per la danza medievale di Born Not Asked e la sarabanda caraibica di Example 22, per finire con le pulsazioni organiche, ma a struttura innodica, di Oh Superman, bisbigliata in un tono dimesso da night club, e con la soffice ballata robotica Let X=X (i due hit).

Le sue canzoni-sketch si svolgono lente, ripetitive e colloquiali, in un'atmosfera dimessa ed irreale fatta di ritmi etnici e di soffici tappeti elettronici, a metà fra l'ipnosi e l'onirismo. Strati di vocalizzi filtrati, più recitati che cantati (secondo la tecnica del Sprechgesang, della canzone-discorso), danno luogo a melodie ben riconoscibili. I testi sono a loro volta ispirati ad una comica filosofia del quotidiano.

L'opera United States comprende anche balletti futuristi (Talkshow, Odd Objects), sonate e assoli di violino elettrico (la romantica Pictures Of It e il surreale Duet), esilaranti fanfare-gag da music-hall (Cartoon Song, Yankee See, Dog Show, Sweater) ed epiche sarabande funky (Language Is The Virus, City Song, We've Got Four Big Blocks).

Mister Heartbreak racconta la storia della psiche di un commesso di drogheria mentre viaggia attraverso le macerie del sogno americano, ora spettatore ed ora spettacolo egli stesso. Al falsetto psicotico e al synclavier psichedelico della Anderson si aggiunge una folla eterogenea di personaggi illustri: Peter Gabriel, Adrian Belew, Arto Lindsay, Anton Fier, Bill Laswell, Van Tieghem e persino William Burroughs. Una ragnatela in espansione di trivia sonori e di simboli obliqui origina i brani. Un ordinato accumulo di world-music, cacofonie, riff di hard-rock, musichette da fiera, passi di danza, tribalismi sudamericani, cori e fanfare compone per esempio la filastrocca in crescendo di Sharkey's Day.
Nel tumulto di arrangiamenti si protende il languido e verboso, fatale e anemico recitar (o bisbigliar...) cantando di Anderson, che cesella la suspence marziale di Gravity's Angel (scampanio ossessivo, dissonanze casuali, percussioni africane), l'atmosfera zen di Kokoku (organo liturgico, rumori e versi di jungla, coro giapponese), l'impressionismo magico di Blue Lagoon (cadenza da music-hall, pullulare rarefatto di percussioni, brezze melodiche di synth), per chiudere nella sarcastica fanfara caraibica di Sharkey's Night.

The arrangements on Home Of The Brave (Warner, 1986) are still precious and evocative, but the "songs" are "spoken" more often than "sung", and the sound effects are far from revolutionary. Smoke Rings is typical of Anderson's poignant narration over popular rhythms (in this case, Latin-tinged syncopation) and accompanied with disorienting stylistic quotations (in this case a doo-wop choir). Her smooth talk recites Language Is A Virus over a strong funk beat and amid a profusion of female backup vocals and horn fanfares. Late Show uses a distorted male voice (and no lyrics) over a medieval pace and next to a middle-eastern trumpet. Talk Normal focuses on the music but ends up sounding like one of Frank Zappa's novelties that parodied the 1950s. Sharkey's Night is awash in Afro-Caribbean polyrhythms a` la Talking Heads. The overall effect is one of a collection of cute songs but certainly not avantgarde music. (Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Gli arrangiamenti su Home Of The Brave (Warner, 1986) restano ricercati ed evocativi, ma le "canzoni" sono pi "parlate" che "cantate", e gli effetti sonori sono lungi dall'essere rivoluzionari. Smoke Rings tipico della narrazione di Anderson che domina sui ritmi popolari (in questo caso, sincopi latino-americane) accompagnati da citazioni stilistiche stranianti (in questo caso un coro doo-wop). Il suo parlato calmo recita sopra un ritmo funky inamidato da un'abbondanza di voci e fanfare di corni in Language Is A Virus. Late Show fa uso di una voce maschile distorta (non c' testo), che segue un'andatura medievale, seguita da una tromba medio-orientale. Talk Normal si concentra pi sulla musica ma termina somigliando alle "novelty" zappiane che parodizzano gli anni cinquanta. Sharkey's Night inondata di poliritmi afro-caraibici alla maniera dei Talking Heads. Il risultato finale quello di una raccolta di canzoni attraenti, ma sicuramente non d'avanguardia.

