Gabrielle Roth
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Path Of A Shaman (Raven, 19##) ***
Dancing Toward The One (Raven, 1986) **
Totem (Raven, 1987) **
Initiation (Raven, 1988) *
Bones (Raven, 1989) **
Ritual (Raven, 1990) *
Waves (Raven, 1991) **
Trance (Raven, 1992) ***
Luna (Raven, 1993) **
Tongues (Raven, 1995) **
Links:

Gabrielle Roth e il suo ensemble elettro-acustico, The Mirrors, eseguono musica cerimoniale. Roth (che vive a New York) si vanta di essere una sciamana che guarisce attraverso la trance estatica delle loro musiche fortemente percussive.

In realtà Path Of A Shaman e Dancing Toward The One fecero sensazione per il loro rock and roll tribale. Fu soltanto a partire da Totem che si fece largo una versione per meditazione delle stesse premesse filosofiche. Ferme restando le percussioni ossessive (percussioni molto insolite), Roth imparò a far leva su melodie ipnotiche per suggestionare il suo pubblico di yuppie bisognosi di relax. L'Eternal Dance e il Ritual divennero la forma espressiva di un nuovo genere di new age, così come il rondò e l'adagio lo furono del barocco.

Initiation (che favorisce il passaggio dall'inerzia all'estasi in cinque cicli) e soprattutto Bones (ciascun brano del quale è dedicato allo spirito di un animale e il primo in cui la musica diventa un fine e non soltanto un mezzo, grazie anche agli arrangiamenti di violoncello, violino, flauto e sintetizzatore) continuarono a perfezionare quella tecnica.

Ancor più introverso, Ritual assimila modi della musica da camera (sempre grazie all'uso di strumenti come viola, flauto, oboe, canto) e usa il sintetizzatore sempre più per creare "droni" fini a se stessi. Il risultato non è lontano dagli esperimenti della world-music elettronica.

Dopo il festoso Waves Roth approdò a un altro vertice della sua carriera con il manieristico Trance, che presenta diverse novità: percussività sempre più sperimentali (in Bush Beat una biro che picchietta contro un posacenere), armonie sensuali (Night Whisper e Medicine Dream), accenti funky e rock (Funkeridu), e una world-music sempre più estetizzante (Nomad, Dervish Wind) che trascende in visioni mistiche (Shaman's Prayer per sintetizzatore, didgeridu e canto).

Le sei suite di Luna confermeranno l'ampiamento dell'ispirazione, con Seducing Hades a flirtare con funk e jazz e un sound percussivo che assomiglia sempre di più a quello degli esperimenti di Mickey Hart. Tongues continua la progressione verso un sound sempre più polifonico e articolato attraverso sofisticate composizioni poliritmiche come Chatter.

Roth, che negli ultimi tempi ha smesso di suonare e si limita a "dirigere" la sua orchestra, è anche autrice del libro "Teachings Of An Urban Shaman".

La sua è certamente fra le musiche più percussive che si possano ascoltare alla fine del secolo ventesimo. Roth ha dato nuovo significato al termine "trance".

Roth died in 2012.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database