Renato Castellani


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Soggettista di Blasetti negli anni trenta, Renato Castellani calligrafici Renato fu uno dei registi calligrafici, commediografo di ispirazione letteraria dotato di un spiccato gusto figurativo e sempre sospeso fra "telefoni bianchi" e neorealismo, esponente percio` del filone "rosa" che imperverso` (?) fin dal principio nell'ambito del neorealismo. Dopo Un colpo di pistola (1942, storia di un duello per amore che la contesa evita facendo la sua scelta) e altri melodrammi apocrifi rispetto al cinema di regime, si converti` al neorealismo nel 1948 con Sotto il sole di Roma, ritratto dei giovani romani durante la guerra, ragazzi di vita (presi effettivamente della strada) che vivono di espedienti e che vanno incontro alla tragedia (l'uccisione di una guardia durante un furto di gomme) o alla redenzione (il figlio del metronotte); Primavera (1949), farsa di un rubacuori che viene arrestato per bigamia, introduce a Due soldi di speranza (1951), che enuncia la sua personale "seconda via" al neorealismo. Osservazioni di costume, freschezza narrativa, sentimentalismo e intimismo ne sono le principali componenti. Nel napoletano un giovane disoccupato che deve provvedere alle dote delle cinque sorelle si adatta a ogni lavoro (autista, venditore di bibite, sacrestano, attacchino), ma pensa sempre alla focosa fidanzata che le famiglie non vogliono lasciargli sposare e che intralcia con la sua possessiva gelosia i tentativi del giovane (come quando lui si trasferisce in citta` a lavorare per una vedova che si e` ingraziato donando sangue al figlioletto); alla fine lei fugge di casa e lui se la prende senza dote ma i compaesani si stringono attorno a loro. I due spensierati amanti (progenitori degli allegri popolani di Pane amore e fantasia) non si arrendono davanti alla poverta` e alla fine conquistano l'approvazione dell'intero paese; l'idillio rustico trasforma la tragedia cronica dei disoccupati in un gioco d'astuzia, il bozzettismo (vedi il padre di lei, fabbricante di fuochi d'artificio, o la vedova padrona del cinema) edulcora la dura vita nelle campagne meridionali.

Dopo una virtuosistica e neorealistica riduzione di Romeo e Giulietta (1954), I Sogni nel Cassetto (1957) affronta per la terza volta consecutiva il tema di un amore contrastato, questa volta fra due studenti, e delle illusioni giovanili (lei morira` di parto proprio quando la laurea ha procurato a lui un posto di medico di paese).

Due opere di intenti sociali segnarono un provvisorio ritorno alle tematiche neorealiste. Nella Citta` l'Inferno (1959) e` un film interpretato da sole donne e ambientato in carcere femminile, con Anna Magnani nella parte di una donna esperta e disillusa. Il Brigante (1961) e` un giovane accusato per errore di omicidio, che si da alla latitanza finche` la sua innocenza non viene riconosciuta; quando un anno dopo si ritrova a capeggiare le lotte dei contadini, la vecchia accusa viene rispolverata e il giovane deve darsi di nuovo alla macchia; i suoi nemici gli ammazzarono pero` la fidanzata e lui torna in paese per vendicarla, sparando all'impazzata contro i carabinieri, e cercando la morte.

In seguito Castellani si e` segnalato piuttosto come valido biografo televisivo (Leonardo e Verdi), con Kolossal multinazionali che gli hanno consentito di sfoderare tutto il suo virtuosismo.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this cinema database