Deviants
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Ptooff , 8/10
Disposable , 7.5/10
Deviants , 7/10
Mona The Carnivorous Circus , 7.5/10
Vampires Stole My Lunch , 6.5/10
Links:

I Deviants furono forse il piu` significativo complesso della musica underground britannica degli anni '60, alla pari con i primi Pink Floyd.

I Social Deviants vennero formati nel 1966 da Mick Farren, un giovane militante che era rimasto suggestionato dalla satira agit-prop dei Fugs. Farren fu uno dei protagonisti della contro-cultura londinese, esponente di primo piano delle White Panther britanniche, organizzatore e animatore di serate alternative, giornalista di "International Times" (l'organo ufficiale della cultura alternativa) e politicante; insomma, il John Sinclair inglese. I Social Deviants furono semplicemente l'appendice musicale della sua multiforme attivita`, un'emanazione dalle jam-happening che i freak tenevano all'UFO Club.

Il primo album, Ptooff (Underground Impresarios, 1967 - Decca, 1969 - Psycho, 1984), e` una fantasia di incubi adolescenziali che raggiunge un equilibrio storico fra il trash-rock delle bande da garage e il commentario sociale dei Fugs.
Le gag sono geniali e vertiginose: l'assolo di Farren che imita con la bocca un intero complesso, le canzoncine anni '20, i ritmi marziali, le declamazioni alcoolizzate, i riff bislacchi, falsetti e bassi zappiani, slapstick fugsiani come People Of The City, vomiti allucinogeni blues come Garbage (riff rubato a Defecting Grey dei Pretty Things), l'incubo tribale e tecnologico di Nothing Man, mini-colonne sonore underground come Deviation Street, anthem grezzi alla Stooges come I'm Coming Home.
I Deviants, uno dei pochissimi complessi veramente politicizzati del rock inglese, volevano rappresentare la provocazione a oltranza, ma il fatto saliente era il loro sound rocambolesco.

Disposable (Stable, 1968 - Get Back, 1998), con l'inno alla Fugs di Let's Loot The Supermarket, la comica Fire In The City, l'irruente garage-rock di You've Got To Hold On, la lunga e demenziale Normality Jam, la trenodia Doors-iana di Somewhere To Go, l'hard-rock selvaggio di Slum Lord, e` un disco molto meno geniale, ma non meno irriverente e originale, e infinitamente piu` musicale.

Dopo l'ultimo Deviants (Transatlantic, 1969), che vede l'ingresso del chitarrista canadese Paul Rudolph e che contiene ancora un'epilessi caotica di acid-rock come Metamorphosis Exploration (nove minuti), un tetro Rambling Black Transit Blues e la trance parodistica di Billy The Monster, il gruppo si sciolse. Mentre Farren si concentrava sulle attivita` non musicali, gli altri (il bassista Duncan Sanderson, il batterista Russell Hunter, il chitarrista Paul Rudolph) si unirono a John "Twink" Alder e registrarono Think Pink (Polydor, 1970) e poi lo seguirono nei Pink Fairies.

I dischi dei Deviants erano profondamente diversi dagli stereotipi della musica rock britannica. I loro brani erano satire militanti e suite-collage popolate di lunghe cavalcate strumentali psichedeliche. Antesignani dell'anarchismo punk, i Deviants avevano poco o nulla in comune con la generazione del flower-power. Imitando gli MC5, concepirono la rivoluzione soprattutto come violenza brada.

Farren incise ancora Mona The Carnivorous Circus (Transatlantic, 1970 - Psycho, 1984 - Get Back, 1998), accompagnato dai Pink Fairies, una splendida ripresa della musica deviante (l'iper-psichedelica Carnivorous Circus, capolavoro di Twink e Took, con Paul Buckmaster al violoncello).

Farren pubblico` ancora Vampires Stole My Lunch (Logo, 1978), svagato omaggio ai nuovi teppisti punk di Portobello (Drunk In The Morning, Bela Lugosi), prima di darsi definitivamente al giornalismo.

Farren rispolvero` la sigla Deviants per registrare l'EP Screwed Up (Stiff, 1977), all'insegna del punk-rock, e l'album dal vivo Human Garbage (Psycho, 1984) con Wayne Kramer degli MC5. Con Kramer lavoro` anche a un musical, di cui comparvero alcune canzoni su Who Shot You Dutch (Spectre, 1987).

Farren, ormai rilocato a Los Angeles, formera` ancora i Tijuana Bible con cui registrera` Gringo Madness (Big Beat, 1993), una sorta di album concept che sposa cinema noir e poesia beat, e poi si dara` definitivamente a recitazioni "spoken-word".

I nuovi Deviants di Farren, con Wayne Kramer e Andy Colquhoin, registrarono un decoroso Eating Jello With A Heated Fork (Alive, 1997) che sposa la feroce anarchia dei primi tempi con il compassato stile beat della maturita`.

On Your Knees Earthlings (Total Energy, 2001) e This CD is Condemned (Total Energy, 2002) sono antologie dei Deviants curate da Farren.

Mick Farren died in 2013.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
What is unique about this music database