Stefan Weisser (Z'ev)


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Salts Of Heavy Metal (Lust, 1980) EP
Editeditions & Contexts (Subterranean 14, 1982)
Contexts & Poextensions (Subterranean, 1983) EP
Elemental Music (Subterranean 30, 1984)
My Favorite Things (Subterranean 33, 1985)
Schonste Muziek (Dossier, 1988)
Bust This (Dossier, 1989)
The Ghost of One Foot In The Grave (Subterranean, 1997)
Opus 3.1 (Soleilmoon, 1999)
Ghost Stories (Soleilmoon, 1999)
Heads & Tales (Avant, 1998)
Face the Wound (Soleilmoon, 2001)
The Sapphire Nature (Tzadik, 2002)
An Uns Momento (CIP, 2001)
The Sleazy Listeners (Squirrelgirl, 2003)
Links:

Stefan Weisser (Los Angeles, 1951) comincio` a suonare a San Francisco nel 1968 come batterista in un trio jazz con Carl Stone alle tastiere e James Stewart al basso. Nel 1975 formo` i Cellar-M, che sarebbero poi diventati i Rhythm And Noise.

Ai tempi caso piu` unico che raro di tri-schizofrenia (e' attivo anche come Uns e Z'ev), Weisser era cultore delle percussioni "trovate", specie se metalliche. Salts Of Heavy Metal (march 1980) e' l'opera d'esordio, otto brevi reperti di follia percussiva. Production And Decay Of Spatial Relations (1982) e' il suo primo esperimento compiuto di cacofonia continuata; Contexts And Poextensions puo' essere suonato a qualsiasi velocita'. Elemental L (45 giri del 1984, presente anche in My Favorite Things) e' un tornado di metallo seviziato e distorto via phasing. Il senso della sua arte e' condensato in Elemental Music (february 1981), lunga suite puramente percussiva e in Schonste Muziek, in cui suona (o, meglio, riverbera) anche catene e barili.

The first recordings were reissued with a digital remix as Production And Decay Of Spacial Relations vs. Reproduction And Decay Of Spatial Relations (may 1981 - Die Stadt, 2006).

My Favorite Things is a compilation of works dating from 1979 to 1983.

Brutale, barbara e tempestosa, l'arte di Weisser e' un monumentale affronto alla civilta' musicale. I suoi poemi concreti sono quanto di piu' cacofonico sia mai stato messo su vinile.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
During the late 1980s, Z'ev began to focus on a different kind of improvisation, one that emphasizes duration rather than tempo. Unfortunately, his achievements were not documented for a long time.

Opus 3.1 (Soleilmoon, 1999), recorded in 1990, contains twenty brief sketches for different kinds of percussion patterns. Ghost Stories (october 1990 - Soleilmoon, 1999), also from 1990, is instead one long live improvisation that best documents Z'ev's talent.

Heads & Tales (august 1993 - Avant, 1998), credited to Hypercussion, and Face the Wound (Soleilmoon, 2001) compose a "spoken opera", one of his most ambitious projects.

His erudite theories on Hebrew philosophy permeate The Sapphire Nature (Tzadik, 2002), which now targets trance/meditation.

An Uns Momento (june 1981 - CIP, 2001) collects two works from the 1980s, Life Sentense and Save What?, credited to his alter-ego Uns (white noise and free-form vocals).

Z'ev's collaboration with Norwegian sound artist Lasse Marhaug yielded as The Sleazy Listeners (Squirrelgirl, 2003).

The Ghost of One Foot In The Grave (Subterranean, 1997 - Touch, 1991) is a 1968-1990 double-disc career retrospective, proving that the range of his experiments was far greater than mere percussive-industrial symphonies.

Z'ev (Crippled Intellect, 2004) is the soundtrack to a multimedia installation.

Headphone Musics 1-6 (Touch, 2004) mixes both his percussive/metal approach and his minimalist/droning approach.

