Ultra Vivid Scene
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
self-titled , 7/10
Joy 1967-1990 , 6/10
Rev , 5/10
Cathars: notably Amorpheus , 6/10
Kyrie Eleison , 6/10
Amor 0+01 , 6/10
Links:

Ultra Vivid Scene e` la sigla di Kurt Ralske, newyorkese emigrato a Londra negli anni "caldi" del revival psichedelico.

Rivelato dall'EP She Screamed (4AD) con un sound freneticamente ballabile e sinistramente inquietante, fra Suicide e My Bloody Valentine, Ralske perviene con l'album omonimo del 1988 a una forma elegante di dance-rock: melodie perverse ed angosciate alla Bolan, con ritornelli da capogiro (Crash) o da serenata (Lynn-Marie) si sposano ad arrangiamenti sofisticati che riciclano nel contesto elettro-danzabile i fonemi di surf, folkrock, pop, psichedelia, bluesrock (tremolo, jingle-jangle, organetti, carillon e cosi` via). Il suo modello principale e` pero` il vanesio pop psichedelico di Jesus & Mary Chains e My Bloody Valentine, che trionfa (a modo suo) in Mercy Seat, un tour de force di distorsioni lancinanti e cadenze marziali. Tutto viene addormentato in una specie di ipnosi alla Sister Ray ridotta ai minimi termini, un boogie ineffabile suonato sottovoce.

La vena pop di Ralske trabocca nel successivo Joy 1967-1990 del 1990, registrato con un vero complesso. Dalla tenerissima Lightning alla trasognata Staring At The Sun, per passare dal powerpop di Three Stars e dal folk medievale di Praise The Low Ralske non fa altro che proporre arrangiamenti coloriti della stessa canzone, per culminare nella perfetta progressione melodica di Special One (ovvero September Gurls di Alex Chilton). Sono cantilene appena bisbigliate, immerse in languori da Paisley Underground; anche se soltanto It Happens Every Time puo` dirsi davvero psichedelica. Non a caso Ralske finisce per citare Cat Stevens (Extraordinary riecheggia Wild World, e The Kindest Cut sfoggia lo stesso nervosismo orchestrale).

L'album del 1992, Rev, regredisce invece alla rarefazione piu` irreale (e senza elettronica). Candida e Mirror To Mirror devono affidarsi alle qualita` della melodia e a tocchi impercettibili che continuano a ricopiare stereotipi degli anni '60. Ma l'umore e` asettico fino alla noia, e smaschera la pochezza del metodo di Ralske.

Non basta una Crash a giustificare una carriera.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

After a long career as composer of film soundtracks and avant-electronic music under the moniker Cathars, notably Amorpheus (Miau-Miau, 1997), Kurt Ralske finally began releasing albums under his own name. Both Kyrie Eleison (Miau-Miau, 1997) Amor 0+01 (SubRosa, 2001) are refined examples of computer-composed and samples-based ambient music.
What is unique about this music database