J Geils Band


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

La J. Geils Band, formata a Boston nell'ambiente dei giovani studenti ebrei, reinvento` il garage-rock, il blues-rock all'insegna di un'esuberanza quasi punk e di un piglio quasi parodistico.

Esordirono all'insegna del southern-rock che andava di moda all'inizio degli anni '70, fungendo da raccordo con i Rolling Stones e il blues revival degli anni '60. Dalla loro avevano un cantante esagitato come Peter Wolf, abilissimo a rifare il verso a doo-woop e shouting, la chitarra graffiante di Jerome "Jay" Geils, l'organo atmosferico di Seth Justman, e soprattutto l'armonica di Magic Dick (Dick Salwitz), forse il piu` grande allo strumento fra i musicisti bianchi. J Geils Band (Atlantic, 1970), The Morning After (Atlantic, 1971), con Bobby Womack's Looking For A Love, Full House (Atlantic, 1972), con Whammer Jammer, travolgente capolavoro di Dick, erano lavori diligenti ma non certo rivoluzionari. Poco alla volta Justman e Wolf cominciarono a scrivere canzoni originali, che presero il posto dei classici del blues.

Grazie al reggae scomposto di Give It To Me, al funk-rock martellante e ossessivo di Houseparty e alla jam veemente di Southside Shuffle, l'album Bloodshot (Atlantic, 1973) li catapulto` invece nelle classifiche.

Ladies Invited (Atlantic, 1973) fu un album di transizione, ma Nightmares (Atlantic, 1974) annoverava ancora la nobile tensione boogie di Musta Got Lost e il rhythm and blues satanico di Detroit Breakdown.

Dopo un altro lavoro di transizione, Hotline (Atlantic, 1975), su Monkey Island (Atlantic, 1977) i nove minuti di hard-rock scintillante di Monkey Island li proiettarono nella scia dei Led Zeppelin, ma con un piglio melodico ed entusiasta del tutto originale, e segnarono l'inizio del dominio di Justman, ora anche produttore. Il nuovo trademark del loro sound e` proprio l'organo di Justman, che trascina i loro gioviali brani con una tonalita` inconfondibile da spiaggia.

Just Can't Wait, un folk-rock Dylan-iano adattato alle balere, tratto da Sanctuary (Emi, 1978), che contiene anche Ona Last Kiss e Sanctuary. Love Stinks, blues lento e demenziale, tratto da Love Stinks (Atlantic, 1980), e` il brano che separa nettamente la carriera "seria" da quella "comica" del gruppo.

Freeze Frame (Emi, 1981) fu il loro album "new wave" e forse il migliore, o quantomeno il piu` divertente. Il gruppo scodella Centerfold, una scatenata danza estiva che si riallaccia al bubblegum degli anni '60; Freeze Frame, una comica filastrocca farcita di coretti doo-wop e battiti di mano e sostenuta da un martellante ritmo in crescendo di organo; il travolgente rock and roll e motivetto doo-woop di I Do; e Angel In Blue; con Dick in smagliante forma ora anche alla tromba e al sax.

Gruppo orientato ai singoli, nessuno dei loro album e` un capolavoro. Meglio l'antologia Best vol. 1 & 2 (Atlantic, 1981).

Peter Wolf, more famous as Faye Dunaway's husband, launched a solo career with Lights Out (EMI, 1984) and kept it alive with the more generic Come As You Are (1987) and Up To No Good (1990), the very personal Sleepless (Artemis, 2002) and Midnight Souvenirs (2010).

In 2005 Jay Geils released an album of jazz music.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database