Sharkbait


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Blowtorch Facelift , 6.5/10
Links:

Il circo dei Sharkbait (sei musicisti e tre ballerini nell'ultima incarnazione, ciascuno con un soprannome surreale) piu` che eseguire musica la fa levitare da un ammasso disordinato di riff di hardrock e heavymetal, pulsazioni metodiche di basso, clangori di percussioni "trovate", campionamenti e rumori assortiti di elettronica. Christopher Reid "Mr Sea Tea" Taylor e Renee "Chicken Of The Sea" sono gli unici membri fissi (dopo che anche il veterano batterista John "3:16" se n'e` andato).

Durante le loro "crushfest" persone del pubblico vengono invitate a salire sul palco e unirsi ai musicisti battendo su qualsiasi oggetto sia a portata di mano fino a romperlo (appunto "crush"). Durante il Lollapalooza del 1992 il gruppo distrusse 1.010 televisori nell'arco di 40 concerti in altrettante citta`.

P.H.L.A., l'inno dello "Psychedelic Human Liberation Army", e` il loro brano piu` celebre; ma il repertorio conta anche le cassette Feed Our Frenzy (Gladys Pearce, 1988) e E-Ville Mind Crush del 1989. Benche' su disco l'impatto della loro "musica" (si fa per dire) sia molto inferiore, al crescere della fama ha fatto da contraltare una rinnovata attivita` discografica, culminata nell'album del 1993, Blowtorch Facelift (Primitech).

Sharkbait were more like a circus than a rock band, but Feed Our Frenzy (1988) nonetheless unloaded a chaotic mass of hard-rock riffs, found percussions, samples and electronic noises.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database