Alvin Lucier


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Bird And Person Dyning/ The Duke Of York (Cramps, 1975), 6/10
Music On A Long Thin Wire (Lovely, 1980), 7/10
I Am Sitting In A Room (Lovely, 1981), 6/10
Music For Solo Performer (Lovely 1014, 1982), 6/10
Still And Moving Lines Of Silence vol. 1-4 (Lovely, 1983), 6/10
Still And Moving Lines Of Silence vol. 5-8 (Lovely, 1985), 6/10
Sferics (Lovely, 1988), 6/10
Crossings (Lovely, 1990), 6/10
Clocker for Amplified Clock (Lovely, 1994), 6.5/10
Panorama (Lovely, 1997), 6/10
40 Rooms (Iear Studios, 1998), 6/10
Silver Streetcar For The Orchestra (Algen, 1998), 6/10
Theme (Lovely, 1999), 6.5/10
Still Lives (Lovely, 2001), 7/10
Navigations for Strings / Small Waves (Mode, 2003), 6/10
Vespers (New World, 2002), 6/10
Links:

Alvin Lucier has been active since 1962 in the field of "concrete" music. He has introduced new paradigms to the field, by employing bold and radical methods to process unusual sources of sound and to perform scores in ever more unconventional manners. Over the years, he has been exploring the acoustic properties of organisms, objects and environments. Works such as Music For Solo Performer (1965), that used the performer's brainwaves, Clocker (1978), for performer with galvanic skin response sensor; I Am Sitting In A Room (1970), that used the room's background noise, and Music On A Long Thin Wire (1977), that used the vibrations of a metallic wire, basically merged research in ambient, minimalist and concrete music, and found a common meaning behind the teachings of John Cage, LaMonte Young and Pierre Schaeffer.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Alvin Lucier (New Hampshire, 1931), uno dei fondatori (con Robert Ashley, David Behrman, Gordon Mumma) della Sonic Arts Union nel 1966, contributi alla musica moderna nel 1962, nel periodo in cui intraprese l'insegnamento universitario. Da allora ha sfornato lavori sperimentali a ripetizione, sfruttando tecniche e maniere della musica gestuale, elettronica, vocale e dimostrando particolari preferenze per l'impiego di sorgenti sonore insolite e per forme ancor piu' insolite di esecuzione: Action Music For Piano introduce uno "spartito" anche per annotare i gesti dei performer; Music For Solo Performer (1965) genera suoni percussivi dalle onde cerebrali dell'esecutore, catturate tramite due elettrodi e un insieme di altoparlanti (naturalmente ogni performance di questo brano e' diversa da quelle precedenti, poiche' le onde cerebrali non saranno mai le stesse); Whistlers (1967) sfrutta i disturbi magnetici della ionosfera (prima composizione di musica basata sulle VLF, ispirata dalla registrazione della ionosfera pubblicata da Millett Morgan nel 1955); Chambers (1967) e' costruito a partire dai rumori di alcuni oggetti; Vespers (1967) muove gli esecutori in una stanza buia come pipistrelli guidati dall'eco elettronica; The Only Talking Machine (1969) e' orchestrata per "ventriloquismo elettronico".

Bird And Person Dyning/ The Duke Of York (Cramps, 1975) fu il primo documento discografico, contenente i due pezzi del titolo. Il secondo e` una semplice manipolazione di un cantante di strada, ma il primo e` una delle sue composizioni piu` sconvolgenti, un duetto fra il feedback elettronico e il cinguettio di un uccello.

Negli anni Settanta il suo interesse si e' spostato verso i suoni degli ambienti, ovvero i suoni che hanno origine dalle proprieta' acustiche ed architettoniche degli ambienti. Reflections Of Sounds From The Wall (1970) e' una delle sue sculture sonore piu' ardite, composta da una parete con centinaia di registratori che "ascolta" e "risponde" ai suoni della sala. I Am Sitting In A Room (1970) degrada il parlato con una sovrapposizione di risonanze che amplificano progressivamente il rumore dell'ambiente (che si scopre cosi' prima voce dell'opera).

