Earth


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Extra-Capsular Extraction, 7/10 (EP)
"2", 8/10
Phase 3, 7/10
Pentastar (1996), 6/10
Hex (2005), 6/10
Hibernaculum (2007), 5/10
The Bees Made Honey in the Skull of the Lion (2008), 6.5/10
Radio Live (2009), 5/10
Angels Of Darkness, Demons Of Light I (2011) , 5.5/10
Primitive And Deadly (2014), 6/10
Drcarlsonalbion: Edward Kelley's Blues (2012), 4.5/10
Drcarlsonalbion: La Strega And The Cunning Man In The Smoke (2012), 4/10
Drcarlsonalbion: Gold (2014), 5/10
Links:

Earth were the most extreme of Seattle's "doom-rockers". The titanic instrumental tracks of the EP Extra-Capsular Extraction (1991) and the album 2 (1993) relied on colossal drones and heavy rhythms seen through the distorted lense of Dylan Carlson's neurosis. Earth's music sounded like the casual jamming of extraterrestrial monsters. It merged elements of LaMonte Young's avantgarde minimalism and Eastern music's transcendental ecstasy and drenched them into gothic-scifi atmospheres. They were not "songs", they were hyper-psychedelic states of mind. Phase 3 (1995) and the more accessible Pentastar - In The Style Of Demons (1996) continued Carlson's virtual sampling of historical riffs of hard-rock in a more earthly setting. Compared with their evil symphonies, Lou Reed's Metal Machine Music was classical music.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Gli Earth sono stati uno dei gruppi piu` originali e creativi della storia della musica rock, anche se forse nessuno dei loro dischi merita di figurare fra i capolavori del rock. L'idea di Dylan Carlson fu di focalizzare il microscopio su uno o due degli elementi della musica rock e poi amplificare a dismisura quegli elementi. Cio` che ottenne ha poco a che vedere con la musica rock, ma forse molto a che vedere sia con la pittura astratta, sia la musica stazionaria di LaMonte Young, sia con la teoria della relativita` di Einstein. Si tratta infatti di suoni monotoni e dilatati che rimettono in discussione i concetti di spazio, tempo e movimento.

Dylan Carlson formo` gli Earth nel 1990 a Olympia con due amici per imitare i loro idoli dell'hard-rock. Con il passare del tempo il sound si concentro` sulle minuzie sonore che piu` gli piacevano (un riff, una cadenza, un timbro) e presto "divenne" soltanto quei reperti. Affascinato dalla musica indiana e dagli esperimenti di LaMonte Young, Carlson scopri` che, insistendo su quegli elementi, anche l'hard-rock conduceva all'estasi trascendente.

L'EP puramente strumentale Extra-Capsular Extraction (SubPop, 1991) proponeva tre suite monolitiche e sonnolente di droni distorti e ritmi pesanti, che trasformavano i Melvins in trance ambientale, la Metal Machine Music di Lou Reed in musica classica.
1 ripeteva testardamente un riff dei Black Sabbath su cadenze marziali e funeree, allungandolo progressivamente fino a farne un semplice ronzio. Da quella truce ouverture si entrava in un mondo pregno di atmosfere gotico-fantascientifiche, quello di 2, con la sua andatura da mostro extraterrestre, e della sterminata 3 (diciotto minuti), un cerimoniale dell'occulto con tanto di colpi di gong che si trascina stancamente fra indicibili torture sonore, ancora una volta lasciando che la musica si sfianchi da sola poco a poco. Imponente e spaventoso, il sound degli Earth amplificava a dismisura quelli che normalmente sono istanti di musica (un riff, una distorsione, un riverbero) e proponeva un'insolita fusione fra hard-rock e musica ambientale. Il bassista Joe Preston passo` poi ai Melvins lasciando le redini del complesso a Dylan Carlson.

A Bureaucratic Desire For Extra-Capsular Extraction (Southern Lord, 2010) reissued Extra-Capsular Extraction and rarities of the same period.

2 (Sub Pop, 1993), ovvero il primo album, si attiene a quelle direttive. Il quarto d'ora di distorsione in un timbro da armata panzer su Seven Angels e` soltanto l'assaggino. Le altre due suite, Teeth Of Lions Rule The Divine e Like Gold And Faceted, durano entrambe mezz'ora. La differenza fra l'una e l'altra e` la differenza fra un "om" e un altro. Sono stati mentali piu` che brani musicali, onde cerebrali piu` che discorsi compiuti. A differenza della psichedelia, il suono torvo e opprimente di questi duetti di chitarre sembra voler trivellare la mente piu` che espanderla. Persino i crescendo vengono accuratamente evitati. Qualunque emozione e` ridondante, blasfema. Il drone fastidioso continua a propagarsi identico per minuti e minuti, usando come veicolo una minima frase melodica. Il terzo brano annulla anche quella, restando a fluttuare in un limbo a due passi dalla musica eterna di La Monte Young.

