Down By Law
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Down By Law , 6/10
Blue , 5/10
Punkrockacademyfightsong, 6/10
All Scratched Up, 5/10
Last Of The Sharpshooters, 5/10
Fly The Flag , 4/10
Windward Tides and Wayward Sails (2003), 4/10
Links:

La "voce" dell'hardcore melodico, Dave Smalley, reduce da tre esperienze importanti (DYS a Boston, Dag Nasty a Washington, All a Los Angeles), e' tornato a galla con i Down By Law, una sorta di supergruppo comprendente membri dei Clawhammer (Chris Bagarozzi) e dei Chemical People (Ed Urlich e Dave Nazworthy).

I loro primi due album, quello d'esordio dell'Aprile 1991, ancora imbevuto di preoccupazioni sociali (American Dream), e Blue (Epitaph) dell'Ottobre 1992, con Last Brigade, sono la quintessenza del "pop-punk", intrisi di accordi di potenza, cadenze trascinanti e ritornelli orecchiabili.

Una formazione completamente rifatta registro' nel 1993 due singoli, Yellow Rat Bastard (Breakeven Point) e DC Guns (Selfless).

Su Punkrockacademyfightsong del 1994 la chitarra arroventata di Sam Williams e il batterismo fracassone di Hunter Oswald (entrambi provenienti dalla Florida) trasformano le tiritere di Punk Won e Haircut in candelotti di dinamite. Fra una 500 Miles traboccante di sincero pathos e una Heroes And Hooligans che sfiora la passione di Tommy si compie la maturazione di uno degli uomini-simbolo del movimento hardcore. Cosi' irrobustito, il sound puo' far concorrenza ai gruppi da classifica, anche se conserva quel tanto di esagitato e fuori misura che e' tipico degli eroi punk.

Il 1996 porta un album doppio, All Scratched Up, eccessivo in tutti i sensi. L'inno marziale di Independence Day e lo slogan altisonante di True Music sono nobili e sinceri, ma rendono anche ridondanti gli altri brani. La novita` principale e` forse un certo recupero della spensieratezza degli anni '60: il gioviale e trascinante Cheap Thrill, la cadenzata e corale Gruesome Gary, le armonie power-pop di Ivory Girl.

Dave Smalley non ha intenzione di riposare, neppure dopo un disco monumentale come All Scratched Up, in cui sembrava aver dato tutto cio` che poteva ancora dare. Su Last Of The Sharpshooters (Epitaph, 1997) e` di nuovo alla carica in USA Today e Get Out, ma i ritornelli si fanno sempre piu` scontati, e le schitarrate si assomigliano tutte inesorabilmente l'una all'altra. Non c'e` dubbio che Smalley sia il piu` onesto cantore della disperazione urbana quando si lancia in arringhe come Factory Day e Self-Destruction, e forse, smussando qualche spigolo e puntando piu` sul populismo alla Springsteen, potrebbe diventare proprio un eroe di quella generazione di punk di strada ormai cresciuti e diventati operai. Urban Napalm, dall'alto dei suoi cinque minuti, e` li` a dimostrarlo.

Eterno instabile, Smalley ben rappresenta l'irrequietezza della sua generazione che a tutt'oggi non ha ancora capito cosa stesse cercando. Forse non ha ancora trovato al risposta alla domanda "If I change my way/ will I see better days?" (Dead End su Blue).

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in English.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Smalley continues to rant and rave, but Fly The Flag (Go Kart, 1999) and Windward Tides and Wayward Sails (Golf, 2003) still lack good material. One thing is to be a hero of the revolution, one thing is to be a musician.
What is unique about this music database