Nonostante l'ardua fruibilita' delle sue composizioni, The Queen Of The South (1972) segna persino l'inizio della collaborazione con una compagnia di danza. Sono pezzi concettuali, opere di rottura che scavalcano a sinistra la musica gestuale e che intendono espandere l'accezione di cosa sia "musicale": anche l'ambiente puo' far musica.

Nella seconda meta' degli anni Settanta, fianco a fianco con un ingegnere elettronico, Lucier vara i suoi lavori piu' ambiziosi, monumentali pannelli sonori basati sulla manipolazione acustica delle vibrazioni. Music On A Long Thin Wire (1977) per filo metallico di 24 metri (guidato da un oscillatore d'accordatura), Directions Of Sound From The Bridge (1978) e Shapes Of The Sound From The Board (1979) unificano le ricerche sulla musica ambientale, minimale, elettronica e concreta. Sono flussi di pattern variabili in volume, timbro e ritmo, armonie mono-dimensionali il cui modello e' in effetti proprio la "dalembertiana" corda vibrante con la sua struttura matematica a modi normali.

Al centro della sua musica rimarranno sempre le proprieta' acustiche degli ambienti. Lucier portera' alle estreme conseguenze le intuizioni dei primi lavori in Spinning (1984): due toni accordati a lunghezze d'onda quasi identiche (la cui differenza e' impercettibile all'orecchio umano) vengono emessi dai due estremi della stanza in modo che la loro interazione dia luogo a un suono che si muove nella stanza. La sua opera piu' ambiziosa, Still And Moving Lines Of Silence (1972), in otto parti, di cui una per strumenti a percussione e oscillatore armonico e una per clarinetti, flauto, corno francese, voce femminile e oscillatore, in cui l'ensemble mette in moto piccoli arabeschi armonici che poi si infrangono contro l'onda elettronica, definisce l'armonia come la semplice interferenza di due suoni, e pertanto come semplice mezzo per riempire di suono una topografia acustica (per esempio, una stanza).

The entire series will be collected on Still and Moving Lines of Silence in Families of Hyperbolas (Lovely, 2003). Part 1 is scored for the interaction between pitches sounded by loudspeakers; Part 2 is for soloists who interact with a long tone played by a loudspeaker at a slightly different pitch (the interference patterns are the "music"); Part 3 lets snare drums resonate against the prepared tone; Part 4 includes dancers in the musical process.

La musica di Lucier si e' rarefatta fino a farsi inascoltabile. E' certamente (con quella di LaMonte Young) la piu' "minimale" che sia mai stata tentata. Per fruirla l'ascoltatore deve decifrare pazientemente i volteggi delle armoniche, i girotondi dei feedback, i moti impercettibili delle frequenze. Lucier e' anche il piu' fedele al motto di Cage: "la musica sperimentale e' musica di cui non e' possibile prevedere il risultato".

Sferics (Lovely, 1988) contains Sferics (1980), a sound installation for ionospheric disturbances, Sound On Paper (1985), for framed paper, loudspeakers and audio oscillator, and Music For Pure Waves, Bass Drums And Acoustic Pendulums (1985).

Crossings, Septet, In Memoriam / Ridenour (Lovely, 1990) contains In Memoriam Jon Higgins (1985), for clarinet and pure wave oscillator, Septet For Three Winds, Four Strings And Pure Wave Oscillator (1985), Crossings (1984), for small orchestra and pure wave oscillator.

Letters (1991) Lucier used the shapes of letters as the graphic score for the musicians to play music.

