Air Liquide
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
The Increased Difficulty Of Concentration , 8/10
Red , 6/10
Let Your Ears Be The Receiver (2004), 4/10
Links:

All'interno della scuola techno della Germania, gli Air Liquide offrono uno dei sound meno stereotipati e uno dei piu` in linea con le istanze dei rave. Formati a Cologne nel 1991 da Ingmar "Dr Walker" Koch e Cem "Jammin` Unit" Oral, gli Air Liquide si oppongono alla trance di Francoforte con un techno piu` psichedelico che ha trovato definitivo consolidamento sull'EP Space Brothers (Rising High) e soprattutto sul doppio album The Increased Difficulty Of Concentration (Smile, 1995), meta` ambientale e meta` ballabile.
Nel doppio si celebra una nuova forma musicale, al confine fra collage e flusso di coscienza. Il concetto di techno viene rivoluzionato da un campionario di ritmiche fantasiose. La danza travolgente di Liquid Air fa da contrappeso al raga ipnotico di The Increased Difficulty On Concentration, l'impeto tribale di This Is Not A Mind Trip mimetizza i trilli isterici di Imago, le sincopi nevrasteniche di Ek-Stasis complementano la giungla industriale di Space Brothers, il balletto dub di Stratus Static sfuma nei colpi assordanti del Theme From Robot Wars.
Il massimo dello straniamento viene toccato quando Unraveling My Curls cuce melodie elettroniche trascendenti, quasi new age, su cadenze esuberanti, e quando Synsonic stende i suoi nove minuti di suoni galattici in un vortice di alienate cadenze dub e funk.
Le escursioni fuori dal ballabile riservano momenti di alta suggestione, dal lento e dimesso jamming psichedelico di chitarra che sciacqua la Ballad Of The Nameless Guitar Player in una nuvoletta di sibili elettronici e campionamenti indecifrabili (Hendrix, Pere Ubu e Orb a braccetto) all'elettronica tragica di Cassiopeia, ormai al confine con i poemi elettronici piu` astratti.
Nel mezzo di questo disco colossale troneggia persino una colossale Robot Wars Symphony della durata di mezz'ora in quattro movimenti: cosmico alla Schulze il primo, immerso in un fremito snervante di ronzii, rombi e tintinni, cadenzato meccanicamente il secondo, un festival di sequencer esuberanti il terzo, un finale di droni il quarto. Nel complesso si tratta di uno dei dischi piu` importanti del 1994.

Red (Smile, 1996), accoppiato a Black, continua la saga con il solito eclettismo per i campionamenti e le ritmiche, fra brani veloci e orecchiabili (Interactive Warlords, Ex-Stasis, Live in New York - part 3, MP3) e arrangiamenti sofisticati (Der Laufer, Live at Ultraschall - part II, Theme From Robot Wars).

Walker e` attivo anche nei Radiowaves (Rising High), con i quali esegue piece elettroniche piu` sperimentali. Walker e` anche Pierrot Premier (in collaborazione con Thomas Thorn). Orange Clouds Over Battery Park (Liquid Sky, 1996) e` un elegante esercizio di trip-hop e ambient house. A proprio nome ha pubblicato Empire State Building (Harvest, 1998), un lavoro di arduo minimalismo, e con Holger Czukay Clash (Sideburn, 1998), un doppio CD di improvvisazioni dal vivo.

Jammin` Unit suona anche negli UMO con suo fratello "Khan".

Oral ha poi dato vita al progetto Khan.

Best (Mueller, 2002) summarizes ten years of releases.

Let Your Ears Be The Receiver (Multicolor, 2004) is a very minor imitation of Air Liquide's classic sound.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
What is unique about this music database