A Minor Forest
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Flemish Altruism, 6/10
Inindependence , 6/10
So Were They In Some Sort Of Fight?, 6/10
Links:

Lo stile lento e cerebrale degli Slint (forse con un pizzico dell'obliquita` dei Polvo) e` resuscitato a San Francisco nel trio di Erik Hoversten (chitarra e canto, anche nei Threnody Ensemble) John Benson (basso) e Andee Connors (batteria): gli A Minor Forest. Formati nel 1993, pubblicarono numerosi singoli ed EP prima di pubblicare un album.

Le lunghe improvvisazioni strumentali di Flemish Altruism (Thrill Jockey, 1996 - Runt, 1997), registrate nell'arco di tre anni, vagano senza meta per minuti interminabili. Bill's Mom Like To Fuck impiega dieci minuti a coagulare in un urlo terrorizzato. E cio` non e` nulla al cospetto della tortura ancor piu` apocalittica di 4 (quattordici minuti). I timbri sgraziatissimi non contribuiscono alla facilita` d'ascolto. Ed Is 50 ha se non altro un violoncello ad animare il torvo paesaggio armonico. Ci si risveglia d'improvviso con i riff tempestosi e terribilmente fuori tempo di 10, l'unico brano in cui circola del sangue rock. I brani si trascinano stancamente e alla fine il disco dura 75 minuti. Quando gli Slint hanno deciso di tornare sulle scene, lo hanno fatto con un singolo di nemmeno 15 minuti. E avevano molto di piu` da dire.

Inindependence (Thrill Jockey, 1998), improbabile tributo all'heavy metal, mescola lunghe improvvisazioni strumentali e canzoni compatte. Le canzoni lasciano alquanto a desiderare: le liriche sono poche e impercettibili, e costituiscono piu` una distrazione che un'attrazione. Erik's Budding Romance e` forse la migliore del gruppo. Le jam strumentali sono invece all'altezza del primo album, se non superiori in fatto di maturita` e vigore. The Dutch Fist comincia al passo catatonico dello "slo-core", ma poi si inalbera in una progressione geometrica che fa pensare a un raga suonato dai primi Sonic Youth. Look At That Car, uno dei loro vertici, si apre con i rintocchi stridenti della chitarra che ripetono una melodia sgraziata a volume sempre piu` alto, fino a scatenarsi in una bagarre incandescente. The Smell Of Hot, un tour de force di 18 minuti, sublima questo connubio fra improvvisazione jazz e geometrie minimaliste, e infatti finisce per ricordare le Saxophone Improvisations di Anthony Braxton piu` che Shellac e Don Caballero. Gli accordi che danzano compassati sui droni "sottili" dell'organo, le schermaglie tetre e spigolose, i frammenti melodici che nuotano pigramente nei controtempi della batteria, i cicli armonici in crescendo, le pause cervellotiche, rappresentano uno spaccato del rock d'avanguardia degli ultimi vent'anni. Il pianoforte conduce invece la danza anemica di Discoier Gli A Minor Forest hanno la maturita` per calibrare le metamorfosi con pacata razionalita` e per incastonare le dissonanze in una geografia sonora molto rigorosa.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
So Were They In Some Sort Of Fight? (My Pal God, 1999) e` una compilation su due CD che comprende le prime demo, gli ultimi inediti e alcune tracce scartate. So Were They In Some Sort Of Fight? (My Pal God, 1999) is a two-CD compilation which includes early demos, late unreleased tracks and several improvisations. It highlights the most experimental side of the band, not so much their punk roots.
What is unique about this music database