P.W. Long's Reelfoot
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
We Didn't See You On Sunday, 6/10
Push Me Again , 6/10
Remembered (2004), 5/10
Links:

Il cantante e chitarrista P.W. Long (ex Mule) ha formato i Reelfoot a Detroit con il bassista Dan Maister e il batterista Mac McNeilly (ex Jesus Lizard). In realta` We Didn't See You On Sunday (Touch & Go, 1997) presenta l'artista pressoche' solo a suonare un repertorio di canzoni acustiche e autobiografiche. My Name, I'll Be Your Angel, The Shakin' Fears nascondono in realta` un'energia rude, che non riesce a liberarsi in riff o ritornelli, ma e` sempre presente dietro le parole angosciate del cantante. Templi e I'll Be Your Angel mostrano anche un personaggio profondo e maturo. Manca, tutto sommato, la musica.

Push Me Again (Touch & Go, 1998) ha gia` progredito in due direzioni parallele. Il canto si e` fatto piu` truce e psicotico, a due ottave da quello di Captain Beefheart. La chitarra si e` fatta ancor piu` acida e spigolosa, a due stecche dal garage-rock piu` selvaggio. Capita cosi` che blues-rock sgangherati come Signifyin' Honkey e Stand Up uniscano il piglio follemente caotico e sguaiato di Beefheart alla carica sgraziatamente elettrica degli Shadow Of Knights. Dan Boyce (ex Goats) all'organo trasporta con i preziosismi le melodie malate di Long alle pendici del country-gospel della Band e del soul-rock di Stevie Winwood (Say It Ain't So, State House e Fly Trap Lair). La sezione ritmica picchia rocciosa e singhiozzante. L'album e` piu` album e meno accozzaglia di idee, il gruppo e` piu` gruppo e meno sottofondo per il cantante.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
PW Long disposed of the Reelfoot, relocated to Buffalo (New York) and then to Texas, and finally recorded Remembered (Touch & Go, 2004), a collection of soulful ballads a` la Joe Cocker (She's Gone, Court House), roaring blues scorchers a` la Free (If Not When Now) and assorted madness (Diamondbacks). Unfortunately, most of the material is slow, plaintive, and somewhat lifeless. (Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database