Clocker for Amplified Clock (Lovely, 1994) contains the first recording of Clocker (1978), live electronics for performer with galvanic skin response sensor, digital delay system and amplified clock. The electrical current generated by the system (ultimately, by the skin of the "performer") causes polyrhythmic patterns of dissonance, which are then coupled with the ticking of the clock. Lucier mixes and warps the sounds of both so as to produce a continuum of discrete events, which also stands as a metaphysical meditation on the passage of time and what it does to the human body.

Panorama (Lovely, 1997) contains Wind Shadows (1994), for trombone playing along pure wave oscillators, Music For Piano With One Or More Snare Drums (1992), Music For Piano With Amplified Sonorous Vessels (1991), that relies on the resonances picked up by microphones placed inside wine glasses, sea shells, pots and cups which are in turn placed inside a piano, and Panorama (1993) for trombone and piano (trombone drones represent the mountains, whereas piano patterns represent peaks).

40 Rooms (Iear Studios, 1998) documents a 1996 installation for electroacoustic quintet.

Silver Streetcar For The Orchestra (Algen, 1998) contains the 1988 composition for amplified triangle.

Theme (Lovely, 1999) contains Theme (1994) for voices and sonorous vessels, Music For Gamelan Instruments, Microphones, Amplifiers And Loudspeakers (1994), and Music For Piano With Magnetic Strings (1996).

Still Lives (Lovely, 2001) contains three compositions for solo string instrument (twice a piano and once a koto) resonating with a pure-wave oscillator: Still Lives (25:10), eight vignettes that virtually bridge minimalism and futurism, Music for Piano with Slow Sweep Pure Wave Oscillators (16:31), that follows two drones with no overtones as they move away from a pitch and then return to it (while the piano sorts of sets the pace by playing their note over and over again), and especially On The Carpet Of Leaves Illuminated By The Moon (11:46), where the koto releases languid and ethereal gasps from one semitone above the electronic drone to one semitone below it. The effect is unusually lyrical and haunting.

Navigations for Strings; Small Waves (Mode, 2003) contains the 1992 string quartet and the 1997 piece for string quartet, trombone and piano, 2 dancers with 6 partially filled water containers.

Vespers (New World, 2002) collects early works. While interesting for historical purposes, these are largely pointless recordings, because half of them are not deterministic works (each performance is different) and because the other half are mainly about the performance space (which your stereo cannot reproduce).
The earliest is Elegy For Albert Anastasia (1963), a poem of musique concrete that predates the foundation of the Sonic Arts Union, and predates Lucier's aesthetic maniesto Music For Solo Performer (1965). The sounds produced here are deliberately low, so low that one can hardly hear them; the point being that we often don't "hear" things that are actually quite relevant (a reference also implied in the ironic title, an "elegy" to the mafia boss who was shot in a barber chair because he didn't "hear" what was going to happen to him although the rumour was out there).
North American Time Capsule (1967) employs a vocoder to produce a stream of grotesque alien-sounding voices (curiously similar to the voices devised ten years later in Spielberg's "Close Encounters of the Third Kind").
Chambers (1968) is musique concrete at its most literal, an exploration/collage of environmental sounds (voices) that are electronically processed to lose their original quality until they become abstract noise.
Vespers (1969) is more a psychological experiment than a musical composition, but it shows how Lucier came to be obsessed with the performance space. The piece is a dialogue between sonar devices and the acoustics of the room, and the listeners "are", in a sense, the object of that dialogue: the listeners are guided like bats in a dark room by the frantic clicks that bounce around the performance space, and slowly build an "image" of it; the point being that we are used to perceive music in front of us (thus removing the performance space from the equation) but not all around us (which would make the performance space the real protagonist). This is interesting but, needless to say, impossible to reproduce on record, so one wonders what we are supposed to do with this series of meaningless clicks that our stereo projects exactly like the traditional performer that Lucier was trying to remove.
(Middletown) Memory Space (1970) is a chamber work of a new kind, since it is scored for any number of performers, and the performers are free to produce pretty much any sound, as long as they do not interact among themselves and as long as those sounds are somehow related to sounds their heard in the city. This recording employs shakuhachi, koto, accordion, piano and guitar.
This album is only for collectors. These theories make for interesting reading, not for interested listening. Memory Space (Unsounds, 2013) documents a 2012 performance of the piece.

