Wolfgang Becker
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Wolfgang Becker

Good Bye Lenin (2003) is a historical comedy that uses history to carry out the character study of a woman at an allegorical level (while carrying out a more literal character study of her son). The film is linear and relatively traditional, but employs historical footage and simulates stereotypes of the media (tv news, home videos, etc) in an original fashion.

A home video shows children playing in what used to be the DDR (East Germany). It was the year that a Eastern German astronaut joined a Soviet mission in the space. The astronaut became a myth for the little boy, Alex, who spent hours in front of the tv set listening to the chronicle of the space mission. The family was thrown in disarray when the father disappeared in West Berlin. The mother was harassed by the police and remained speechless for months. When she finally returned to normal, she decided to devote her life to social issues. She became a heroine of the socialist regime. Alex kept dreaming of becoming an astronaut, but instead landed a job as a tv-set repair man. There were anti-government marches in the streets, and Alex once joined one. He met a cute girl, Lara, but then the police started beating the protesters. Alex was arrested and, as he was pushed into a police truck, he saw his mother faint in the street after recognizing him. His mother had had a heart attack and fell in a coma. She remains in a coma the whole time as the Berlin wall is torn down, the old regime is kicked out, the two Germanies are unified, crowds celebrate democracy, and the neighborhood is rapidly westernized. Old furniture and old habits are dumped. Alex and her sister still visit their mom at the hospital frequently, but there seems to be no hope for their mother. Alex's tv repair shop is closed, and he finds employment as an installer of satellite dishes, teamed up with Denis, who dreams of becoming a director. Western manners are now pervasive: Alex and Lara go to a disco, smoke a joint, etc. Lara is a nurse at the hospital, and one day Alex's virility is aroused while she is in his mom's room. Just when they are starting to make out, Alex's mother miracolously awakes. The doctor casts a dark cloud on the recovery, though: the woman is weak, her memory is damaged, a heart attack could kill her for good. The most important thing is that she does not get excited. Alex realizes that she would die if she learned what has happened to East Germany, and thus decides to pretend that nothing has changed. This soon becomes an elaborate project. First, he refurbishes the apartment as it was, with the old furniture. Then he rummages dumps in a desperate quest for the old food of the communist times. Then he even concocts fake tv news (courtesy of his friend the amateur director) that describe a world that doesn't exist anymore, a world of communist propaganda in which it is the West that is decaying and it is the East that is prospering. People have time a few days to exchange the old money with the new money, but Alex can't tell her mother why he needs the money. So he improvises a story that the car they ordered three years earlier from the government is ready. But mother has forgotten where she hid the money. When she finally remembers, it is after the deadline: Alex begs in vain the bank to exchange it for good money. At night, he throws it on the city from the roof of the building. His creepy act of deception is becoming more and more difficult to sustain. Old neighbors and colleagues must be convinced to play along. Tv news must be manufactured to explain odd events (such as a big Coca Cola sign that appears on the building across the street). Alex's sister, in the meantime, works at a drive-in restaurant, and recognizes one of her customers as her father, but doesn't dare talk to him. The two children grew up resenting that the man abandoned them. One day mother walks out of bed and outside the apartment, and down the elevator to the street. She finally sees how the country has been westernized. A helicopter flies back carrying the statue of Lenin to be demolished. Alex and his sister get her back to her room, and pretend that there is a simple explanation: the Westerners, tired of the capitalist society, are flooding East Germany, and the socialist regime is so generous to accept them. The Westerners are refugees When their mother wants to see the country house, Alex blindfolds her and uses an old Trabant to get her there. She takes the opportunity to confess her unforgivable crime: her husband did not abandon them, he fled to the West as agreed with her, and then kept asking her to join him. It was she who couldn't abandon her life in the socialist regime. The children are shocked to hear that it was she who abandoned him, not he who abandoned them. She then gets worse and needs to be hospitalized again. Her last wish is to see her husband one more time. Alex takes a taxi to his father's villa (which happens to be driven by his childhood's hero, the astronaut). His father accepts to visit the dying woman, and accepts the charade of not telling her what happened to East Germany. Finally, Alex and Denis create the final tv broadcast, in which the old East German regime resigns for the good of mankind and offers unification to west Germany. The events of the last year are summarized in a way that sounds like it was all an accomplishment of the communists. The crowds climbing the Berlin wall are described as Westerners eager to migrate to the East. She dies a few days later and asks that her ashes be scattered in the sky by a rocket built by Alex, a last act to bring back his childhood.
(Translation by/ Tradotto da Gabriele Calderone)

Good Bye Lenin (2003) è una commedia storica che usa la Storia per elevare il personaggio di una donna ad un livello allegorico (portando contemporaneamente ad un livello più prosaico il personaggio di suo figlio) Il film è lineare e relativamente tradizionale, ma si avvale di una fedele ricostruzione storica e rappresenta gli stereotipi dei media (notiziari, programmi televisivi, etc.) in un modo originale.

