John Frusciante
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso)
Niandra Lades And Usually Just A T-Shirt (1994) , 7.5/10
Smile From The Streets You Hold (1997), 6/10
To Record Only Water For Ten Days (2001), 5/10
Shadows Collide With People (2004), 5/10
The Will To Death (2004), 5/10
Inside Of Emptiness (2004), 4/10
Curtains (2005), 4/10
Ataxia: Automatic Writing (2004), 6/10
The Empyrean (2009), 5/10
Links:

Far more original than the average songwriter's repertory was the artistic mess concocted by former Red Hot Chili Peppers' guitarist John Frusciante on Niandra Lades And Usually Just A T-Shirt (1994), between agonizing blues and demented singalongs, a neurotic and hysterical version of Daniel Johnston.


If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

John Frusciante, lasciati i Red Hot Chili Peppers nel 1992, pubblica Niandra Lades And Usually Just A T-Shirt (American, 1994), con il sottotitolo To Clara, disco che appartiene alla categoria dei canti sublimi e nevrastenici di libertà (primo e archetipico quello di Syd Barrett, o più recentemente Zoogz Rift e Daniel Johnston). C'è pochissimo di musicale in questi scorci di agonizzante blues di strada (As Can Be, Skin Blues), in queste demenziali sonate pianistiche (Curtains), in questi abbozzi gracchianti di melodie folk (Running Away Into You, My Smile is a Rifle), in questo ultra-dimesso ritorno alle origini, quasi sempre rovinato da un canto isterico e da manipolazioni di nastri. Lo strimpellio di Head sembra parodiare Stairway to Heaven dei Led Zeppelin. Mascara è uno shout ubriaco che ora rallenta in una balalaika russa e ora accelera in un pop frenetico. Il buffo sarcasmo strillato di Your Pussy's Glued to a Building on Fire e il maniacale singalong di Ten to Butter Blood Voodoo lasciano poche speranze per il recupero psichiatrico del soggetto. È uno di quei dischi che non si può giudicare per il risultato, ma soltanto per l'intenzione. È soprattutto un testamento, fatto di ricordi e lampi di lucidità. Brani che diventano presto dei disordinati accumuli di accordi strimpellati senza convinzione, di testi canticchiati a mezza voce, di riff interrotti a metà, di registrazioni-verità. La seconda parte dell'album contiene 13 brani senza titolo, e questi sono davvero soltanto schizzi, in molti casi esperimenti di manipolazione del suono della chitarra. Un diario scritto in una cella di manicomio, o forse soltanto una serie di scarabocchi tracciati guardando la neve cadere dalla finestra. Appunti di un progetto che si fa via via sempre più sfocato, vacillante, sbiadito, ma al tempo stesso sempre più personale, sempre più interiore, sempre più privato, sempre più imperscrutabile nei suoi insistiti infantilismi.

Frusciante gli darà un seguito con Smile From The Streets You Hold (Birdman, 1997), che è ancor più personale, tetro, devastante, un po' il suo Tonight's The Night (il capolavoro di Neil Young dedicato alla morte e alla droga). Enter a Uh, A Fall Thru the Ground, I'm Always, Well I've Been compongono un quadro deprimente di un uomo all'ultimo respiro.

To Record Only Water For Ten Days (Warner Bros, 2001) is yet another collection of home-made lo-fi pop tunes, but this one is augmented with the drum-machine and songs like Going Inside sound a lot less eccentric (i.e., mediocre) than his previous solo work. Frusciante rid himself of the drugs and has become a new age nerd. The positive view of life that surfaces in The First Season and Going Inside recalls David Crosby's resurrection. Not an artistic one, though.

(Translation by/Tradotto da Anna LaRocca e Davide Carrozza)

To Record Only Water For Ten Days (Warner Bros, 2001) è un'altra raccolta di motivi pop lo-fi casarecci, ma qui c'è l'aggiunta della drum machine e canzoni come Going Inside risultano molto meno eccentriche (cioè mediocri) del suo precedente lavoro da solista. Frusciante si è liberato delle droghe ed è diventato un nerd della new age. La visione positiva della vita che affiora in The First Season e Going Inside ricorda la resurrezione di David Crosby. Non artistica, però.

After re-joining the Red Hot Chili Peppers, John Frusciante released his fourth solo album, Shadows Collide With People (Warner, 2004), by far his most linear, traditional and radio-friendly work yet. Comprising a set of Luna-style folk-pop ballads (Carvel, Wednesday's Song, Song to Sing When You're Lonely, Regret), it neither homages his band's funk-pop style nor does it continue the psychiatric journey of his early solo extravaganzas.

A second album followed in the same year, The Will To Death (Record Collection, 2004), a collaboration with percussionist Josh Klinghoffer, was perhaps too much for Frusciante's muse. The 16 songs sound improvised and never refined. In some cases, Frusciante is obviously trying to hide the song's "rough and ready" state with production tricks. In other cases, he didn't even try. No question he has the class and the brain to turn even the most embarrassing idea into an intriguing proposition, but these two albums are, ultimately, yet another testament to the fact that compact discs are too cheap to manufacture.

Frusciante released three more albums, for a total of six in six months: Inside Of Emptiness (Record Collection, 2004), DC EP (2004) and Curtains (2005).

Ataxia is collaboration with percussionist Josh Klinghoffer and Fugazi's bassist Joe Lally. Their first output, Automatic Writing (Record Collection, 2004), contains five lengthy jams, notably the convoluted and sinister Addition and the bleak and brutal Dust. It was by far his best recording in years.

The Empyrean (2009) includes the nine-minute instrumental Before the Beginning, one of his artistic peaks, even if the rest is disposable.

(Translation by/Tradotto da Davide Carrozza)

Dopo essere rientrato nei Red Hot Chili Peppers, John Frusciante pubblicò il suo quarto album da solista, Shadows Collide With People (Warner, 2004), finora il suo lavoro più lineare, tradizionale e radiofonico. Con un set di ballate folk-pop sulla falsariga dei Luna (Carvel, Wednesday's Song, Song to Sing When You're Lonely, Regret), non omaggia il funk-pop del suo gruppo né continua il viaggio psichiatrico delle sue prime stravaganze soliste.

Fu pubblicato nello stesso anno un secondo album, The Will To Death (Record Collection, 2004), una collaborazione con il percussionista Josh Klinghoffer, forse troppo per la musa di Frusciante. Le 16 canzoni sembrano improvvisate e mai riviste. In alcuni casi, è ovvio che Frusciante provi a nascondere lo stato "grezzo e pronto" delle canzoni con trucchi da studio. In altri casi, non ci prova neanche. Ha senza dubbio la classe e l'intelligenza per trasformare l'idea più imbarazzante in una proposta intrigante, ma questi due album sono solo un altra prova del fatto che la manifattura dei compact disc costa pochissimo.

Frusciante pubblicò altri tre album, per un totale di sei in sei mesi: Inside Of Emptiness (Record Collection, 2004), DC EP (2004) e Curtains (2005).

Ataxia è una collaborazione con il percussionista Josh Klinghoffer e il bassista dei Fugazi Joe Lally. Il loro primo album, Automatic Writing (Record Collection, 2004), contiene cinque lunghe jams, tra cui la convoluta e sinistra Addition e l'oscura e brutale Dust. È il suo album migliore dopo anni.

The Empyrean (2009) include lo strumentale di nove minuti Before the Beginning, una delle sue vette artistiche, anche se si può fare a meno del resto.

What is unique about this music database