Mike Watt
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions )
Ball-Hog Or Tugboat , 7/10
Contemplating The Engine Room , 6.5/10
Links:

Mike Watt, a legendary bass player who was a pillar for both the Minutemen, Dos and fIREHOSE, recorded several ambitious solo albums.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Mike Watt, leggendario bassista che ha militato nei Minutemen, nei Dos e nei fIREHOSE, registra finalmente il primo album solista, Ball-Hog Or Tugboat (Columbia, 1994), avvalendosi di uno stuolo di cantanti d'eccezione (fra cui Evan Dando dei Lemonheads, Eddie Vedder dei Pearl Jam, Henry Rollins della Rollins Band, Frank Black dei Pixies, Mark Lanegan degli Screaming Trees, Dave Pirner dei Soul Asylum, i Nirvana). Agli strumenti si alternano grandi virtuosi come i chitarristi Nels Cline, Joe Baiza dei Saccharine Trust e J Mascis dei Dinosaur Jr, Chris Kirkwood dei Meat Puppets, il pianista Paul Roessler, il batterista Dave Grohl dei Nirvana, il bassista Flea dei Red Hot Chili Peppers, i chitarristi Thurston Moore e Lee Ranaldo dei Sonic Youth. In tutto si alternano circa 50 musicisti nell'arco di 17 canzoni.
Dopo le opere astratte dei fIREHOSE e dei Dos, l'album presenta Watt nei panni del populista che e` sempre stato, grazie ad alcune canzoni (piu` o meno autobiografiche) che sono saldamente ancorate ai valori tradizionali del rock and roll: il blues-rock lascivo di Big Train, l'hard-rock di Against The 70's, il power-pop di Piss-Bottle Man, il rap-metal di Tell 'Em Boys. Watt e` pero` forse piu` portato per la ballata folk, come dimostrano Drove Up From Pedro e Chinese Firedrill. C'e` spazio anche per la novelty sudamericana di E-Ticket Ride e lo swing degli anni ruggenti di Sidemouse Advice, nonche' per Sexual Military Dynamics, nello stile animalesco di Beefheart. Il pregio del disco e` anche il suo difetto: la dispersione, l'eterogeneita`, la mancanza di coesione.

Watt torna invece al formato del power-trio (Nels Cline alla chitarra, Stephen Hodges alla batteria) sul successivo Contemplating The Engine Room (Columbia, 1997), una "punk-rock opera" proletaria che fa continuo riferimento ai compagni musicisti della sua giovinezza, In The Engine Room, Red Bluff, Bluejackets Manual lambiscono talvolta la memoria dei fiREHOSE, e talaltra aggiungono un pizzico di funk, salsa, jazz-rock, bossanova; ma poche canzoni si fanno ricordare per i meriti propri.

Watt later returned to the format of the punk opera with The Secondman's Middle Stand (2004), modeled after the three sections of Dante's "Divine Comedy". and to the disjointed Minutemen-style aphorism on Hyphenated-Man (2011), containing 30 brief "songs".

Floored By Four (july 2009) was performed by a quartet with Nels Cline (guitar), Yuka Honda (keyboards and vibes), Mike Watt (bass) and Dougie Bowne (drums).

Anywhere were Mars Volta's vocalist Cedric Bixler Zavala, the Triclops' guitarist Christian Beaulieu and veteran bassist Mike Watt, playing prog-rock and acid-rock on Anywhere (2012), that contains the singles Pyramid Mirrors (2011) and Infrared Moses (Valley King, 2012) and also features Toshi Kasai from Big Business.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database