Phase 3 (registrato nel 1993 ma pubblicato soltanto nel 1995, con un solo superstite della formazione originale, Dylan Carson) lascia intravedere un po' di luce, se non altro nella frammentazione dell'album in brani piu` concisi e (relativamente) cantabili (Harvey, Lullaby, Song 4, Song 6), che, eseguiti con altra orchestrazione, potrebbero essere brani new age per il modo in cui accarezzano le note e si planano in estasi celestiali. L'album e` comunque ancora ancorato alle partitute titaniche di Tibetan Quaaludes (sette minuti) e Site Specific Carniverous Occurrence (otto minuti), entrambi suonati con l'intensita` di una sinfonia di Glenn Branca; ma entrambi si spingono oltre l'operazione di campionamento virtuale dei riff storici dell'hard-rock, per mutuare (il primo) la magniloquenza dei primi King Crimson e (il secondo) il caos psichedelico dei Nice e dei primi Pink Floyd; ed entrambi vengono comunque lasciati fluttuare dentro melodie piuttosto che riff minimali.
La sperimentazione non si arresta qui. Anche il ritmo viene messo in discussione, se e` vero che la title-track (dodici minuti) non e` altro che una sequenza di frequenze infrarosse di chitarra senza batteria, e l'ancor piu` sterminata Thrones And Dominions (quattordici minuti) e` un incrocio fra un assolo di Jimi Hendrix, un raga e un concerto d'avanguardia.

Pentastar: In The Style Of Demons (SubPop, 1996) continua la progressione del gruppo verso la fruibilita` con otto brani di durata media e sonorita` che evitano gli eccessi astronomici dei primi lavori. Le chitarre di Dylan Carlson (il principale compositore, anche alle tastiere), Ian Dickson e Sean McElligot disegnano partiture strumentali che evocano atmosfere trascendenti piu` che riff da pugno allo stomaco. L'effetto e` ipnotico piu` che adrenalinico. Su questo album risalta soprattutto l'eclettismo del quartetto, capace di alternare gli stili piu` svariati e antitetici fra di loro. In generale, comunque, il lavoro si riallaccia alla tradizione psichedelica piu` che a quella grunge. L'Introduction funge da manifesto, con l'incedere eroico dei suoi tre accordi in 2/2, ripetuti fino alla nausea, e con un tributo alla psichedelia dei Pink Floyd di A Saucerful Of Secrets quando Dickson intona il suo inno al vibrafono (quello che nell'ultimo brano viene ripreso e battezzato Coda Maestoso In F Minor). E` soltanto l'inizio di un lungo viaggio negli orizzonti lontani dell'armonia rock, che procede con il raga ambientale di Crooked Axis, nel segno di Seefeel e Spectrum e con i cicli in maniera minimalista della figura mediorientale di Charioteer. Addirittura nella sonata dissonante di Sonar And Depth Charge sembra di ascoltare il John Cage per piano preparato (o quantomeno il Roger Miller piu` alienato). In questa musica il canto ha un ruolo molto marginale. L'unica vera "canzone", Tallahassee, tenta di divulgare il loro sistema armonico con un'accoppiata alla Kyuss di melodia lisergica e scosse telluriche.

070796LIVE (Autofact, 2005) is a limited-edition live album. Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword aka Dissolution III (Troubleman Unlimited, 2005) is also a live album, and shares one colossal track with the previous one. Both are disposable. Legacy Of Dissolution (No Quarter, 2005) is a remix album. Also disposable.

Hex Or Printing In The Infernal Method (Southern Lord, 2005), was finally a real release, the first studio album in nine years. Dispensing with the excesses of distortion and amplification, Earth embraced a melancholy Ennio Morricone-like atmosphere (via a crisp guitar twang and an arsenal of instruments), instead of the usual Black Sabbath funeral, and folded their apocalyptic instrumental tides into less harrowing structures. The music is impressionistic and descriptive instead of being expressionistic and destructive, but it rarely reaches the pinnacles of drama of their past albums (notable exception the evocative Mirage, Dylan Carlson in excelsis).

Hibernaculum (Southern Lord, 2007) re-recorded some old Earth compositions in the Morricone-ian style of Hex, notably the 16-minute version of A Plague of Angels. Basically, Earth produced a remix of their own music.

(Translation by/ Tradotto da Ascanio Borga)

070796LIVE (Autofact, 2005) e' un album live ad edizione limitata. Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword aka Dissolution III (Troubleman Unlimited, 2005) e' ancora un album live, ed ha in comune una traccia colossale col precedente. Entrambi sono usa e getta. Legacy Of Dissolution (No Quarter, 2005) e' un album di remix. Anche questo usa e getta.

