Canned Heat
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

A Los Angeles il blues revival dei bianchi arrivo` quasi dieci anni dopo che in Inghilterra, e soltanto come contraltare del folk-rock. I Canned Heat furono l'effimero fenomeno di quella stagione. Il cantante Bob Hite e i chitarristi Alan Wilson e Henry Vestine (che aveva suonato con Frank Zappa), fedelissimi allo stile classico dei bluesmen di Chicago, non inventarono molto di nuovo, ma si conquistarono fama e gloria al festival di Monterey. Gli album Canned Heat (Liberty, 1967) e Boogie With (Liberty, 1968) contenevano soltanto cover e non erano neppure cover intriganti come quelle dei Rolling Stones di qualche anno prima, ma una di esse, On The Road Again (un traditional degli anni '20), scalo` le classifiche grazie a un tono quasi noir, seguita da Going Up The Country, guidata da un incalzante flauto. Sull'onda di quei successi giunsero a registrare un album di jam sterminate, Living The Blues (UA, 1968), sul quale svettano Refried Boogie, di ben quaranta minuti, e Partenogenesis. Halleluja (Liberty, 1969) fu invece l'album "normale" dell'epoca. Future Blues (Liberty, 1970) fu l'ultimo album rilevante, quando il sound sembrava avvicinarsi all'hard-rock. Let's Work Together (di Wilbert Harrison) fu il loro massimo hit. Con la morte di Wilson per overdose nel 1970 il gruppo entro` in una crisi da cui non si riprese mai anche se continuo` a suonare finche' Bob Hite venne ucciso da un attacco cardiaco nel 1981.

Vestine torno` sulle scene con Guitar Gangster (New Rose, 1991), una collaborazione con Evan Johns.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database