Death Of Samantha
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Strungout On Jargon , 8/10
Where The Women Wear The Glory, 7.5/10
Come All Ye Faithless , 6.5/10
Links:

I Death Of Samantha vennero formati a Cleveland (Ohio) nel 1983 dal cantante e chitarrista John Petkovic (figlio di esuli serbi), prendendo il nome dal titolo di una canzone di Yoko Ono e l'ossatura dai resti dei Reactions (il bassista Dave Swanson) e dei Suspect Devices (il chitarrista Doug Gillard).

Amphetamine, primo singolo, aveva gia` messo in mostra il wit sarcastico e i vocalizzi emotivi di Petkovic, nonche' l'incisivita` melodica di Gillard e le stranezze ritmiche del batterista Steve-O.

L'album Strungout On Jargon (Homestead, 1986), registrato in presa diretta nel giro di sole sei ore, e` un'opera radicale tanto quanto New Picnic Time dei Pere Ubu. L'impianto del disco nasce dalla fusione fra i baccanali strumentali dei Television (Bed Of Fire), le ballate folkrock degli REM (Conviction) e residui di sfrenatezza thrash (Ham And Eggs 99c). I deliri vocali di Petkovic indulgono in un registro che e` uno strano connubio del colloquiale annoiato di Reed e del "ramalama" isterico di Rotten con un piglio enfatico alla Thomas. Il boogie perverso di Sexual Dreaming e` la testimonianza piu` diretta dell'influenza dei Velvet Underground. Questi elementi coagulano in maniera esplosiva nella trascinante invettiva di Grapeland. L'apice creativo e` pero` Coca Cola & Licorice, un infernale crescendo voodoobilly sfregiato da violente distorsioni chitarristiche e da possenti riff di hardrock.

L'EP Laughing In The Face Of A Dead Man (Homestead, 1986) modera l'influenza dei Pere Ubu con l'hardrock di The Set Up, il rock and roll di Blood And Shaving Cream e il thrash di Yellow Fever. Gillard e le sue scorribande alla Chuck Berry fanno la parte del leone. In appendice brilla una gag rumoristica alla Zappa: American Horoscope And The Bad Prescription.
Su entrambi i dischi regna sovrana l'atmosfera di un circo dell'assurdo, con Captain Beefheart a dirigere l'orchestra, mentre le due chitarre duellano in stile anni Settanta.

Il secondo album, Where The Women Wear The Glory And The Men Wear The Pants (Homestead, 1988), e` la loro opera piu` aggressiva, compatta e lineare. Aperto in maniera epica da Harlequin Tragedy, forse il loro brano piu` celebre, un anthem di power-pop graffiante con un ritornello che incrocia Doors e Sex Pistols (con gli storici versi "We're living for nothing/ and dying for less"), l'album oscilla fra il tono da anthem (ripreso da Savior City) e il tono da cronista disincantanto. Il grosso dell'opera e` composto da rock'n'roll veloci e ruspanti come Good Friday (basso panzer alla heavy-metal e chitarra chiassosa alla boogie sudista), Monkey Face (un rockabilly sferragliante alla Cramps con piano e sezione di fiati rhythm'n'blues che muta in una jam tribale alla Bo Diddley), e Staring Through It Now (ancor piu` sguaiato e chiassoso). Blood Creek e Lucky Dog sono psicodrammi piu` estesi, che evocano la civilta` psichedelica di Jimi Hendrix, Eric Burdon e Jefferson Airplane. Il primo, in particolare, brucia di una febbre spasmodica. Tutto coagula attorno al baritono vibrante di Petkovic, alle scosse elettriche ad alta tensione di Gillard, ai fremiti dell'incontenibile sezione ritmica. E' un disco di rock "classico" eseguito in maniera magistrale e con foga punk, un lavoro senza sbavature che non concede tregua dall'inizio alla fine. Petkovic's emphatic, Brecht-ian declamation mixes the operatic, decadent tone of Roxy Music's Bryan Ferry, David Byrne's intellectual neurosis and the jovial call to arms of the Fleshtones' Peter Zaremba.

Come All Ye Faithless (Homestead, 1989) e` un po' complementare al precedente, in quanto ridimensiona l'aspetto rock ed elabora invece il sound piu` inquietante dei primi lavori. Da Geisha Girl a Roses Rejoice, dall'hardrock di Machine Language al blues di Now It's Your Turn la varieta` di umore e di esecuzione rende il disco oscuro e impenetrabile. Il carattere unificante e` l'atteggiamento psicotico e macabro alla Jim Morrison del leader, mediato da uno straniamento di ascendente "brechtiano" e da un nichilismo enigmatico alla Beckett.

Negli anni '90 Petkovic tornera` sulle scene alla testa dei Cobra Verde, che sostanzialmente sono i nuovi Death of Samanthas.

Death Of Samantha, formed by John Petkovic in Ohio, crafted Strungout On Jargon (1986), an unlikely combination of Pere Ubu, Television and R.E.M. Emotional vocals, that were alternatively sarcastic and melodramatic, roamed atmospheres that were frequently an even more unlikely hybrid of Ray Davies' clownish realism, Jim Morrison's psychotic shamanism, Brecht's decadent cabaret and Beckett's enigmatic theater. The anthemic and relentless rock'n'roll of Where The Women Wear The Glory And The Men Wear The Pants (1988) bridged the new wave and the new pop-rock. Five years after disbanding Death of Samantha, Petkovic basically reformed them under a new name, Cobra Verde, to record a new album, Viva La Muerte (1994), that continued to explore the same border of rock'n'roll, new wave, and pop.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database