Strange Angels (Columbia, 1989), the first Anderson album that was not a theatrical soundtrack, is basically only a collection of songs. Her stream of consciousness is bent to the format of the pop song. Catchy and witty, the songs rely on discretely eccentric arrangements (and dance rhythms), and largely abandon any avantgarde ambition. At best, the eerie atmosphere and exotic overtones of Coolsville echo Enya, and the vocals seem to mimick Sinead O'Connor. The romantic Strange Angels, punctuated by evocative accordion, the falsetto hymn Ramon, the Celtic progression of My Eyes offer the equivalent of the folk-rock canon revisited by the deviant intelligence of a Brian Eno. And Beautiful Red Dress sounds like Philly soul interpreted by Young Americans-era David Bowie. The album has even lighter moments: the reggae novelty Monkey's Paw is sprightly, infectious and childish, and Babydoll is a festive calypso-funk hybrid. She is no Jim Steinman, and a gospel choir is not enough to lift The Day The Devil into the epic exorcism that she aimed for. The lyrics take snapshots of ordinary lives. But Anderson's hyper-realist fresco of America is now as compelling as the Beach Boys'. This cycle of songs makes for a pleasant (not harrowing) experience. (Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Strange Angels (Columbia, 1989), il primo album di Anderson a non essere una colonna sonora teatrale, fondamentalmente una raccolta di canzoni. Il suo flusso di coscienza inclinato al formato della canzone pop. Le canzoni, orechiabili e spiritose, fanno affidamento su arrangiamenti discretamente eccentrici (e ritmi dance) abbandonando, in molte situazioni, qualsiasi ambizione d'avanguardia. Nel migliore dei casi

l'atmosfera lugubre e le sfumature esotiche di Coolsville echeggiano Enya, mentre le voci sembrano imitare Sinead O' Connor. La romantica Strange Angels, messa in risalto da una fisarmonica evocativa, l'equivalente dei canoni folk-rock rivisitati da un'intelligenza deviante come quella di Brian Eno. And Beautiful Red Dress somiglia al soul di Philadelfia interpretato dal David Bowie del periodo di Young Americans. L'album ha anche momenti pi accesi: la novelty reggae di Monkey's Paw vivace, contagiosa e infantile, mentre Babydoll un brioso ibrido calypso-funk. Lei non Jim Seinman, e un coro gospel non sufficiente ad elevare The Day The Devil in uno sperato esorcismo epico. Le liriche sono fotografie istantanee di vita ordinaria. Ma gli affreschi americani iper-realisti di Anderson sono interessanti quanto i Beach Boys. Il ciclo di canzoni fatto per un esperienza piacevole, ma non tormentata.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

Dopo uno iato di cinque anni, durante i quali ha allestito spettacoli in tutto il mondo (Empty Places, Voices From The Beyond, The Nerve Bible), ha scritto le musiche per uno spettacolo di Arto Lindsay (Ossuary), per un balletto (Bridge Of Dreams) e per un monologo del poeta John Ashbery (House Of Blues), ha scritto un libro e diretto un film, il nuovo album Bright Red si avvale di un cast d'eccezione, ma non riesce ad andare oltre il pop minimale di questi lavori. Con Brian Eno in regia Anderson offre più che altro un recital di versi apocalittici (Speak My Language), di sketch umoristici (The Puppet Motel) e di duetti d'alta classe (Bright Red con Arto Lindsay e In Our Sleep con Lou Reed). Di musicale c'è il tango di Beautiful Pea Green Boat e poco altro.

L'aneddotica autobiografica di The Ugly One With The Jewels, disco molto parlato e poco suonato, svela qualcosa della psiche contorta di questa collezionista di vite altrui, capace di recarsi in processione in Tibet o al Polo Nord pur di ricavare materiale per i suoi monologhi.

Anderson's brilliant pieces of theatre, such as The Speed of Darkness, The Nerve Bible and Songs And Stories From Moby Dick (1999), became less and less interesting at the musical level. Despite the wealth of distinguished guests, Life On A String (Nonesuch, 2001) only proves her limited compositional skills.

Talk Normal (Rhino) is an anthology.

(Translation by/ Tradotto da Antonio Buono)

Le brillanti pieces teatrali di Anderson The Speed of Darkness, The Nerve Bible e Songs And Stories From Moby Dick (1999), si rivelano sempre meno interessanti a livello musicale. Nonostante il cast di ospiti illustri, Life On A String (Nonesuch, 2001) prova unicamente le sue limitate capacità compositive.

Talk Normal (Rhino) è unantologia.

A live 2008 performance of Lou Reed, Laurie Anderson and John Zorn was documented on The Stone Issue 3 (Tzadik, 2008).

Delusion (premiered in 2010) as usual combined storytelling, music and visuals but the format mimicked the medieval mystery play.

The DVD Homeland (2010) features Rob Burger (keyboards), Omar Hakim (drums), Kieran Hebden of Four Tet (keyboards), Shahzad Ismaily (percussion), Eyvind Kang (viola), Peter Scherer (keyboards), Skuli Sverrisson (bass), Ben Witman (percussion and drums), John Zorn (saxophone) and the Tuvan throat singers. The pan-ethnic chamber lied Strange Perfumes measures the distance between the celestial chants of her youth and the somber meditations of her middle age.

The trilogy of Happiness (2002), The End of the Moon (2005) and Dirtday (2012) leveraged her favorite trademark style and format: live electronic music (of the mellow melodic type), lighting and recitation. Unfortunately, the latter had become the main component. It was something in between stand-up comedy and sociopolitical commentary, a bizarre kind of stream of consciousness whose main goal was to entertain the audience with references to contemporary life.

She also directed the (boring) autobiographical film "Heart of a Dog" (2015), in which she proves the one thing that she never did well: tell stories.

Laurie Anderson also composed the soundtrack for her film Heart Of A Dog (2015).

What is unique about this music database