Severed Heads
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

I Severed Heads furono forse i piu` celebri esponenti della musica industriale in Australia. Nati qualche anno dopo che il fenomeno era gia` appassito in Gran Bretagna, i Severed Heads vararono un programma alquanto diverso tanto dal rumor bianco dei primi industriali quanto dalla dance-music dei tardi industriali. Furono pero` tanto prolifici, pretenziosi e mediocri quanto i loro colleghi britannici.

Nati come Mr And Mrs No Smoking Sign, il trio di Garry Bradbury, Paul Von Deering e Tom Ellard pubblico' a nome Severed Heads nel 1980 un album condiviso con un altro gruppo, Ear Bitten (Terse), al quale seguirono Clean, stampato in sole quattrocento copie, e la cassetta Blubberknife (ristampata su vinile nel 1984).

Il secondo album, Since The Accident (Ink), nel 1983, peccava degli stessi difetti: esperimenti irritanti presentati come lavori compiuti, canzonette da discoteca presentate come musica d'avanguardia, un generale pressapochismo nell'operare con le macchine elettroniche. I Severed Heads indulgevano nelle loro pose di avanguardisti, ma senza mai girare le manopole fino al fondoscala, mantenendo il "rumore" nei limiti dell'accettabile, e soprattutto senza mai avere l'ispirazione geniale per trasformare quegli esercizi "concreti" in musica interessante.

City Slab Horror (Ink) elimino` gli atteggiamenti piu` puerili, ma mise anche in chiaro lo scopo dell'operazione: i ritmi metallurgici (Ayoompteyempt) e le piece per elettronica e voci alla Stockhausen (Guess) sono un pretesto per poter fare della musica da ballo alienata (Spitoon Thud), delle novelty di synthpop esotico (We Have Come To Bless The House) e del semplice funk (Now An Explosive New Movie).

Gli album successivi, The Big Bigot (Ink) del 1986 e Bad Mood Guy (Volition) del 1987, virarono poco a poco verso il ballabile dei Cabaret Voltaire, con il gruppo ridotto a un duo (Ellard e Stephen Jones) alla britannica.

Inevitabilmente la mancanza di idee fini` per spingerli alla discomusic (i singoli Dead Eyes Opened del 1983, Goodbye Tonsils del 1985, Gashing The Old Mae West del 1986, Propellor del 1986, Petrol del 1986, Twenty Deadly Diseases del 1986, Hot With Fleas del 1987, Greater Reward del 1987), come spesso e` successo agli sperimentatori falliti. Nel 1989 il singolo All Saints Day e l'album Rotund For Success, con Big Car, e due anni dopo il nuovo album Cuisine, con Twister, completeranno la regressione, riscoprendo addirittura il sound degli OMD e dei primi Depeche Mode.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database