Tim Weisberg
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Tim Weisberg (A&M, 1971) **
Hurtwood Edge (A&M, 1973) *
Dreamspeaker (A&M, 1973) *
Tim Weisberg 4 (A&M, 1974) *
Listen To The City (A&M, 1975) **
Live At Last (A&M, 1976) *
Nadia's Theme (A&M, 197#) *
Tim Weisberg Band (UA, 1977) *
Rotations (Liberty, 1978) *
Twin Sons Of Different Mothers (Epic, 1978) *
Smile (A&M, 1979) *** anthology
Nightrider (MCA, 1979)
Party Of One (MCA, 1980)
Travelin' Light (MCA, 1987)
High Risk (Cypress, 19##) *
No Resemblance Whatsoever (Giant, 1995) *
Links:

Il flautista Tim Weisberg anticipo' lo stile new age con i suoi album degli anni '70. Il primo conteneva composizioni soliste che erano al tempo stesso eteree e melodiche.

Con Dreamspeaker Weinsberg spostò l'enfasi sul sound di gruppo, con jam infuocate come Do Dah e melodie trascinanti come Night For Crying, sempre suonando a "squarciagola".

In seguito Weisberg incorporò anche l'elettronica. Il quarto album è uno dei suoi migliori, ma è anche un lavoro dominato dalle composizioni new age di Doug Anderson: la sonata rinascimentale Angelic Smile (per flauti e chitarra) e la serenata per pianoforte, flauto e violini di Dion Blue. Anche l'incalzante Travesty, con il sintetizzatore e la batteria scatenati, è di Anderson.

Listen To The City è forse il lavoro più estroverso della sua carriera, con il tema brioso di Rush Hour, la danza sfrenata di Street Party, l'improvvisazione swingante degli assoli di The Chase, e due temi melodici a perdifiato come la title-track e The Good Life.

Il pop-jazz un po' chiassoso della maturità ha però perso qualcosa della poesia intimista degli esordi.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database