Negazione
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Lo Spirito Continua (1985), 6.5/10
Links:

Negazione were Italy's leading thrash/hardcore band. They debuted with a split cassette, Mucchio Selvaggio, and two virulent EPs, Tutti Pazzi (1984) and Condannati A Morte Nel Vostro Quieto Vivere (1985), and their first album, Lo Spirito Continua (1985), ranks with the most energetic and mature of the era. Unfortunately, the follow-up, Little Dreamer (We Bite Records, 1988) was vastly inferior. (Scheda di Massimiliano Osini)

Tra i tanti gruppi che a metà degli anni '80 animarono la scena hardcore-punk italiana i Negazione furono tra i più originali. Nati a Torino nel 1983 dall'unione di Guido "Zazzo" Sassola (voce), Roberto "Tax" Farano (chitarra) e Marco Mathieu (basso), la loro formazione avrebbe sempre incluso questi tre membri, con un continuo avvicendamento di batteristi.

La loro carriera iniziò ufficialmente nel 1984 con la pubblicazione della cassetta Mucchio selvaggio, un'autoproduzione spartita con i Declino, alla quale seguirono gli EP Tutti pazzi (Subvert, 1985) e Condannati a morte nel vostro quieto vivere (autoprodotto, 1985). Ad emergere da queste registrazioni è un punk sguaiato e sfrenato, che tuttavia lascia trasparire una singolare intensità emotiva che sarebbe sempre rimasta il loro tratto peculiare.

Lo stile dei Negazione trov=F2 la sua espressione definitiva su Lo spirito continua (De Konkurrent, 1986), invero uno dei migliori album di rock italiano di sempre. Invece di continuare sulla strada delle canoniche miniature punk, il gruppo prefer=EC eseguire brani più articolati, forti di cambi di tempo e di atmosfera degni di generi molto più "seri". La title-track si apre, ad esempio, con un tenue arpeggio di chitarra che acquista velocità fino a sfociare in un thrash punk ipercinetico continuamente spezzato da mid-tempo e stacchi abrupti. A dominare la scena sono sempre le corse a rotta di collo, i riff affilati, le urla isteriche, ma ciò che caratterizza ogni episodio è un particolare senso di suspense, un fatalismo che trasuda da ogni nota e che permette a brani come Diritto contro un muro, Niente e Un amaro sorriso di spiccare nell'affolato panorama hardcore. Dalle canzoni in inglese (Thinkin' of Somebody Else e Straight and Rebel) è addirittura percepibile un eco di melodia, così come in Lei ha bisogno di qualcuno che la guardi forse l'episodio più accessibile. A contribuire in modo determinante alla riuscita del disco sono i testi di Sassola, in grado di distillare il disagio giovanile in un modo al tempo stesso lirico e arrabbiato, poetico e volgare, cinico ed epico.

Little Dreamer (We Bite, 1988) non riesci ad essere altrettanto efficace. Nonostante lo stile fosse lo stesso del disco precedente, la creatività alla base di ogni brano fu decisamente deficitaria. Anche gli episodi migliori, come Il giorno del sole, si rivelarono, nel loro svolgimento, molto più prevedibili che in passato.

Ancor meno interessanti sono gli EP del 1989: Behind the Door (We Bite) e Sempre in bilico (We Bite). L'antologia Wild Bunch (We Bite, 1989) raccoglie invece i primi ep del gruppo (Mucchio selvaggio, Tutti pazzi e Condannati a morte).

100% (We Bite, 1990) fu il canto del cigno (involontario) dei Negazione. Spartito tra il punk melodico alla Bad Religion di Back to My Friends, Parole, Brucia di vita e il grunge alla Mudhoney di Yesterday Pain, Welcome, Get Away il disco uscì nel momento più sbagliato: in ritardo per il pubblico alternativo, in anticipo per quello mainstream.

La tiepida accoglienza con cui fu accolto questo album decretò lo scioglimento del gruppo nel 1992. Il cantante Guido "Zazzo" Sassola si unì ai Peggio Punx, il chitarrista Roberto "Tax" Farano iniziò a collaborare con i Fluxus e il bassista Marco Mathieu si diede al giornalismo musicale ("Metal Hammer", "Rumore"...)

I Fluxus si formarono nel 1994, proponendo sui loro album Vita in un pacifico nuovo mondo (No Way, 1994), Non esistere (Free db's, 1996), Pura lana vergine, (West Link, 1998), Fluxus (Furious Party, 2002) testi rabbiosi su un tappeto sonoro a metà strada tra il noise-rock e l'hardcore.

Gli Angeli furono il progetto di Roberto "Tax" Farano (chitarra e voce) e Massimino (ex batterista degli Indigesti) i quali tentarono cavalcare la moda del punk-pop con i loro album Angeli (Free Land, 1997) e Voglio di più (Free Land, 1999).

Farano ha collaborato inoltre con gli MGZ e le signore.

Per completezza si segnala anche Neffa, cantante melodico che, negli anni recenti, ha scalato le classifiche di vendita italiane con canzonette in stile sanremese. La sua sporadica militanza nei Negazione, in qualità di batterista, rimarra`E0 sempre un dettaglio imbarazzante nel curriculum di entrambi.

(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database