Everything But The Girl
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Language Of Life , 5/10
Worldwide , 5/10
Amplified Heart , 6/10
Walking Wounded , 5/10
Temperamental , 5/10
Tracey Thorn: Out Of The Woods (2007), 5/10
Links:

Ben Watt e Tracey Thorn cominciarono le loro carriere in umilta` durante gli anni '80. Cantautori emarginati che tenevano alta la fiaccola di del folkpop esistenziale di Nick Drake, finirono in realta` per trovare negli Everything But The Girl il veicolo ideale per arrivare alle grandi masse bisognose di musica intima e rilassante.

Watt era stato un cantautore crepuscolare, che, dopo il singolo Can't (Cherry Red, 1981), aveva fatto notizia per l'EP Summer Into Winter (Cherry Red, 1982), contenente un'Aquamarine eseguita in coppia con Robert Wyatt. North Marine Dive (CherryRed, 1983), accompagnato soltanto da un sassofono, aveva scodellato una serie di ballate malinconiche e rarefatte (On Box Hill, la title-track) che resuscitavano proprio il surrealismo claustrofobico di Drake (da cui venne tratto il singolo Some Things Don't Matter).

Anche Thorn aveva esordito come cantautrice, con lo spartano A Distant Shore (Cherry Red), per sola chitarra acustica e canto, in cui dava il suo autoritratto di Small Town Girl, ma era diventata poi una delle Marine Girls, un gruppo di ragazze che, sulla scia delle Raincoats, ma in maniera molto piu` naif e quasi complessata, e con strumenti soltanto acustici, proponeva un folkrock aggiornato alla sensibilita` della new wave. Le Holiday Song e soprattutto He Got The Girl di Beach Party (Whaam, 1981) sono canzoni arrangiate malissimo, ma cio` nonostante liricamente perse nella purezza contemplatitiva del microcosmo adolescenziale. Il singolo On My Mind e Don't Come Back (da Lazy Ways del 1982), facevano intravedere anche le capacita` di cui riluce il singolo pallidissimo Plain Sailing.

I due si unirono (in tutti i sensi) e formarono gli Everything But The Girl, sigla con la quale presero a suonare un un folk sempre piu` sofisticato, che assorbiva con disinvoltura soul, jazz e folk latino e che si concentrava sulle emozioni piu` tenere e semplici, un po' l'esatto opposto del punkrock e del synthpop in voga all'epoca. Non a caso il loro primo singolo, nel 1982, fu una cover di Cole Porter (Night And Day).

Ma, dopo un altro singolo, Each And Everyone, da Eden (Blanco Y Negro, 1984), lungo gli stessi binari, canzoncine come When All's Well, Heaven Help Me e Ugly Little Dreams, su Love Not Money (1985), puntarono decisamente verso il popsoul da classifica.

Baby The Stars Shine Bright (1986) li impose con un sound professionale. Come On Home, Don't Leave Me Behind e le altre ballad del disco sono addirittura arrangiate con l'orchestra sinfonica.

Idlewind (Sire, 1988) conio` di fatto quello che sarebbe rimasto il loro stile classico, quello di Love Is Here Where I Live, Apron Strings e These Early Days, che e` poi un compromesso fra l'armonia scheletrica degli esordi e il sound lambiccato dell'album precedente.

La progressione del duo verso un sound sempre piu` commerciale e sempre piu` soffice culmino` con Language Of Life (Atlantic, 1990). Il duo erige armonie sensuali sulle eleganti ma semplici fondamenta del disco precedente (Driving, Take Me). Ma e` significativo il fatto che il successo arrida soltanto alle cover.

Old Friends e Twin Cities tengono a galla Worldwide (Atlantic, 1991), ma il duo ha ormai esaurito le proprie risorse. Il romanticismo di Thorn (Understanding, British Summertime) e` piu` stucchevole di quello di Petula Clark.

Un grande successo di pubblico viene invece tributato a Amplified Heart (Atlantic, 1994), le cui ballad introspettive (soprattutto Missing, nel vecchio stile del Philly-soul che diventera` il loro massimo successo, e We Walk The Same Line) ricordano i Fleetwood Mac. Denunando un sound che era forse troppo sontuosamente arrangiato, il duo approda a un formato al tempo stesso piu` personale e piu` atmosferico.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
The duo had pioneered the melancholy atmospheres favored by the emerging trip-hop generation and did not let the opportunity miss them. Walking Wounded (Atlantic, 1996) marks a bold update to the electronic format, while combining pop melody and drum'n'bass rhythm (Before Today, Wrong), but the more intimate moments (The Heart Remains A Child, Single, Walking Wounded) are still the more appropriate for the singer's tenuous voice.

The duo then transferred that very same melancholy from drum'n'bass to techno/house with Temperamental (Atlantic, 1999). The pulsing Five Fathoms is the only true success in the new genre, while Blame and Compression aims shamelessly for crossover appeal with a drum'n'bass base. Temperamental, Low Tide of the Night, Lullaby of Clubland, Downhill Racer are more intimate expressions of the artist's soul. Thanks to a thin coat of jazz, No Difference and Hatfield 1980 work as bridges with the past.

Ben Watt's Patient (1997) documents the disease that almost took his life.

Ben Watt's disc-jockey ambitions are misplaced on the mix album Lazy Dog (2000), credited to himself only, and on the mix album Back To Mine (Ultra, 2001), credited to Everything But The Girl (that features tracks by Juan Atkins, Carl Craig, Roots, Beth Orton, etc, in an ambitious attempt to bridge the most divese or genres), and on the mix album Lazy Dog Vol 2 (Astralwerks, 2002), credited to himself and Jay Hannan.

Thorn's solo albums Out Of The Woods (2007) and Love And Its Opposite (2010) updated the morbid and mellow sound of Everything But The Girl to the new decade minus the disco appeal.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database