Scott Cossu
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Still Moments (Music Is Medicine, 1980) **
Wind Dance (Windham Hill, 1981) **
Spirals (First American, 1982) *
Islands (Windham Hill, 1984) **
Reunion (Windham Hill, 1985) * with Eugene Friesen
Open Air (Windham Hill, 1986) *
She Describes Infinity (Windham Hill, 1987) *
Switchback (Windham Hill, 1989) **
Stained Glass Memories (Windham Hill, 1992) *
Retrospective (Windham Hill, 1992) ***
When Spirits Fly (Miramar, 1998) **
Links:

Pianista erudito, che maneggia con disinvoltura minimalismo e jazz, Scott Cossu fu uno dei primi a saltare sul treno della new age pianistica, ma lo fece con una raccolta, Still Moments, che lasciava presagire il futuro degli ensemble acustici da camera. Wind Dance, a parte la chitarra e qualche percussione, è ancora un album prevalentemente solista, imbevuto di atmosfere sognanti e un po' esotiche.

La sua fortuna la fecero comunque i bozzetti da camera come Oristano Sojourn (su Islands), con i suoi volteggi incalzanti di flauto su sottofondo jazz-rock (grazie anche a fior fior di collaboratori).

L'armonia soffusa di She Describes Infinity, con violini, chitarra e percussioni, fu la prova generale per Switchback, che vanta Eugene Friesen al violoncello, Van Manakas alla chitarra, Dave Valentin al flauto e Jim Brock alle percussioni.

Nel 1988 Cossu venne investito da un'auto e perse la memoria. Dopo tre anni di convalescenza e riabilitazione, è tornato sulle scene con Stained Glass Memories. Lo circondano Mark Egan al basso, Valentin al flauto, Manakas alla chitarra, David Darling al violoncello, Sammy Figueroa alle percussioni. Il sound è meno lirico, meno new age, e più jazz e rock, come nel Old Man Mambo e nel Cajun Kitchen Blues.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database