Georges Brassens
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Da figlio di muratore e teppistello di strada (con un anno di riformatorio alle spalle) a spazzacamino e operaio metalmeccanico, il giovane Georges Brassens matura una coscienza e una sensibilita` che lo portano, dopo l' esperienza in prima linea, da un alto ad aderire alla Federazione Anarchica e dall'altro a comporre poesie e canzoni in linea con l'umore esistenziale dell'immediato dopoguerra parigino. Bazzicando le "caves de Patachou" con il suo piccolo ensemble a ritmo jazz, negli anni '50 si impone come uno dei piu` efficaci interpreti della crisi sociale: mette in musica le poesie di Villon e di Jammes, diventa l'idolo di Montmartre, ottiene riconoscimenti dalle istituzioni piu` prestigiose di Francia. Le sue canzoni (Brave Margot, La Mauvaise Reputation e Le Gorille, entrambe della fine degli anni '40, La Chasse Aux Papillons, La Complainte Des Filles De Joie, La Religieuse, Mourir Per Ses Idees, Le Testament), amare caustiche visioni di un anti-conformista anti-intellettuale, sono popolate di una folla di personaggi emarginati dei bassifondi (come la P... De Doi), che fecero di Brassens il naturale erede di Bruant. Il suo primo album fu Georges Brassens Chante Les Chansons Poetiques (1953). Aveva gia` pubblicato due romanzi e stava per pubblicare la prima raccolta di poesie. Altri album significativi sono Le Parapluie (1954) e Les Trompettes De La Renommee (1962).

Mori` nel 1981. Fedele fino alla fine a una sua visione "umile" della vita, volle essere sepolto nel cimitero dei poveri di Sete.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database