Wellwater Conspiracy
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Hater, 6/10
Declaration Of Conformity, 6/10
Brotherhood Of Electric , 5/10
The Scroll and Its Combinations , 4/10
Wellwater Conspiracy (2003) , 4/10
Links:

Dopo aver lasciato i Monster Magnet, il chitarrista John McBain formo` gli Hater, con una sezione ritmica rubata ai Soundgarden (Matt Cameron alla batteria e Ben Shepherd al basso) e l'aiuto di Brian Wood (cantante dei Fire Ants). Il sound di Hater (A&M, 1993) e` un inaspettato revival degli anni '60 e '70, con ammiccamenti a Troggs (Tot Finder) e T.Rex (Putrid), e un generale brio "retro'" (Circles). Miglior brano del disco e` la jam chitarristica psichedelica Sad McBain, che anticipava soluzioni dei Wellwater Conspiracy.

Quello che sembro` ai tempi soltanto un episodio periferico si rivelo` in realta` l'inizio di una nuova carriera. Due delle canzoni registrate per quell'album, Sleeveless e You Do You, erano talmente diverse dalle altre che McBain decise di lasciarle da parte. fedeli al sound piu` creativo degli anni '60, con le chitarrine deboli e graffianti e un ritmo incalzante ma in continua metamorfosi, degne di Yardbirds e Troggs. Quelle canzoni divennero il primo singolo dei Wellwater Conspiracy, Sleeveless/ You Do You (Super Electro Sound, 1993), che sarebbero poi gli Hater (stessa formazione, nome diverso).

Dopo altri due singoli, uno con Trowerchord (una canzone melodica e distorta nella tradizione della psichedelia texana), Enebrio (archetipo di tutti i loro numeri strumentali) e Green Undertow (Super Electro Sound, 1994) e l'altro con due cover di gruppi Giapponesi degli anni '60, McBain penso` bene di raccogliere (quasi) tutto il materiale su un album, Declaration Of Conformity (Third Gear, 1997), aggiungendo un paio di inediti dell'ultima ora.
Forse anche per la sua natura estemporanea, l'album e` un calderone di garage-rock, acid-rock e beat britannico senza gran che' a dargli un aspetto coesivo. Le canzoni lasciano insomma a desiderare (le piu` melodiche sono tutte cover).
Imperlano invece il disco numerosi brani strumentali, nei quali forse meglio si consuma la fusione di stili: Shel Talmy, The Far Side Of Your Moon e Declaration Of Conformity. Non solo le partiture strumentali sono piu` compatte e innovative, ma la combustione e` anche piu` "grunge" (in senso pre-grunge). Space Travel In The Blink Of An Eye si spinge ai limiti delle jam dei Jefferson Airplane con uno spirito surrealista che ne fa l'equivalente sonoro di un dipinto di Salvator Dali`.
Che sia inettitudine o che sia rispetto dei classici, la chitarra di McBain suona gracile e antiquata dall'inizio alla fine. La sezione ritmica e` invece perfettamente al passo con i tempi. La voce di McBain rappresenta invece il punto debole del disco. Senza le canzoni, questo sarebbe un eccellente disco di rock strumentale alla Man Vs Astroman. Invece questo e` soltanto l'ennesimo disco di "Sixties revival", che forse arriva un ritardo di una decina d'anni. I Lyres (per citarne uno) queste cose le facevano meglio.
McBain sostiene che questo e` il naturale anello di congiunzione con gli inizi dei Monster Magnet, anzi con i suoi gruppi preistorici Dog Of Mystery e The Smoking Pets, con la Lizard Johnny che i Monster Magnet registrarono quando si chiamavano ancora Airport 75 (Tim Cronin al canto, David Wyndorf alla chitarra e McBain al basso) e che fini` sul primo disco dei Monster Magnet.
Contento lui.

Wellwater Conspiracy, formed by Monster Magnet's guitarist John Paul McBain and Soundgarden's drummer Matt Cameron, played virulent garage-rock on Declaration Of Conformity (1997).
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Compellor (SuperElectro, 1998), another slab of psych-pop in the vein of Electric Prunes, Strawberry Alarm Clock and Blue Magoos (thanks to keyboardist Glenn Slater of the Walkabouts), perfected the formula and prepared the stage for the elaborate arrangements of their second album, Brotherhood Of Electric (Time Bomb, 1999). Born With A Tail, Ladder To The Moon and Teen Lambchop are superb variations on the genre, and the instrumental skills displayed in Jefferson Experiment and Hal McBlaine only make them more intriguing.

Unfortunately, The Scroll and Its Combinations (TVT, 2001) is just too derivative of the 1960s and pretentious: a deadly combination. Tidepool Telegraph borrows the riff from Pearl Jam's Not For You.

If nothing else, Wellwater Conspiracy (Transdreamer, 2003) is not pretentious. But it is a dreadful mix of the same, old psychedelic garage-rock and a new electronic sound with drum machines that doesn't add up to anything (Rebirth).

What is unique about this music database