Ester
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Default State, 5/10
Links:

Ester e` il progetto del cantante e chitarrista Paul Garvey, canadese trapiantato a Los Angeles innamorato del rock and roll classico, per via del jazz e del funk. Armato di una sezione ritmica all'antica (ritmi sincopati alla Free e da boogie sudista) e del secondo chitarrista Cosmo Jones, ha esordito con l'EP Hotel Hypercube (Thirsty Ear, 1999), sul quale e` ancora forte l'influenza di Primus e dei Red Hot Chili Peppers, a cui ha fatto seguito l'album Default State (Thirsty Ear, 1999). Quello di Heading Through e` un sound ruspante ma anche tenebroso, quello sfociato nella grande stagione del blues-rock, con appena qualche venatura funk e jazz. Gran parte del disco si adagia pero` in un tono languido, biascicato quasi in trance, che e` meglio rappresentato dalla ballad conclusiva, Entropy, e dalla sofferta meditazione alla Alice In Chains di Mongoose. Esprimono meglio il concetto i brani strumentali, in particolare Intro, sul quale risalta l'improvvisazione jazz. La lunga Sun Tune non cambia lo scenario: benche' tutte le canzoni vantino buone melodie, il disco risulta monotono e privo di vere emozioni. If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database