Almost New York (Pogus, 2011) contains pieces for acoustic instruments. Almost New York (2001) toys with the drones produced by five flutes played by the same performer, one at the time. The drones are made to bounce against two pure wave oscillators. The result is a concerto for drones that is continuously interrupted except for the extremely powerful and shrill background radiation. The seven Coda Variations (2005) compose a 47-minute sonata for solo tuba which is limited to eight tones that undergo "I Ching"-style permutations of notes. This combinatorial and microtonal aspect of the composition lends it a rather chaotic quality but every now and then an embryonic melody seems to appear. In what is perhaps the most "humane" piece, Broken Line (2006) juxtaposes flute drones against tinkling vibraphone and piano. Twonings (2006) is a sonata for cello and piano, tuned according to two different systems but playing in unison, and it's another work that abandons Lucier's stark drones for dissonant chamber music. Lucier's trademark scientific exploration of sound is easily recognized in the way these two "chamber" works focus on the acoustic phenomena that slowly emerge from the way the instruments have been set in motion. Of course it takes a lot of patience to go through 26 minutes of cello and piano that don't even try to express meaning. The whole concept is pure syntax, no less and no more than a chemist who tries different combinations of substances. Lucier long specialized in music for oscillators and amplifiers at the border between musique concrete and droning minimalism. His ventures into chamber music maintain the same austere aesthetic but are limited to what the acoustic instruments can deliver.

Old School (Zeitkratzer, 2011) includes also the first recording of Harmonium #2 Old School (Zeitkratzer, 2011) collects Fideliotrio (composed in 1987), Music for Piano With Magnetic Strings, Violynn, Silver Streetcar For The Orchestra and Opera With Objects

Almost New York (Pogus, 2011) contains Almost New York (2001) for five flutes played by the same performer, The seven Coda Variations (2005) for 6-valve tuba in just intonation, Twonings (2006) for cello and piano, and Broken Line (2006) for flute, vibraphone and piano.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

L'intera serie verrà raccolta su Still And Moving Lines Of Silence In Families Of Hyperbolas (Lovely, 2003). Part 1 è ottenuta con l'interazione fra timbri suonati da altoparlanti; Part 2 è orchestrata per strumenti solisti che interagiscono contro un lungo tono suonato da un altoparlante con un timbro leggermente diverso (i pattern che interferiscono tra loro sono la "musica"); Part 3 lascia i rullanti riecheggiare contro una nota. Part 4 include ballerini partecipanti nel processo musicale.

Sferics (Lovely, 1988) contiene Sferics (1980), un'installazione sonora per tormenti sonori, Sound On Paper (1985) per carta incorniciata, altoparlanti e oscillatori audio, e Music For Pure Waves, Bass Drums And Acoustic Pendulum (1985).

Crossings, Septet, In Memoriam/Ridenour (Lovely, 1990) contiene In Memoriam Jon Higgins (1985), per clarinetto e oscillatore a onda pura, Septet For Three Winds, Four Strings And Pure Wave Oscillator (1985), Crossings (1984), per piccola orchestra e oscillatore a onda pura.

In Letters (1991) Lucier usa le forme delle lettere come notazioni grafiche per i musicisti che ne eseguono musica.

Clocker For Amplified Clock (Lovely, 1994) contiene la prima registrazione di Clocker (1978), elettronica viva per esecutori con sensori a reazione galvanica cutanea, sistema delay digitale e orologio amplificato. La corrente elettrica generata dal sistema (alla fine, dalla pelle degli "esecutori") crea pattern poliritmici di dissonanza, che sono agganciati al ticchettio dell'orologio. Lucier mescola e distorce i suoni di entrambe le cose in modo da produrre un continuum di casi discreti, che si concludono in una meditazione metafisica sullo scorrere del tempo e su cosa esso fa al corpo umano.