Hex Or Printing In The Infernal Method (Southern Lord, 2005), fu finalmente un vero album, il primo disco da studio in nove anni. Gli Earth aggiungono una melanconica atmosfera morriconiana (attraverso squillanti toni chitarristici ed un arsenale di strumenti) alle loro apocalittiche maree strumentali. La musica e' impressionistica e descrittiva invece di essere espressionistica e distruttiva, ma raramente raggiunge i picchi di drammaticita' dei loro album precedenti (eccezione degna di nota l'evocativa Mirage, Dylan Carlson in excelsis).

Hibernaculum (Southern Lord, 2007) ri-registra alcune composizioni piu' vecchie degli Earth nello stile morriconiano di Hex. Sostanzialmente, gli Earth producono un remix della loro propria musica.

The Bees Made Honey in the Skull of the Lion (Southern Lord, 2008) was a follow-up to The Hex in the same "light" vein, but less fragmentary. It further focused on melody and dynamics, adding guitarist Bill Frisell to the mix. and allowing keyboardist Steve Moore more freedom. Catatonic guitar notes sculpt the funereal blues of Omens and Portents I - The Driver, a towering monolith that hardly changes at all during its nine-minute course. Miami Morning Coming Down II is the most daring piece: a minimalist pattern of piano a guitar is detonated by huge guitar twang and gospel organ and the organ remains the surviving sound at the end of the internecine slaughter. The gothic march of Omens and Portents II - Carrion Crow is the product of a triangular geometry between the cascade of guitar tones, the steady drumming and the confused mass of reverbs in the background (including piano). The jams stretch out for eight or nine minutes, taking their time to forge an identity. Unlike in the past, though, they transcend the funereal method to actually achieve a sense of life. The Bees Made Honey In The Lion's Skull (a slow-motion carillon with piano and sitar) and Engine of Ruin even display a guitar melody. And just accelerate Hung From The Moon to obtain a gentle serenade. If Hex was Earth's country album, then Bee is their blues/gospel album. The new sound of Earth owes more to Ennio Morricone's soundtracks and Calexico's atmospheric roots-rock than to Black Sabbath. (Translation by/ Tradotto da Tobia D’Onofrio)

The Bees Made Honey In The Skull Of The Lion (Southern Lord, 2008) è il seguito di The Hex nella stessa vena "leggera", ma meno frammentario. Si focalizza maggiormente su dinamiche e melodie, con l’aggiunta del chitarrista Bill Frisell (Omens and Portents I: The Driver, Miami Morning Coming Down II, Engine of Ruin) e con la maggiore libertà concessa al tastierista Steve Moore (se Hex è l’album country degli Earth, allora Bee è quello gospel). Le improvvisazioni si allungano fino a otto o nove minuti, prendendo il tempo necessario a forgiare un’identità: a differenza del passato, però, si mette da parte la logica lugubre per raggiungere, in realtà, un sentimento vitale.

Radio Live (Southern Lord, 2009) documents a live performance.

Angels Of Darkness, Demons Of Light I (Southern Lord, 2011) continued the progression (or regression) towards an even more introverted and atmospheric sound, not even remotely related to their doom-metal. Angels Of Darkness, Demons Of Light II (Southern Lord, 2012) is an appendix to the previous album, a bit too monotonous after the lethargic drum-less and atypical overture His Teeth Did Brightly Shine.

Dylan Carlson launched Drcarlsonalbion with Edward Kelley's Blues (Tapeworm, 2012), containing only two colossal jams, Edward Kelley's Blues for field recordings and guitar and Drunk On Angelspeech, an esoteric sermon for guitar and mellotron that constitutes an intriguing experiment on trance and noise but goes on far too long; and with the "folk" album La Strega And The Cunning Man In The Smoke (Latitudes, 2012), featuring vocalist Teresa Colamonaco of Screaming Tea Party and fellow guitarist Jodie Cox. Drcarlsonalbion's third album Gold (2014) was a film soundtrack: 24 atmospheric distorted guitar melodies that hark back to Jimi Hendrix and Neil Young but with country-ish overtones.

Earth returned with Primitive And Deadly (Southern Lord, 2014), whose main novelty was that it added vocals to a couple of tracks. The trio this time featured Carlson, drummer Adrienne Davies and bassist Bill Herzog of Sunn O)))). The album opens with the ritualistic esoteric heavy doom of Torn by the Fox of the Crescent Moon, perhaps a way not to scare old fans away. Then it boasts Mark Lanegan wailing like Neil Young in the slow-burning blues jam There Is a Serpent Coming, which sounds like a slow-motion version of Cream. The voice of Rabia Shaheen Qazi, oscillating between ethereal and hymnodic, does a more intriguing job in the ten-minute From the Zodiacal Light, but the music is little more than a waltzing version of Jimi Hendrix's Voodoo Child. The second instrumental, Even Hell Has Its Heroes, displays an Ennio Morricone-ian fascination with martial pace, funereal bells, and assorted fatalistic nuances. The melodic element is even stronger in Rooks Across the Gate, thankfully with minimal vocal contribution by Lanegan, that ends, again, in a funereal march. The Earth is no longer flat.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database