Vas
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Sunyata (Narada, 1997) ***
Offerings (Narada, 1998) ***
Links:

Vas e` un duo di Los Angeles composto dalla cantante Azam Ali e dal percussionista Greg Ellis, un duo esordito con Sunyata (Narada, 1997), il primo disco di musica new-age in cui il canto venne accompagnato esclusivamente dalle percussioni. Il fatto e` voluto in quanto alle origini esistevano probabilmente soltanto questi due strumenti: "Sono i due strumenti piu` primitivi", ci dice Ali, "le percussioni e la voce umana. Prima ancora di inventare il concetto di strumento musicale, e il concetto stesso di musica, esisteva la voce umana, ed esisteva il ritmo. Soltanto in seguito nacque l'armonia." Azam Ali, nata in Iran e cresciuta in India, ha studiato musica classica persiana. "Cominciai a cantare da sola influenzata prevalentemente dalla musica indiana, ma anche da quella medievale. Il mio tirocinio musicale e` in realta` molto occidentale (feci parte persino di un coro di voci medievali). Dal momento in cui arrivai in America, il mio approccio divenne prettamente occidentale. Ma, se dovessi indicare l'influenza principale, direi ancora la musica indiana. C'e` qualcosa nel processo di canto indiano che ha a che vedere con l'interiorizzare l'emozione, qualcosa che esula dal processo di composizione." Ventisettenne, Ali inizio` a scrivere musica in maniera piu` o meno professionale nel 1991. "Il punto pero` non e` cio` che compongo: e` cio` che canto. Per me la musica finisce con la voce. E la voce e` uno strumento musicale, non un veicolo per i testi. Le ho seguite tutte: Joan LaBarbara, Meredith Monk, Diamanda Galas e Enya. Conosco tutte le grandi cantanti d'avanguardia che hanno rivalutato il ruolo della voce. Tutte mi hanno ispirato in qualche misura, ma non potrei citare una musicista che ha influenzato il mio stile in particolare. Semmai, il mio stile deriva dalle musiche del mondo che ho ascoltato, deriva da cantanti di tutto il mondo, anche se non diventeranno mai famose. La mia e` un'arte soprattutto emotiva, e l'emozione pertanto conta piu` della tecnica specifica. Cio` che ho in comune con quelle grandi musiciste d'avanguardia e` il concetto che la musica vada trattata come uno strumento, alla pari del violino e del pianoforte."

Il progetto Vas nacque nel 1995. "Non fu qualcosa di pianificato a tavolino: ci incontrammo a un concerto e poi ci recammo a una casa di amico a suonare dal vivo. Quella sera scocco` la scintilla. Gregg venne a trovarmi con un tamburo e passammo ore ad improvvisare a casa mia. Fu spontaneo l'impulso di lavorare insieme e da allora non ci siamo piu` fermati".

Greg Ellis e` invece Californiano e si mise in luce al seguito del duo David & David. Ha studiato jazz ed e` appassionato di folk mediorientale e africano. "Studiai tromba classica, ma la batteria fu fin dal liceo una necessita` fisica. Nel 1984 arrivai a Los Angeles e trovai piccoli lavori da sessionman. Per circa otto anni vivacchiai senza grandi ambizioni, anche se collezionai diverse collaborazioni di prestigio. Ero pero` un po' stanco di dover inseguire la visione di musicisti famosi. Sentivo di avevo da dare qualcosa di piu` come artista. Negli anni avevo raccolto percussioni di tutti i paesi del mondo. Cercavo soltanto un'occasione di mettere insieme il mio hobby e la mia tentazione, e Vas mi consente di dar sfogo a entrambi. Le percussioni mi consumano, sono la mia vita. E` un amore del ritmo, che in effetti non dipende neppure dallo strumento specifico. Le percussioni fanno vibrare la musica, e fanno vibrare tutto attorno a me, il mondo che mi circonda, la natura... Quando entro in sintonia con il ritmo, mi pare di aver decodificato il segreto dell'universo. Il ritmo e` trance..."

Il duo ha appena ultimato il nuovo disco, Offerings (Narada, 1998). "C'e` una continuita` fra i due album, ma il nuovo album e` piu` grande e piu` forte. Siamo cresciuti come musicisti e come persone. Abbiamo anche invitato quattro ospiti a suonare con noi, e cio` ha ulteriormente elevato il livello tecnico. Sul primo CD stavamo ancora esplorando, non avevamo mai suonato dal vivo. Questa volta sapevamo cosa volevamo fare."

Sunyata is music for percussion and vocals, ranging from meditations inspired by Native-American and Indian music (Ningal), catchy refrains halfway between lullaby and prayer (Saphyrro, Arc of Ascent), from renaissance grace (Refuge) to cerimonian joy (At Siva's Feat). The highlights are the lengthy medieval saltarello Sunyata and the lengthy lament Imam.

Offerings (Narada, 1998), which features an expanded instrumentation, is permeated by Tibetan spirituality and sounds, despite the fact that the female vocals sound very un-Tibetan. The graceful lament of Svarga is drowned in sitar drones and violin phrases. The Promise approaches the majestic composure of renaissance madrigals. A Garland of Breath is a simple chant on an organ drone, with no percussion, later joined by more voices and instruments. The sprightly dances of Varuna, Leyli and the instrumental Wajad pick up speed, but never steer too far from the mystic center of the album. The vocals blend western operatic and Indian cerimonial styles in the lengthy Ellora, another piece with propulsive percussion. Violin, flute and other non-percussion instruments add flavors to the concept of Vas. But the real protagonist is now the human voice.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Azam Ali has also released the solo album Portals of Grace (Narada, 2002), which drops to modern arrangements onto medieval chants. (Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database