Adrian Sherwood
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Adrian Sherwood e` stato uno dei produttori piu` influenti degli anni '80. I suoi bracci musicali furono agli inizi i New Age Steppers (nati da una collaborazione fra lui, il suo amico d'infanzia Mark Stewart e Ari delle Slits) e i Dub Syndicate, con i quali registro` dischi di dub forbito, ma non particolarmente creativo.

Ai primordi del rap, Sherwood venne invitato a New York da Tom Silverman, deus ex machina della Tommy Boy, per registrare un singolo con il gia` famoso Keith Leblanc. Sherwood racimolo` Skip McDonald e Doug Wimbish e porto` tutti in Inghilterra. Travestiti da Maffia, Fats Comet, Tackhead, Strange Parcels, Little Axe, questi quattro personaggi hanno rivoluzionato il concetto stesso di funk, da un lato servendosi in maniera liberissima delle nuove tecnologie e dall'altra immettendo nel genere una rabbia e una sguaiatezza che sono l'esatto opposto della raffinata sensualita` degli anni '70.

Sherwood si e` in realta` concentrato sui Dub Syndicate, un gruppo aperto (unica costante il batterista Style Scott) a cui partecipa il bel mondo del rock alternativo britannico, che debutto` con Pounding System (1982), North of the River Thames (1984) e Tunes from the Missing Channel (1985); e sugli African Headcharge, che trasmettono direttamente le sue idee su disco, a partire da A Hole in the Ground (1981), Drastic Season (1983) e` Off The Beaten Track (1986). Sono idee che si rifanno in gran parte al reggae, ma che puntano soprattutto su un uso stilizzato della tecnologia di registrazione. McDonald sembra, in prospettiva, il vero genio musicale delle sue operazioni.

Sherwood parti` da un principio molto semplice, lo stesso che era stato alla base del successo del soul della Stax e poi della Motown: ancorare tutta la musica a una solida sezione ritmica. Si puo` dire che Sherwood sia stato il primo a inventare un'estetica del dub, a fare di un genere giamaicano un'arte di stampo occidentale.

The Dub Syndicate repeated its cliches on Strike the Balance (1990), Stoned Immaculate (On-U, 1991), Echo Mania (On-U, 1994), Ital Breakfast (On-U Sound, 1996) with unrestrained nonchalance. They are all impeccable records of trance world dance music. Fear Of A Green Planet (Shanachie, 1998) added elements of trip-hop but was fundamentally a well-produced parade of cliches.

In the meantime, African Headcharge continued their career in ambient dub with Songs of Praise (1991), In Pursuit of Shashamane Land (1994), Environmental Studies (1997).

After several mediocre recordints, Dub Syndicate returned to top form on Acres Of Space (Lion & Roots, 2001), Murder Tone (2002), No Bed of Roses (2004). After an 11-year hiatus, they released Hard Food (Echo Beach, 2014), the last one with drummer Scott (murdered a few weeks earlier).

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
What is unique about this music database