Miracle Room
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Benche' siano un power-trio, i Miracle Room si annoverano fra le formazioni piu` sperimentali di New York. Nei loro maelstrom sonori, infatti, che sono di per se` imbevuti di improvvisazione freejazz e di feedback psichedelici, innestano strumenti casalinghi e rumori trovati a ritmi generalmente follemente tribali. Il gruppo venne in realta` formato ad Austin (Texas) da Stephen Marsh (chitarra e canto), ma si trasferi` nel 1988 a Manhattan, dove divenne un numero fisso del neonato Knitting Factory.

L'EP omonimo del 1990 (per la Bar None) e` uno dei dischi piu` originali dell'epoca. Marsh vi si afferma come un piccolo Pierre Schaeffer del rock, capace di qualsiasi efferatezza sonora, dai cicli di feedback di Mother Of Destruction all'hip-hop riverberato di These Are My Friends, per culminare nella musica elettronica di Untitled.

La leggenda vuole che dal vivo i Miracle Room non abbiano limiti, e che una sera al Knitting Factory abbiano suonato le parti di un pianoforte man mano che lo distruggevano metodicamente.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database
Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright