Alboth!
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Amour 1991, 7/10 (EP)
Liebefeld , 7/10
Ali , 7/10
Amor Fati , 6/10
Links:

Al versante piu` sperimentale della musica industrial-metal appartengono gli svizzeri Alboth!, un trio di pianoforte, basso e batteria che prende lo spunto dal rock da camera dei Birdsongs Of The Mesozoic, ma interpreta il crossover nella maniera delirante di John Zorn. Lo stile del pianista Peter Kraut e` un misto dei cluster tonali di Schonberg e del free-jazz di Cecil Taylor, quello di Michael Werthmuller (residente a Berlino) alla batteria e quello di Christian Pauli al basso sono un connubio esplosivo di jazz e di speedmetal.

Nella piu` gloriosa tradizione del "progressive" tedesco gli Alboth! hanno registrato alcuni dei dischi piu` rivoluzionari degli anni '90: il mini-album Amour 1991 (Permis De Construire), registrato in un solo giorno, il singolo Barschel, Moro, Rentsch e l'album Liebefeld (Permis De Construire, 1992), prodotto da Kevin Martin e suonato dal trio con l'aggiunta di tre sassofonisti free-jazz e del cantante tedesco Daniel Lieder. L'effetto a cascata di quelle masse sonore in rapido movimento e` terrificante.

Le microscopiche piece strumentali del mini-album Amour 1991 (Permis De Construire) non hanno nulla da invidiare alla foga del punk-rock. Esasperando gesti sonori della musica classica e del jazz, raggiungono livelli demenziali di violenza. Lo strumento dominante e` il pianoforte, usato pero` in maniera talmente percussiva da far passare in secondo piano la batteria. I brani non hanno svolgimento drammatico, dinamica o altro: si limitano a pestare sui tasti e sui tamburi fino allo sfinimento. Villiger impiega ritmiche da martello pneumatico e cascate torrenziali di accordi di pianoforte; TT gioca in maniera infantile e clownesca con i tasti; Diego Maradona lambisce il grindcore; Un minimo di metodo si delinea nei brani che riescono a superare i tre minuti: Dellper, costruito attorno a una serie di corse frenetiche del pianoforte lungo scale jazzate, o Juerg Solothurnmann, uno degli esperimenti piu` concettuali e dissonanti, o Estee Lauder, una jam di free-jazz davvero caotico e frenetico. Il canto e` limitato a qualche urlo da cavernicolo. Queste composizioni tempestose ed epilettiche fanno sembrare i Neu un ensemble di musica barocca.

Dopo composizioni interlocutorie come i cinque brani del mini-album Leib (Permis De Construire, 1993) e i quattro brani dell'EP Yorn (Submission, 1995), usci` il secondo vero album, Ali (Submission, 1996).

Stefano Villa scrive:

Secondo me hai un p snobbato Ali. Io ho tutti i loro cd e penso che sia il loro migliore, il pi devastante e maturo, dove tutte le componenti della loro musica vengono fuori al meglio: le accelerazioni di pianoforte alla Cecil Taylor, il cerebralismo dei King Crimson, le cacofonie degne degli Einsturzende Neubauten (Berger ad esempio) e gli psicodrammi memori degli Young Gods incrociati con gli assalti free di John Zorn nei Naked City. Il tutto insieme crea un genere nuovo che appartiene agli Alboth! al 100%, completando il discorso iniziato con l'ottimo Leibefeld. Canzoni come Lalas e Freivogel sono memorabili, oltre che geniali.

Con la formazione ormai ufficialmente divisa fra Berna e Berlino, il quartetto ha dato vita all'ancor piu` complesso, ma molto meno irruente, Amor Fati (Submission, 1998).

Affermatisi un po' come gli Young Gods dell'era dei Napalm Death e dei Boredoms, gli Alboth! hanno coniato un genere (che una rivista svizzera ha battezzato "death-jazz") fra i piu` violenti e al tempo stesso fra i piu` influenzati dal free-jazz.

Ecco La Fiera (1999) replaces the piano with electronics over five lengthy tracks.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
What is unique about this music database