Stuart Hamm
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Il titolo di virtuoso del basso lo merita soprattutto Stuart Hamm, che nell'album del 1988, Radio Free Albemuth (Relativity), esegue Debussy e Beethoven allo strumento mentre conia un nuovo standard di "jazzmetal".

Se quello era stato piu` che altro un esperimento per prendere la misura, il Kings Of Sleep dell'anno dopo puo` essere considerato il suo vero esordio, in cui smette di esprimere le possibilita` del suo basso e inizia ad esprimere se stesso, riuscendo almeno in Black Ice e Call Of The Wild ad emulare il suo amico Satriani.

Il terzo The Urge tradira` quelle attese cercando semplicemente di fare dell'heavymetal dozzinale (nonostante l'atmosferica As Children e l'assolo mozzafiato di Quahogs Anyone).

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database