Dead Boys
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

I Dead Boys di Stiv Bators provenivano da Cleveland (Ohio). Catapultati sulla scena di New York da una reputazione di maniaci del rock, necrofili quanto gli inglesi Damned e repellenti quanto gli Stooges, i quattro reietti portarono in effetti all'estremo le direttive dei primi gruppi del CBGB's: l'hard-rock epilettico dei Ramones, il vizio truculento dei New York Dolls, la depressione esistenziale dei Television e la paranoia macabra di Richard Hell. Divennero cosi` sinonimo di violenza allo stato brado, secondo quelli che stavano emergendo come i tratti vincenti del punk britannico. Il chitarrista, Cheetah Chrome, era l'unico vero solista del primo punk, per quanto non meno feroce e veloce dei suoi piu' barbari colleghi.

La concitata e incalzante Sonic Reducer (1977) li scaravento` nel firmamento del punk. L'anthem spavaldo 3rd Generation Nation e il rock and roll epilettico Caught With The Meat In Your Mouth, sull'album Young Loud And Snotty (Sire, 1977), suggellarono il loro carisma oltraggioso. Anni dopo compariranno i nastri originali di quelle sessions su Younger Louder And Snottier (Bomp, 1997).

Si sciolsero dopo un secondo album piu` ordinato, We Have Come For Your CHildren (Sire, 1978), con poche delle sceneggiate e invettive esplosive che avevano dato loro la gloria (giusto Ain't It Fun, Son Of Sam, Catholic Boy). Il vero canto del cigno del complesso fu il live Night Of The Living (Bomp, 1981).

Bators emigro` poi a Los Angeles e con Disconnected (Bomp, 1980) inizio` una nuova carriera, nei panni del cantante di rock melodico in linea con la moda del Sixties revival (esemplare l'auto-ritratto di Evil Boy, 1980).

Convinto a sostituire Jimmy Pursey negli Sham 69, Bators incise con loro un album fortemente politicizzato, accreditato ai Wanderers. Dalle ceneri di quella formazione, nacquero i Lords Of The New Church, con Brian James dei Damned alla chitarra e Nick Turner dei Barracudas alla batteria, che raccolsero lo scettro dei Dead Boys nei loro incendiari concerti. Rivelati dall'hit underground New Church (1982), una melodia gotica da dark punk con coretti beat, percussivita` tribale e frasi e ipnotiche di chitarra, fin dall'inizio si caratterizzarono per un tono piu` macabro e apocalittico.

Il sound del primo album, Lords Of The New Church (IRS, 1982), sposa le melodie del beat revival al morbose e lascivo rock chitarristico degli Stooges. Del repertorio fanno parte ballate melodiche grezze e sensuali come Russian Roulette, beat nevrotici e martellanti come Question Of Temperature, sabba lugubri e tribali come Portobello, anthem funerei e magniloquenti come Holy War, melodie morbide e fatali alla Doors come Open Your Eyes (con cadenza "disco"), cupi esorcismi alla Joy Division come Livin' On Livin', ma soprattutto hardcore supersonici come Lil Boys Play With Dolls e epilessi sguaiate come Apocalypso.

I dischi successivi attenuarono pero` parecchio l'impeto, alternando l'atmosferica dark dance di Dance With Me, su Is Nothing Sacred (IRS, 1983), al trascinante boogie di Method To My Madness, su Method To My Madness (IRS, 1984).

Bators personifica lo spirito da concerto sadico e sacrificale vecchio quanto il rock, e ad esso unisce un notevole talento melodico. Con lui la fiaccola consegnata dai New York Dolls passa alla generazione punk.

Stiv Bators died in 1990 in a car accident.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database