Beat Farmers
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Viking Lullabys , 5/10
Manyfold , 5/10
Links:

I Beat Farmers sono il complesso che, negli anni '80, apri` i battenti di San Diego a una mandria di gruppi alternativi. Confusi con la prima ondata di cow-punk, e forti di un'eccentrica mistura di ritmi popolari e armonie vocali, i Beat Farmers di Tales Of The New West (Rhino, 1985) divennero famosi grazie alle novelty California Kid (dell'amico Paul Kamanski) e Happy Boy, sorta di parodie delle ballate country cantate nel registro di tenore, canzonacce che inneggiano all'edonismo di provincia e alla personalita` del batterista e cantante Dick Montana. I chitarristi Buddy Blue e Jerry Rainey si prendevano cura del reso. Imitando da un lato i Byrds in Bigger Stone (armonie vocali e jingle jangle) e il garage-rock in Selfish Heart (il piglio cattivo, gli assoli infuocati, i cori, i riff epidermici, la cadenza rockabilly), ovvero i Sixties della musica rock, e dall'altro gli stili tradizionali (dal rockabilly annacquato di Lost Weekend e Goldmine alla ballata nostalgica Where Do They Go), i Beat Farmers cercavano una continuita` fra la generazione dei punk e quella dei loro nonni.

Dopo l'EP Flad'n'Greasy (Demon, 1986 - Rhino, 1991), il promo a tiratura limitata Home Of Country Dick Montana, con Lakeside Trailer Park, e l'album raffazzonato Van Go (Curb, 1986), con Gun Sale At The Church e Riverside. Ma i due numeri migliori, Road Of Ruin e Blue Chevrolet, sono di Paul Kamansky. Buddy Blue venne sostituito con Joey Harris, altro cantautore e chitarrista, gia` titolare di Joey Harris and the Speedsters (MCA, 1983). Alle penne di Joey Harris e Jerry Raney saranno dovuti gran parte dei loro classici successivi.

Il sound devio` verso i modelli di Springsteen e Mellencamp su The Pursuit Of Happiness (Curb, 1987). Hollywood Hills (di Paul Kamansky) e God Is Here Tonight sono due ritratti amabili e amari. Texas un boogie ruspante, Ridin' un viscerale rock and roll alla Springsteen.

Poor And Famous (Curb, 1989) contiene ancora alcuni dei loro classici: la solenne Hideaway, la novelty Big Ugly Wheels, Socialite, a ritmo di giungla, e Girl I Almost Married. King Of Sleaze e` invece l'inno personale di Montana. Ma il gruppo aveva ormai fatto il suo tempo e smise di fatto di suonare.

Cinque anni dopo, Viking Lullabys (Sector 2, 1994) resuscito` il gruppo con canzoni degne del loro passato come le melodiche Southern Cross, Atomic Age Mutants e Midnight World, e le veementi Complicated Life e Are You Gonna Love Me. Il basso di Rolle Love ha modo di mettersi in luce. Montana vi cesella una trilogia dell'alcoolismo, che culmina in Are You Drinking With Me Jesus.

Manyfold (Sector 2, 1995) boast the macho energy of southern boogie (Memphis To Nixon, Good For You, I Could Be Anything, Doubts About Love). Montana pens Beer Ain't Drinkin' and Country Western Song.

Montana e` morto nel 1995 di attacco cardiaco durante un concerto.

Buddy Blue aveva gia` pubblicato due album solisti: Guttersnipes and Zealots (Rhino, 1991) e Dive Bar Casanovas (Bizarre, 1994). Dick Montana aveva pubblicato The Pleasure Barons (Hightone Records, 1993) e postumo uscira` The Devil Lied To Me (Bar None, 1996). Joey Harris ha lanciato un suo progetto, Jerry Raney e Buddy Blue hanno formato i Raney Blue.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database
Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright