Rodan
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Rusty , 8/10
Links:

I Rodan risvegliarono la gloriosa scena di Louisville a partire con il singolo How The Winter Was Passed (3 Little Girls, 1993), l'EP Aviary e l'album Rusty (Quarterstick, 1994). I loro lunghi brani concettuali sono vivacizzati da partiture strumentali altamente drammatiche, che sfruttano tanto la dinamica lenta e assordante di Sling e Bitch Magnet quanto le stasi catatoniche dei Codeine, ma in un contesto piu' improvvisato.
Questo punk "progressivo" trova singolari equilibri nelle ritmiche spigolose e nell'altalena di umori di The Everyday World Of Bodies (dodici minuti) e nella rarefatta, ipnotica, magica atmosfera di Gauge. Il brano che prende lentamente forma dalla nebulosa di accordi e riff di Toothfairy Retribution Manifesto e la voragine di tintinnii in cui scompare la struttura di Bible Silver Corner (una musica new age per punk?) danno la misura del grado di astrazione a cui possono arrivare i contrappunti fra le chitarre di Jason Noble e Jeff Mueller e il basso di Tara Jean O'Neil, sostenuti dalla batteria rocciosa di Kevin Coultas. La sorpresa e' che ci sia spazio anche per una canzone come Shiner, forte, trascinante e concisa.

Meglio ancora forse il singolo con Milk And Melancholy e Exoskeleton (3 Little Girls, 1994), entrambe modellate secondo un vortice di contrasti.

La loro prassi e' quella di far fermentare gli elementi di una canzone, di lasciare che si decompongano, di favorirne lo smembramento, ma prima ancora che la canzone abbia preso forma, prima ancora che esista una canzone, prima ancora, in un certo senso, che si sia cominciato a suonare.

Dallo scioglimento di questo gruppo avranno origine formazioni altrettanto importanti: June Of 44, Rachel's, Sonora Pine.

Rodan set a standard for music that was neither atmospheric nor abstract, but a bit of both, with the lenghty conceptual compositions/improvisations of Rusty (1994). The interplay among Jason Noble's and Jeff Mueller's guitars, Tara Jean O'Neil's bass and Kevin Coultas' drums contained elements of rock, jazz and classical music, but the "songs" didn't quite fall into either category.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database