Tinnitus VU (august 2003 - Touch, 2004), a collaboration between percussion noise-meister Stefan "Z'ev" Weisser and industrial/ambient composer David Jackman, better known as Organum, is a four-part 16-minute suite that careens through the agonizing metallic fibrillations of the first movement, the manic scratching of the second movement, the subsonic frequencies of the third movement, and the cascading tinkles of the fourth movement. All in all, it is another misguided example of long-distance collaboration, in which one artist (in this case Z'ev) is supposed to create interesting art by manipulating the ideas and the sounds of another artist (in this case, piano pieces by Organum). The result is simply naive, childish and pointless. Pointless because at the end we don't know much of what either artist wanted to tell us. We only know that CDs are so easy to manufacture that long-distance collaborations are becoming more and more fashionable. A bit more interesting is Tocsin -6 Thru +2 (april 2004 - Die Stadt, 2005), a subsequent full-length collaboration between the two who actually met in a studio at least to decide what to do. That one too turned into a long-distance collaboration, as each musician went back home and then separately worked on the material to produce the album's tracks. What a waste of talents.

Number One (Touch, 2005) was a collaboration among Z'ev, Chris Watson and KK Null that manipulated source material to create noh-inspired compositions.

Rhythmajik (june 2003 - Small Voices, 2005), a CD that bears the same title as Zev's 1992 book, is inspired to the kabala and, generally speaking, numerology, but, ultimately, it is another exercise in metallic soundsculpting.

Magistral (Southern Lord, 2007) is a collaboration with Sunn 0)))'s Stephen O'Malley.

Metaphonics (march 2005) contains one 35-minute piece. Past Life (october 2005) documents a live performance. Symphony #2 - Elementalities recycles source materials drawn from Ghost Stories (december 2005).

Z'ev/John Duncan/Aidan Baker/Fear Falls Burning (Die Stadt, 2006) contains Z'ev Elementonal.

Osso Exotico + Zev (Crouton, 2008) is a collaboration with Osso Exotico: one colossal 75-minute piece.

Spirit Transform Me (Tzadik, 2008) is a collaboration with Oren Ambarchi.

Forwaard (2007) and Outwaard (2008) are collaborations with Frans de Waard that consist in manipulating field recordings.

22'22 (Ideal, 2008), a split with Benny Nilsen, contains a 22-minute Zev piece for computer and percussion.

Z'ev crafted the dark ambient suite of Sum Things (Cold Spring, 2009) using only the sound of metallic percussion and .

Intervals (april 2009 - Monotype, 2010) documents live collaborations between Z'ev and Jason Kahn (also on analogue synthesizer).

East African Nocturne (september 2010) documents a live collaboration between Z’ev and Cabaret Voltaire's founder Chris Watson.

Colchester (2011) was a collaboration between Z'ev and Peter "Pita" Rehberg, the product of a monthly file exchange process in 2005.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Durante gli ultimi anni ottanta Z'ev concentrò la propria attenzione su un diverso tipo di improvvisazione che enfatizzasse la durata piuttosto che il ritmo. Sfortunatamente i suoi risultati non vennero documentati per molto tempo.

Opus 3.1 (Soleilmoon, 1999), registrato nel 1990, contiene venti brevi bozzetti di pattern percussivi. Ghost Stories (ottobre 1990 - Soleilmoon, 1999), anch'esso del 1990, è invece una lunga improvvisazione dal vivo che meglio documenta il talento di Z'ev.

Heads & Tales (agosto 1993 - Avant, 1998) venne attribuito a Hypercussion mentre Face To Wound (SoleilMoon, 2001) proponeva un'"opera parlata" che si classifica tra i suoi progetti più ambiziosi.

Le sue teorie erudite di filosofia ebraica permeano The Sapphire Nature (Tzadik, 2002), che punta alla trance/meditazione.

An Uns Momento (june 1981 - CIP, 2001) contiene due lavori risalenti al 1980, Life Senses e Save What?, attribuiti ad Uns (rumore bianco e vocalizzi free-form).

Una collaborazione con l'artista del suono norvegese Lasse Marhaug fruttava The Sleazy Listeners (Squirrelgirl, 2003).

The Ghost Of One Foot In The Grave (Subterranean, 1997 - Touch, 1991) è una doppia retrospettiva di carriera del periodo 1968 - 1990, che dimostra quanto le possibilità dei suoi esperimenti fossero molto distanti dall'essere semplici sinfonie percussive-industriali.

