Kim Robertson
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Wind Shadows (Invincible, 1983) **
Water Spirit (Invincible, 1987) *
Moonrise (Invincible, 1987) **
Celtic Christmas (Invincible, 1987) *
Wind Shadows Vol.2 (Invincible, 1987) *
Celtic Christmas II (Invincible, 1988) * with Virginia Kron
Joy Joy Joy (Invincible, 1989) * with Steve Kujala
Guru Ram Das Crimson #1 (Invincible, 1989) * with Singh Kaur
Mool Mantra Crimson #2 (Invincible, 1989) * with Singh Kaur
Wild Iris (Invincible, 1989) * with Steve Kujala
Sat Nam Crimson #3 (Invincible, 1990) * with Singh Kaur
Har Har Mukande Crimson #4 (Invincible, 1990) * with Singh Kaur
Gratitude (Invincible, 1990) ** with Virginia Kron
Angels In Disguise (Invincible, 1991) *
Mender Of Hearts Crimson #5 (Invincible, 1991) * with Singh Kaur
Ardas Crimson #6 (Invincible, 1991) * with Singh Kaur
Blessings Crimson #7 (Invincible, 1992) * with Singh Kaur
Tender Shepherd (Gourd 112, 1992) *
Harvest Moon (Sugo, 1993) * with Carlos Reyes and Michelle Sell
Love Song To A Planet (Invincible, 1994) ** with Bettine Clemen
Treasures Of The Celtic Harp (Dargason, 1995) *
Spiral Gate (Narada, 1999) *
Dance to your Shadow (Narada, 2001)
Searching for Lambs
Ferintosh
  • The Spiral Gate (Narada, 1999)
  • Links:

    Kim Robertson, nata e cresciuta nel Wisconsin, trasferitasi in California nel 1979, suona arpa ed elettronica. Gran parte del suo repertorio è composto di pezzi celtici, più occasionalmente pezzi medievali, rinascimentali e barocchi. L'esecuzione è la più succube degli stereotipi new age del relax. Su Angels In Disguise usa anche il canto, con effetti altrettanto suadenti in Doucement.

    La serie dei Crimson comprende salmi orientali cantati da Singh Kaur su una musica barocca di oboi e flauti, corni e arpa. Anche qui l'effetto è una serenità paradisiaca. Dal terzo volume in poi Robertson ha cominciato ad accentuare i ritmi, semplificando invece le partiture per ensemble da camera.

    Robertson ha anche registrato due album con il flautista Steve Kujala, anche quelli adattamenti di brani antichi.

    Con Gratitude ha dato segni di volersi liberare del clichè e di voler provare le sue doti di compositrice, forte di una compostezza classica (Amethyst). Risalta comunque soprattutto la tecnica, sia quella sua sia quella della violoncellista Virginia Kron.

    Il suo album più ambizioso è forse Love Song To A Planet, con una flautista a contrappuntare con laconica eleganza i tocchi sempre più cristallini e sommessi della sua arpa (Dancing Gaia su tutte). Il brano più ambizioso, però, è della partner, Love Song For The Water Planet, pregno di patetismo alla Cajkovsky.

    Kim Robertson appartiene alla generazione di arpiste che scoprirono il fascino dello strumento in ambito new age. Rispetto alle piu` anziane Susan Mazer e Georgia Kelly, o al celeberrimo Andreas Vollenweider, Robertson capi` fin dall'inizio l'unicita` dell'arpa celtica, propugnata in Europa da revivalisti come il brettone Alan Stivell, ma pressoche` ignorata negli USA.

    Da cosa nacque la passione per l'arpa celtica? "E` una storia un po' anomala. Sono nata e cresciuta nel Wisconsin, una terra alquanto ostile all'arpa. Venni educata all'arpa classica e al pianoforte, e soltanto nel 1975 scopersi l'arpa celtica. Un po' per seguire la moda, un po' per avvicinarmi ai costruttori d'arpa celtica, nel 1979 decisi di andare a vivere nella California del Sud, vicino a Santa Barbara. In effetti il trasferimento mi porto` fortuna, perche' ebbi modo di inserirmi in un milieu che era molto piu` benevolo nei confronti della mia passione. Rimasi in California per 14 anni, durante i quali posi le basi di cio` che faccio ancora oggi."

    Spiral Gate (Narada, 1999) is a collection of brief pieces, partly traditional and partly composed by Eric Segnitz.

    Elaboration (2005) is credited to the Herb Robertson NY Downtown Allstars(featuring Tim Berne, Sylvie Courvoisier, Mark Dresser, Tom Rainey).

    If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
    Scroll down for recent reviews in english.
    What is unique about this music database