Soft Boys
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

A Can Of Bees , 6/10
Invisible Hits , 6/10
Underwater Moonlight , 8.5/10
Nextdoorland , 5/10
Links:

The Soft Boys went beyong mere recreation of an era: they created a new era of their own. When the talents of visionary vocalist Robyn Hitchcock and of down-to-earth guitarist Kimberley Rew met, the unique psychedelic sound of Underwater Moonlight (1980) was born. The lullabies smelled of Syd Barrett and of early Pink Floyd, and the rave-ups smelled of the Kinks and of the Who, but the combination of anthemic rock'n'roll and acid atmospheres was largely new. The Soft Boys laid the foundations for the psychedelic revival of the 1980s.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Negli anni '80 i Soft Boys realizzarono una fusione magica di prima psichedelia dei Pink Floyd, armonie vocali dei Beach Boys, vignettismo melodico dei Kinks, folk bislacco dei dischi solisti di Syd Barrett. Il risultato fu uno dei sound piu` eccitanti dell'epoca, imparentato soltanto di traverso con il revival psichedelico che era in voga. La loro discografia e` pero` talmente frammentaria e parziale che per vent'anni continueranno a uscire antologie, inediti e ristampe.

Il gruppo si formo` nel 1976 nella cittadina universitaria di Cambridge, dove il cantante e chitarrista Robyn Hitchcock incontro` il bassista Andy Metcalfe e il batterista Morris Windsor. Il loro primo documento fu (nell'ottobre dell'anno dopo) l'EP Give It To The Soft Boys, in seguito raccolto in Wading Through A Ventilator (1984), dal titolo del brano guida. Dallo scioglimento di un altro gruppo della zona, i Waves, i Soft Boys guadagnarono il secondo chitarrista Kimberley Rew.

La nuova formazione esordi` con il singolo Anglepoise Lamp (Radar), seguito dall'album auto-prodotto A Can Of Bees (1979). La voce di Hitchcock rifa` palesemente il verso a Barrett e il sottofondo strumentale e` ricco di numeri "acidi". Ma sono soprattutto le bizzarre idee melodiche e armoniche del leader (The Pig Worker) a manomettere un sound di per se` soltanto revivalistico.

Sempre nel 1979 i Soft Boys registrarono i pezzi che avrebbero formato Invisible Hits (pubblicato solo nel 1983), album ricco di humour grottesco (Rock And Roll Toilet) e di melodramma (Empty Girl), di eros (Let Me Put It Next To You) e di pathos (Blues In The Dark). L'eccentricita` e l'immaturita` del leader ostacolano pero` la band, relegandola fra i fenomeni bizzarri a latere del punk.

Il gruppo (sostituito Metcalfe con Matthew Seligman) era maturo per un capolavoro, e il disco successivo e` infatti il capolavoro dell'intero revival psichedelico: Underwater Moonlight (Armageddon, 1980 - Rykodisc, 1992 - Matador, 2001). Dalla fusione lisergica di Pink Floyd e Velvet Underground scaturiscono memorabili spunti devianti come I Got The Hots, ballata "barrettiana" con una tipica progressione melodica di fattura "spaziale"; Old Pervert, blues "hendrixiano" dilaniato da un tribalismo demoniaco; e Positive Vibrations, raga-beat con filastrocca vaudeville alla Hollies e passo di carica alla Stones. Piu` semplici, ma altrettanto trascinanti, lo sketch da music-hall di Insanely Jelous (un delirio parlato in un crescendo pulsante), lo strumentale galattico You'll Have To Go Sideways, il jingle-jangle melodico Queen Of Eyes, la ballata "reediana" Tonite. Ma soprattutto i Soft Boys cesellano I Wanna Destroy You, anthem corale distorto e martellante di in cui fonde vocalizzi Byrds e chitarrismi Stooges; Kingdom Of Love, boogie alla Astronomy Domine con riff scampanellanti di folk-rock; e il gran finale di Underwater Moonlight, incalzante danza mozzafiato ska-tzigano-raga. La chitarra di Rew e` protagonista assoluta, ficcante, ruvida, penetrante, schizoide: un Keith Richard contaminato da McGuinn e da Hendrix. E` grazie al suo modesto virtuosismo che Underwater Moonlight non ricorre mai alla sperimentazione elettronica, alle astrazioni sonore, ma si basa unicamente sulle solide tradizioni del rock and roll. Il registro del canto di Hitchcock, vicino a quello di Barrett, completa la suggestione del sound. d'epoca, riproposti esattamente come allora, come se il tempo si fosse fermato.

Nel 1981 il gruppo si sciolse nell'indifferenza generale. Usci` ancora il singolo He's A Reptile (1983), Vennero riscoperti soltanto tre anni dopo la pubblicazione di quello che allora si credette il loro primo album, in realta` l'unico ad essere stato pubblicato. Fu allora che cominciarono a venire alla luce i reperti archeologici della loro storia.

Robyn Hitchcock dara` vita a una prolifica carriera solista, mentre Kimberly Rew si unira` ai Katrina And The Waves.

Robyn Hitchcock and Kimberly Rew reformed the Soft Boys to release Nextdoorland (Matador, 2002). Unfortunately, the material is mostly in line with Hitchcock's latter-day albums (i.e., weak). The highlight is a bizarre surf instrumental I Love Lucy, which would be an incidental track on Underwater Moonlight. Rew salvages a few of Hitchcock's ditties (Mr Kennedy, Unprotected Love, Japanese Captain), but overall this is yet another unfortunate reunion.

Robyn Hitchcock's Propellor Time (2010) debuted the Venus 3: it was actually recorded in 2006.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database