Catherine
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Sorry , 7/10
Hot Saki & Bedtime Stories , 5/10
Links:

Fra i seguaci americani di My Bloody Valentine si contano i Catherine, rivelati dall'EP Sleepy (March, 1993), con il concerto per feedback della title-track. In realta` l'inno Idiot fa gia` presagire la sudditanza nei confronti degli Smashing Pumpkins, che diventa la legge a partire dall'album Sorry (TVT, 1994).

Le chitarre di Neil Jendon, Mark Rew e Jerome Brown, lungi dall'indulgere in sconquassi, mantengono una gelida compostezza negli incendi che appiccano. La batteria di Kerry Brown e' il duttile motore delle loro evoluzioni. Saint, che spara a tutto volume il riff di Peter Gunn, e Broken Bunny Bird, con il ritornello piu' insidioso, sono i brani da capogiro, ma il piglio piu' Sixties di Song About Girls e il crooning anni '50 di 2 Am aprono nuovi, non meno luminosi, fronti. Le distorsioni apocalittiche e le melodie bisbigliate ritornano ad ossessionare la title-track, con vertici di languore psichedelico in Funny Bunny e di ralenti`/crescendo "pinkfloydiani" in Inchworm. La suite di dodici minuti quasi mistica e new age di Waterfall corona questa testarda ricerca di una terza via alla psichedelia, lontana tanto dalla canzoncina eccentrica quanto dagli shoegazer.
Il loro formato e` decisamente quello della canzone, nel senso piu' tradizionale del termine. Raramente il gruppo sperimenta fughe strumentali da quel modello. Aggiornata alle mode degli anni '90, nelle mani dei Catherine diventa un'arma affilatissima.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Hot Saki & Bedtime Stories (TVT, 1996) marks a conversion to pop (Cotton Candy High) and grunge (Four Leaf Clover) formats.
What is unique about this music database