Carlos Nakai
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Changes (Canyon, 1983) **
Cycles (Canyon, 1985) **
Journeys (Canyon, 1986) **
Earth Spirit (Canyon 612, 19##) **
Carry The Gift (Canyon, 1988) ** with William Eaton
Sundance Season (Celestial Harmonies, 1988) **
Canyon Trilogy (Canyon, 1989) ***
Desert Dance (Celestial Harmonies, 1990) **
Natives (Silver Wave, 1990) **** with Peter Kater
Winter Dreams At Christmas (Canyon, 1990) * with Eaton
Migration (Silver Wave, 1992) **** with Kater
How The West Was Lost vol I (Silver Wave, 1993) * with Kater, soundtrack
Honorable Sky (Silver Wave, 1994) *** with Kater
How The West Was Lost vol II (Silver Wave, 1995) * with Kater, soundtrack
Spirit Horses (Canyon, 1992) *
Everywhere (Canyon, 1992) *
Ancestral Voices (Canyon, 1992) * with William Eaton
Winter Dreams for Christmas (Canyon, 1993) * with Eaton
Native Tapestry (Canyon, 1993) *
Island Of Bows (Canyon, 1994) ***
Honorable Sky (Silver Wave, 1994) *** with Kater
How The West Was Lost vol II (Silver Wave, 1995) * with Kater, soundtrack
Feather Stone And Light (Canyon, 1995) *** with Eaton
Improvisations In Concert (Silver Wave, 1996) * with Kater
Inside Canyon De Chelly (#, 1997) ** with Paul Horn
Winds Of Devotion (Earth Sea, 1998) **
In A Distant Place (Canyon, 2000) * with Eaton, etc
Through Windows and Walls (Canyon, 2001) * with Kater
Fourth World (Canyon, 2002) *
Links:

I pellerossa, o meglio "native american", hanno il loro più celebre esponente in Carlos Nakai, un Navajo-Ute nato nel 1946 a Flagstaff, con alle spalle una formazione musicale classica, che adatta le tradizioni musicali della sua gente alla sensibilità new age. Nakai aveva studiato tromba, ma è diventato celebre grazie al suono del flauto "nativo", un flauto di legno le cui note rievocano in qualche modo l'antichità delle popolazioni pellerossa. La sua multiforme attività comprende dischi a suo nome, dischi in coppia con Peter Kater e dischi nel gruppo Jackalope.

Gli assoli di Whippoorwill, Solstice, Lament e December Snow, su Changes, aprirono di fatto le porte alle sonorità "native".

Le sonate per flauto e simulazioni elettroniche di suoni naturali di Cycles (originariamente colonna sonora di uno spettacolo multimediale e poi adattato a balletto per Martha Graham) cominciarono a introdurre un elemento melodico che è decisamente piu` occidentale The flute improvises simple melodic patterns over the dramatic drones of Cries and Shelter. The melodies themselves seem to imitate natural motions, such as a breeze in the desert or the flight of a butterfly. Its tones get almost as long as the reference drone in Origins and Future Past. Other tracks experiment with different backgrounds: bubbling electronica propels the excursions of Elements, Ritual battles percussions, the gentle melody of Creativity has an artificial beat, etc.

Journeys riprese per metà lo stile di Changes e per metà lo stile di Cycles, con altre atmosfere suggestive come Life Is For Living, Children's Dance, Rainy Nights In Taos.

Dopo un altro album di austero solismo, Earth Spirit, con alcuni dei suoi numeri più celebri (Shaman's Call, Crystal Canyon e Song Of The Evening Star), Nakai cominciò ad aumentare il suo flauto magico con un uso massiccio di delay e overdub su Canyon Trilogy, in tal modo riuscendo a rendere la sensazione delle grandi distese deserte (in questo caso un canyon) abitate dai suoi antenati. Nakai delivers melodies full of archaic pathos, such as Song For The Morning Star, Echoes Of Time, Homage To The Ancient Ones, while Ancestral Home and Creation Chant evoke Paul Horn's solo zen meditations. The deeply felt symbiosis with the environment that manifests itself in the delicate textures of Turquoise World and World Of Rainbows.

Fu l'introduzione naturale all'arrangiamento. Carry The Gift non fu soltanto una collaborazione con il chitarrista William Eaton, ma anche un esperimento nel modo di assimilare strumenti come lira e arpa, oltre al sintetizzatore. Da lì all'ensemble (campanelli, voci, fischietti, tamburi) di Sundance Season il passo fu breve: Anasazi Visions, Ritual, On Eagle's Wings e Mountain Chant possono così sfruttare, oltre a buone melodie e timbriche ancestrali, il fascino della polifonia.

Con Desert Dance tanto il canto quanto le percussioni cominciarono ad assumere un ruolo di primo piano. Registrato in una cappella, il disco è anche un lavoro palesemente meditativo, anche se forse un po' troppo didascalico (fanno eccezione Spirit Valley, Spiral Journey, Sand Tapestry).

Spirit Horses e Native Tapestry sono album di composizioni di James DeMars, orchestrate per percussioni africane, pianoforte, violoncello, sassofono e orchestra da camera. Nakai mette a frutto le sue cognizioni di musica classica.

Dopo il calligrafico Ancestral Voices con William Eaton, Nakai approda a un'altra pietra miliare della sua evoluzione con Island Of Bows, registrato in un tempio buddista di Kyoto, in cui si accompagna a una pletora di strumenti giapponesi. I timbri astrali delle chitarre di Eaton e delle percussionioni di Will Clipman trasformano Feather Stone And Light nel suo viaggio più surreale. Nakai ha ormai raggiunto una solenne maturità: dal suo flauto promana lo spirito immanente delle leggende del suo popolo.

Nakai ha sposato lo spirito magico e rituale del folklore pellerossa alle tecniche di improvvisazione del jazz e ai metodi di composizione della musica classica occidentale. Molti pellerossa pensano che Nakai stia commettendo un sacrilegio, ma il suo apporto alla world-music e alla new age è già enorme.

Nakai ha probabilmente dato il meglio di sé nelle collaborazioni con il pianista Peter Kater, ma tutti i suoi dischi recenti vantano squisiti arrangiamenti per piccolo ensemble paleo-etnico da camera.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Winds Of Devotion (Earth Sea, 1998), a collaboration with Tibetan flutist NAwang Khechog, contains four lengthy tracks (each eaxactly 18:45 minutes long) that wed Native-American and Tibetan spirituality. Sentient Beings mixes whispers, rattlers, droning vocals, a small chamber ensemble (David Darling on cello, Wade Mathews on bass, Peter Kater on synthesizers) and flute melodies to create a cosmic requiem. Wisdom is rhythmic cerimonial music with an hymn-like invocation that sound like Gregorian liturgy, except that it is set to a hypnotic beat. Compassion is perhaps the only piece that indulges in cultural cliches. Heart adds an almost danceable beat and female vocals to the haunting, free-form mix of the first track, i.e. it approaches more conventional world-music. Overall, the album constitutes a four-movement symphony dedicated to the ancestral roots of humankind. (Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database