Todd Snider


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Songs For The Daily, 6.5/10
Step Right Up, 6/10
Viva Satellite, 6/10
Happy To Be Here , 6/10
New Connection , 5/10
East Nashville Skyline (2004), 5/10
Links:

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Nato a Portland, ma trapiantato artisticamente al Sud, fra Memphis (Tennessee) e Austin (in Texas), Todd Snider impersona una fusione fra la tradizione nera, quella bianca e il rock moderno che ha preso piede a Nashville e comincia a traboccare nel mondo dei cantautori.

A rivelarlo fu Songs Of The Daily Planet (MCA, 1994), una raccolta di vignette ironiche eseguite con un tono a meta` strada fra quello fatalista di Tom Petty e quello sfrontato di John Mellencamp, ma populista come entrambi. La sua amara filosofia di strada lo porta a rispolverare miti delle generazioni precedenti con il suo piglio da saloon, e nascono cosi` riferimenti diretti come My Generation (Who), This Is Our Land (Woody Guthrie) e Talking Seattle Grunge Blues, baldanzosi fino all'oltraggio. Confermando la fondamentale schizofrenia della sua personalita` artistica, alla maniera del Dylan epico di Blonde On Blonde, Snider intona Alright Guy (che e` semplicemente una parodia di Madonna e Sinead O'Connor), mentre alla maniera rude di un complesso sudista ruggisce il boogie di Turn It Up e infine si accascia nel melodramma di You Think You Know Somebody.

Snider perde qualcosa della sua irriverente e iper-realista personalita` su Step Right Up (MCA, 1996), un album che si avvicina invece al repertorio di Tom Petty (Horseshoe Lake) mediato attraverso l'esperienza di Steve Earle (It All Adds Up) e all'ombra del mito di Dylan (Moondawg's Tavern e Sideshow Blues). Dall'epica I Believe You alla comica Late Last Night, passando per Enough e Hey Hey, Snider conquista il popolo degli umili ragazzi di provincia.

Viva Satellite (MCA, 1998) si preoccupa soprattutto di mettere a punto il sound. I cardini commerciali del disco sono Rocket Fuel, uno scapestrato boogie sudista (cosi` come la traccia nascosta, I'm a Nervous Wreck), e I Am Too, una tiritera arrabbiata alla Bob Dylan, ma la vera vocazione di Snider e` la ballata addolorata alla Tom Petty (Yesterdays And Used To Be's, Out All Night). Come sempre, Snider rende omaggio alla tradizione, sia pur a modo suo, e nei generi tradizionali non delude mai: il retroterra country viene a galla nella dimessa Can't Complain, l'animo gospel sgorga in Once He Finds Us. Il cantautore con la "c" maiuscola scodella l'arringa velenosa di Positively Negative e la maschia serenata di Never Let Me Down. La splendida forma gli consente di cimentarsi persino nel lungo raga psichedelico di Guaranteed, a meta` strada fra i Velvet Underground e gli Holy Modal Rounders. Il disco si chiude con il sornione Doublewide Blues, in una maniera al confine fra Beck, Tom Waits e Billy Joel. Va dato credito anche al suo complesso di accompagnamento, i Nervous Wrecks (Will Kimbrough alla chitarra, Joe Mariencheck al basso e Paul Buchignani alla batteria), una piccola Band della fin de siecle.

Happy To Be Here (Oh Boy, 2001), with Ballad of the Devil's Backbone Tavern and, to some extent, New Connection (Oh Boy, 2002) confirmed Snider's gift for the melodic vignette.

East Nashville Skyline (Oh Boy, 2004) continued his simple, dry, witty chronicle of his age, with unpretentious songs that get to the point the old fashioned way (Age Like Wine, Play a Train Song, The Ballad of the Kingsmen).

The Devil You Know (2006) boasted a harder sound, reminiscent of British pub-rock of the late 1970s. The EP Peace Queer (2008) presented his political alter-ego. The Excitement Plan (2009) returned him to his favorite Randy Newman-esque territory of witty storyteller (America's Favorite Pastime).

The witty and polemic Agnostic Hymns & Stoner Fables (2012) was one of his most articulate, if not one of his most musical works.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database