Wet Willie
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Fra i tanti gruppi che negli anni '70, sull'onda del riflusso, celebrarono lo sposalizio fra il blues-rock e le jam dei primi gruppi hard, i Wet Willie si distinsero fin dall'inizio per un cipiglio piu` vibrante, per il mordente feroce, la carica aggressiva, e soprattutto per il viscerale taglio rhythm and blues (mediato dal piu` cruento Otis Redding). D'altronde il gruppo (cinque maschi e due femmine da Mobile, Alabama) poteva contare sul miglior cantante del Sud, Jimmy Hall, incrocio di razza fra rocker e soul-man, e sul chitarrista quasi heavy Ricky Hirsch. Red Hot Chicken, su Wet Willie I (Capricorn, 1972) il gospel a ritmo reggae Keep On Smilin', su Keep On Smilin' (1974), l'hard-rock soul Dixie Rock, su Dixie Rock (1975), Everything That 'Cha Do, su The Wetter The Better (1976), Street Corner Serenade, su Manorisms (Epic, 1978), Weekend su Which One's Willie (Epic, 1979), segnano un progressivo allontanamento dal country-boogie degli Allman Brothers. La loro originale sintesi di hard-rock, soul, gospel, e "muro del suono" "Spector-iano" rappresenta un coriaceo contributo al progresso del rock.

Hirsh lascio` il gruppo nel 1977.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database
Wet Willie I (Capricorn, Recorded: Capricorn Studios, Macon, Ga. 1. Have A Good Time, 2. Dirty Leg, 3. Faded Love, 4. Spinnin' Round, 5. Rock 'N Roll Band, 6. Pieces, 7. Beggar Song, 8. Fool On You, 9. Shame, Shame, Shame, 10. Low Rider