Panorama (Lovely, 1997) contiene Wind Shadows (1994), per trombone suonato insieme ad oscillatori a onda pura, Music For Piano With One Or More Snare Drums (1992), Music For Piano With Amplified Sonorous Vessels (1991), che fa affidamento sulla risonanza raccolta dai microfoni piazzati dentro bicchieri da vino, conchiglie marine, vasi e coppe che sono piazzati dentro il pianoforte a turno, e Panorama (1993) per trombone e pianoforte (i ronzii del trombone rappresentano le montagne, laddove i pattern del pianoforte rappresentano le loro vette).

40 Rooms (Iear Studios, 1998) documenta un'installazione per quintetto elettroacustico del 1996.

Silver Streetcar For The Orchestra (Algen, 1998) contiene la composizione per triangolo amplificato del 1988.

Theme (Lovely, 1999) contiene Theme (1994) per voci e bastimenti sonori, Music For Gamelan Instruments, Microphones, Amplifiers And Loudspeakers (1994), e Music For Piano With Magnetic Strings (1996).

Still Lives (Lovely, 2001) contiene tre composizioni per strumento a corda solista (una coppia di pianoforti e un solo koto) che risuonano grazie ad un oscillatore a onda pura: Still Lives (25:10), otto vignette che collegano virtualmente minimalismo e futurismo, Music For Piano With Slow Sweep Pure Wave Oscillator (16:31). che segue due ronzii senza ipertoni come se si muovessero all'infuori di un timbro per poi ritornarvi (mentre il pianoforte detta le regole suonando la loro nota ancora e ancora), e specialmente On The Carpet Of Leaves Illuminated By The Moon (11:46), dove il koto si abbandona in rantoli languidi ed eterei da un semitono al di sopra del brusio elettronico a un semitono sotto di esso. L'effetto è atipicamente lirico e incantevole.

Navigations For Strings/Small Waves (Mode, 2003) raccoglie il o quartetto per archi del 1992 e il brano del 1997 per quartetto di archi, trombone e pianoforte, due ballerini con sei contenitori d'acqua che venivano parzialmente riempiti.

Vespers (New World, 2002) contiene i primi lavori. Considerati interessanti per pretese storiche queste sono registrazioni molto deludenti, in parte perché non sono lavori deterministici (ogni esibizione è diversa), e in parte per ciò che riguarda strettamente l'area delle esecuzioni (che il tuo stereo non può riprodurre fedelmente).

Il più presto è Elegy For Albert Anastasia (1963), un poema di musica concreta che predata sia la Sonic Arts Union sia il manifesto estetico di Lucier: Music For Solo Performer (1965). I suoni prodotti qui sono deliberatamente bassi, così bassi che chiunque li potrebbe sentire difficilmente; il punto è che noi spesso non "sentiamo" le cose effettivamente molto importanti (uno dei riferimenti nel disco presenta, anche nel titolo ironico, un "elegia" a un boss mafioso ucciso da uno sparo in una sedia da barbiere poiché non aveva "sentito" cosa stava per succedere attorno a lui benché i rumori erano fuori dal posto dove si trovava).

North American Time Capsule (1967) fa uso di un vocoder per riprodurre una corrente di voci aliene grottesche (curiosamente simile alle voci concepite dieci anni dopo su "Incontri Ravvicinati Del Terzo Tipo" di Spielberg).

Chambers (1968) è a tutti gli effetti musica concreta, un'esplorazione/collage di suoni ambientali (per l'esattezza voci) processati elettronicamente che perdono la loro qualità originale fino a diventare rumore astratto.

