Steve Kindler
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Lemurian Sunrise (Waterfall 105, 19##) **
Dolphin Smiles (Global Pacific, 1987) **** with Teja Bell
Fresh Impressions (Global Pacific, 1987) * with Georgia Kelly
Automatic Writing (Global Pacific, 1989) **
Across A Rainbow Sea (Global Pacific, 1990) **
Paradise Lost (Mesa, 1993) **
Pieces Of My Life (Mesa, 1995) ** anthology
Links:

Il biglietto da visita di Steve Kindler è di aver suonato il violino nella Mahavishnu Orchestra di John McLaughlin su Visions Of The Emerald Beyond. Dopo aver collaborato anche a un paio di dischi di Jan Hammer, Kindler diede vita a una carriera solista.

Nel mondo della new age si mise in luce con una cassetta per pianoforte, violino, nastri e suoni naturali, Lemurian Sunrise, e ottenne grandi riconoscimenti per canzoni forbite come Dawn In Varanasi (su Automatic Writing) e la title-track di Across A Rainbow Sea. Il suo sound si è fatto sempre più "latino" (come dimostra il flamenco di Agua Caliente su Across A Rainbow Sea).

Ma il suo capolavoro rimane Dolphin Smiles, con Teja Bell alla chitarra e Kit Atkinson alle percussioni. Il tema tenero e maestoso di Windsurfer è tutto immerso nelle sensazioni dell'oceano, delle onde, del vento, del cielo, ebbro di natura e di gioia di vivere. Dopo un inizio titubante, il violino si lancia nel tema che è un po' il prototipo del suo jazz latino, Kaimana. Kindler è soprattutto maestro nel cesellare le atmosfere sognanti e stellari delle composizioni più lunghe, che scorrono armoniose come fiumi. La cadenzata Leeward Sail è di nuovo intrisa di mare e di sole, il lamento di The Farthest Shore si libra solenne su orizzonti sconfinati. Il flusso è così naturale che passa in secondo piano l'accorta scienza timbrica del duo: Sounding, in realtà, è composta da otto minuti di suoni onirici senza trama.

La Dolphin Suite che dà il titolo al disco è aperta dal violino con una struggente figura melodica alla Cajkovsky prima che Bell si lanci in una delle sue parate di accordi iridescenti; gli effetti acquatici del violino e del sintetizzatore danno vita all'inno elegante e festoso del violino con cui la suite si chiude.

Paradise Lost, con Zakir Hussain alle tabla, Peter Apfelbaum al sassofono e Kim Atkinson alle percussioni, accentua il tono visionario di questo stile al confine fra jazz e classica.

Kindler è anche attivo nell'ensemble multiculturale Barefoot.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database