Un filmato mostra dei bambini che giocano in DDR (la Germani dell’Est). E’ l’anno in cui un astronauta della Germania dell’Est si unisce ad una missione sovietica nello spazio. L’astronauta diviene un mito per il piccolo Alex, che trascorre ore davanti all’apparecchio televisivo seguendo la telecronaca della missione spaziale. La famiglia di Alex è gettata nello scompiglio quando il padre scompare nella Berlino Ovest. La madre subisce forti pressioni dalla polizia e cade nel mutismo per molti mesi. Quando finalmente guarisce, decide di votare la sua vita alla causa sociale: diviene un’eroina del regime socialista. Alex conserva il sogno di diventare un astronauta ma intanto ottiene un lavoro come riparatore di apparecchi televisivi. Nelle strade si svolgono marce anti-regime e Alex si unisce ad una di esse. Qui incontra una graziosa ragazza, Lara, ma dopo che la polizia prende a picchiare i partecipanti, Alex viene arrestato. Mentre è condotto in una camionetta della polizia, il ragazzo vede sua madre svenuta per terra, dopo averlo riconosciuto. Ha avuto un attacco cardiaco e cade in coma, stato in cui rimane fino a quando il muro di Berlino non viene abbattuto, il vecchio regime spazzato via, la Germania unificata con le folle che festeggiano la democrazia, e la gente viene velocemente occidentalizzata. I vecchi mobili e le vecchie abitudini vengono sostituiti. Alex e sua sorella continuano di frequente a fare visita alla madre in ospedale, ma sembra non esserci speranza per lei. Il negozio di riparazioni di tv di Alex viene chiuso, così il ragazzo trova lavoro come installatore di parabole satellitari, insieme a Denis, che sogna di diventare un regista. Gli usi occidentali si fanno sempre più strada: Alex e Lara vanno in una discoteca, fumano joint, etc. Lara è infermiera in ospedale, e un giorno l’attenzione del ragazzo verso di lei viene destata vedendola nella camera di sua madre. Poi, proprio quando tutti loro sono in procinto di perdere ogni speranza, la madre si risveglia miracolosamente. Il dottore esprime comunque seri dubbi su tale guarigione: la donna è debole, la sua memoria danneggiata, un altro attacco di cuore la ucciderebbe di certo. La cosa più importante è che non venga sovraeccitata. Alex capisce allora che la madre morirebbe se sapesse cosa è capitato alla Germania dell’Est, e così decide di fare come se niente fosse cambiato. Questo presto diventa un progetto complicato: per prima cosa, ri-arreda l’appartamento con il vecchio mobilio, come era prima del crollo del Regime. Quindi, rovista nei depositi nella disperata ricerca del vecchio cibo dell’era comunista. Infine architetta falsi notiziari tv (con la partecipazione del suo amico, l’aspirante regista) che descrivono un mondo che ormai non esiste più, un mondo di propaganda comunista in cui è l’Occidente ad essere decadente e l’Est prosperoso. La gente ha a disposizione pochi giorni per cambiare la vecchia moneta con quella nuova, ma Alex non può dire alla madre perché gli servano i soldi; inventa quindi la storia che l’auto che hanno ordinato tre anni prima dal governo è ora disponibile, ma la madre ha dimenticato dove abbia nascosto i soldi prima della malattia e quando finalmente lo ricorda, il termine per cambiare il denaro è ormai scaduto: Alex va comunque di banca in banca per cambiarlo con denaro valido, ma invano, così di notte, lo getta sulla città dal tetto del suo palazzo. Il piano d'inganno intanto diviene sempre più difficile da sostenere: anche i vicini di casa e i vecchi colleghi della madre devono essere convinti e divengono parte della sceneggiata. Vengono create finte notizie tv per camuffare un mondo ormai occidentalizzato (per esempio, l’enorme cartellone pubblicitario della coca-cola che compare su un palazzo nella loro stessa strada). La sorella di Alex, intanto, lavora in un ristorante drive-in, e riconosce suo padre in uno dei clienti, ma non ha il coraggio di parlargli. Lei e Alex sono infatti cresciuti con la convinzione di essere stati abbandonati. Un giorno la madre scende dal letto ed esce dall’appartamento, e prendendo l’ascensore si ritrova in strada. Finalmente allora, vede come il paese sia stato occidentalizzato: un elicottero vola in cielo portando con sé la statua di Lenin che sarà demolita. Alex e su sorella riportano la madre in camera e la convincono che c’è una semplice spiegazione a tutto ciò: gli abitanti della Germania Ovest, stanchi del sistema capitalistico, stanno invadendo la Germania Est e il regime è così generoso da accettarli. Gli occidentali sono solo dei rifugiati. Tempo dopo, quando la madre esprime il desiderio di andare in visita alla casa di campagna, Alex la benda e usa una vecchia Trabant per portarcela. Lei coglie l’occasione per confessare il suo atto imperdonabile: suo marito non li ha abbandonati, ma è fuggito nell’Ovest come accordato con lei, e le ha chiesto di raggiungerla lì, ma lei non lo ha seguito, non potendo abbandonare la sua vita nel Regime socialista. I due ragazzi sono scioccati nel sentire che è stata lei ad abbandonare il marito, e non lui ad abbandonare loro. Quindi lei peggiora, e ha bisogno di essere ricoverata di nuovo. Il suo ultimo desiderio è di poter vedere il marito un’ultima volta ancora. Alex prende un taxi fino alla villa del padre (taxi che sembra essere guidato dal suo idolo d’infanzia, l’astronauta). Il padre accetta di fare visita alla donna morente e accetta di stare al gioco e di non dirle cosa è successo alla Germania dell’Est. Infine, Alex e Denis, girano l’ultimo programma tv, in cui il vecchio Regime tedesco dell’Est cede per il bene degli uomini e accetta di unificarsi alla Germania dell’ovest. Gli eventi dell’ultimo anno vengono spiegati in un modo che suona come se tutto fosse opera dei comunisti: le folle che scavalcano il muro di Berlino sono descritte come composte da ragazzi occidentali che migrano a Est. Infine la madre muore pochi giorni più tardi e chiede che le sue ceneri vengano sparse in cielo da un modellino di razzo costruito da Alex, l’ultimo atto per rivivere la sua infanzia.
(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this cinema database