Vespers (1969) è un esperimento più psicologico che una composizione musicale, ma mostra quanto Lucier divenne ossessionato con lo spazio delle sue esibizioni. Il brano è un dialogo tra apparecchi sonar, l'acustica della stanza e gli ascoltatori che "sono", in un certo senso, l'oggetto di quel dialogo: gli ascoltatori sono guidati, come pipistrelli in una stanza oscura, da schiocchi affannosi che rimbalzano attorno allo spazio della performance, costruendo lentamente un' "immagine" di tutto questo; il punto di ciò è che siamo soliti a percepire la musica davanti a noi (questo rimuovendo lo spazio dell'esibizione per mezzo dell'equazione) ma non tutta (cosa che avrebbe fatto dell'area dell'esibizione la vera protagonista). E' interessante ma, inutile dirlo, impossibile da riprodurre fedelmente su disco, in modo che qualcuno finisca per chiedersi cosa ipotizziamo di fare con questa serie insignificante di schiocchi che il nostro stereo riproduce, allo stesso modo di quello che Lucier cercava di abolire.

(Middletown) Memory Space (1970) è un lavoro di un nuovo tipo musica da camera orchestrata da un numero generico di persone, gli esecutori sono quasi del tutto liberi di produrre qualsiasi suono, fino a quando questi non interagiscono tra loro e fino a quando siano in qualche modo simili ai suoni che si sentono in città. Questa registrazione adopera shakuhachi, koto, fisarmonica, pianoforte e chitarra.

Questo album è per soli collezionisti. Queste teorie sono interessante materiale di studio, non un ascolto interessante .

Almost New York (Pogus, 2011) raccoglie brani per strumenti acustici. Almost New York (2001) scimmiotta con brusii riprodotti da cinque flauti suonati  uno alla volta. dallo stesso esecutore I ronzii sono composti per rimbalzare contro due oscillatori a onda pura. Il risultato è un concerto per brusii continuamente interrotto a cui fa eccezione la radiazione potente e stridula in sottofondo. Le sette Coda Variations (2005) compogono una sonata di quarantasette minuti per tuba solista limitata a otto note che passa attraverso la permutazione delle note dello stile "I Ching". Questa aspetto combinatorio e microtonale della composizione gli conferisce una qualità caotica ma una volta ogni tanto sembra apparire una melodia embrionica. In quello che è il brano più "umano", Broken Line (2006), si giustappongono brusii di flauto a un vibrafono squillante e ad un pianoforte. Twonings (2006) è una sonata per violoncello e pianoforte, armonizzata ai due strumenti differenti ma suonata all'unisono, ed è un'altro lavoro che abbandona i desolati ronzii per musica da camera dissonante di Lucier. L'esplorazione scientifica del suono di Lucier è facilmente riconoscibile nel modo in cui queste due composizioni "da camera" si concentrano sui fenomeni acustici emersi lentamente dalla strada che gli strumenti hanno messo in movimento. È necessaria molta pazienza per attraversare ventisei minuti di pianoforte e violoncello che non provano nemmeno a esprimere un significato. L'intero concetto è pura sintassi, nulla più e nulla di meno di un chimico che prova diverse combinazioni di sostanze. Lucier è molto specializzato nella musica per oscillatori e amplificatori, ai confini tra musica concreta e minimalismo drone. La sue avventure nella musica da camera mantengono la stessa estetica austera ma sono limitate a quello che gli strumenti acustici possono esprimere.

Old School (Zeitkraker, 2011) include anche la prima registrazione di Harmonium #2. Old School (Zeitkraker, 2011) colleziona Fideliotrio (composta nel 1987), Music For Piano With Magnetic Strings, Violynn, Silver Streetcar For The Orchestra e Opera With Objects.

Almost New York (Pogus, 2011) contiene Almost New York (2001) per cinque flauti suonati dallo stesso musicista, The Seven Coda Variations (2005) per tuba a sei valvole in sola intonazione, Twonings (2006) per violoncello e pianoforte, e Broken Line (2006) per flauto, vibrafono e pianoforte.

What is unique about this music database