Z'ev (Crippled Intellect, 200) è la colonna sonora di un'installazione multimediale.

Headphone Musics 1-6 (Touch, 2004) miscela il suo approccio percussivo/metal al suo approccio minimalismo/droning.

Una collaborazione fra il percussionista virtuoso della cacofonia Stefan "Z'ev" Weisser e il compositore industrial/ambient David Jackman, meglio conosciuto come Organuum, fruttava Tinnitus VU (agosto 2003 - Touch, 2004), una suite in quattro parti di sedici minuti che sbanda fra le agonizzanti fibrillazioni metalliche del primo movimento, i rumori striduli e maniacali del secondo movimento, le frequenze subsoniche del terzo movimento e lo scroscio di squilli del quarto movimento. Complessivamente, questo è un altro esempio fuorviante di collaborazioni a lunga distanza, nelle quali un artista (in questo caso Z'ev) è immaginato nel creare arte interessante manipolando le idee e i suoni dell'altro artista (in questo caso, i brani pianistici di Organum). Il risultato è semplicemente ingenuo, infantile e inutile. Inutile perché alla fine non è chiaro cosa i due musicisti vogliano dire. Noi sappiamo che i CD sono così semplici da fabbricare che le collaborazioni a lunga distanza stanno diventando sempre più affascinanti. Un po più interessante è invece Tocsin -6 Thru +2 (aprile 2004 - Die Stadt, 2005), un'ulteriore collaborazione esauriente tra i due che fortunatamente si incontrarono per decidere cosa fare. Quella si trasformò in un'altra collaborazione a distanza, dove ciascuno dei musicisti tornava a casa per lavorare in proprio sul materiale da portare in produzione per l'album. Che spreco di talento.

Number One (Touch, 2005), una collaborazione tra Z'ev, Chris Watson e KK Null, manipolava numerose fonti di materiali per realizzare composizioni "non ispirate".

Rhythmajik (giugno 2003 - Small Voices, 2005), un album che porta lo stesso titolo di un libro di Z'ev del 1992, è ispirato alla cabala e alla numerologia (qui spesso citata), ma, alla fine, non è altro che un esercizio di soundsculpting.

Magistral (Southern Lord, 2007) è una collaborazione con i Sunn 0))) di Stephen O'Malley.

Metaphonics (marzo 2005) contiene una traccia di trentacinque minuti. Past Life (ottobre 2005) documenta un'esibizione dal vivo. Symphony #2 - Elementalities ricicla fonti di materiali estratti da Ghost Stories (dicembre 2005).

Z'ev/John Duncan/Aidan Baker/Fear Falls Burning (Die Stadt, 2006) contiene Elementonal di Z'ev.

Osso Exotico + Z'ev (Crouton, 2008) è una collaborazione con Osso Exotico che propone una colossale traccia di settantacinque minuti.

Spirit Transform Me (Tzadik, 2008) è una collaborazione con Oren Ambarchi.

Forwaard (2007) e Outwaard ("008) sono collaborazioni con Frans de Waard che si cimentano nella manipolazione dei field recording.

22'22 (Ideal, 2008), un album diviso con Benny Nilsen, contiene una traccia di ventidue minuti per computer e percussioni.

Z'ev scolpisce la suite dark ambient di Sum Things (Cold Spring, 2009) usando soltanto il suono di percussioni metalliche e .

Intervals (aprile 2009) - Monotype, 2010) documenta una collaborazione dal vivo tra Z'ev e il fondatore dei Cabaret Voltaire Chris Watson.

Colchester (2011) era una collaborazione tra Z'ev e Peter "Pita" Rehberg. L'album è il risultato di uno scambio mensile di file che andava avanti dal 2005.

Ghost Time (2012) documents a trio with British vocalist and drummer Ken Hyder and British trumpeter Andy Knight

The double-disc Rubhitbangklanghear (Sub Rosa, 2013), documents a performance with Charlemagne Palestine recorded in june 2010.

Eleven Mirrors To The Light (Cold Spring, 2016) is devoted to 7-minute long drones.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database