Carter The Unstoppable Sex Machine
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
101 Damnations , 6/10
30 Something , 6.5/10
The Love Album , 6/10
Post Historic Monsters , 5/10
Worry Bomb, 6/10
A World Without Dave , 5/10
Links:

I Carter The Unstoppable Sex Machine rappresentarono in molti sensi la quintessenza della futulita` e della scempiaggine della scena ballabile Inglese degli anni '80. Leslie "Fruitbar" Carter e Jim "Bob" Morrison, armati delle drum machine piu` fastidiose della storia del rock, fusero il synthpop da classifica e il punk-pop di retroguardia, rubando idee al vecchio musichall e pose ai rapper politicizzati.

Il primo album, 101 Damnations (Big Cat, 1990), rivelo` il loro ambiguo misto di nichilismo di strada e di denuncia sociale, compresso fra rabbia punk e frenesia da (s)ballo. Emblematica l'epilettica tiritera di Twenty-four Minutes From Tulse Hill, una sequenza rapidissima di immagini brutali. Il loro selvaggio humour (e il loro altrettanto selvaggio campionamento di canzoni altrui) risalta in realta` meglio in Taking Of Peckham 123, A Perfect Day To Drop The Bomb (che riecheggia The Message di Grandmaster Flash) e Midnight On The Murder Mile (che rispolvera Wilson Pickett e Chuck Berry).

La fama giunse nel 1991 con il singolo orecchiabile Sheriff Fatman e l'album 30 Something (Chrysalis, 1991), in particolare il brano Bloodsport For All, provvidenzialmente critico nei confronti della Guerra del Golfo e pertanto catapultato sui settimanali per l'inevitabile censura.
Fra tante gratuite arringhe svettavano invece la tragicomica elegia alla Kurt Weill di A Prince In A Pauper's Grave e il delirante strumentale heavymetal sinfonico Surfin ' USM, testimonianze piu` autentiche della loro vera vocazione; cosi` come i brani piu` punkrock (My Second Lo Last Will And Testament e soprattutto Sealed With A Glasgow Kiss). La sintesi fra ritmi ipercinetici, chitarre iper-elettriche e orchestre iper-sintetiche sortisce effetti suggestivi, ma, se non e` sostenuta da melodie adeguate, tende a suonare ripetitiva.

Il successo di quell'album venne ripetuto nel 1992 dal singolo Bloodsport For All e dall'album The Love Album (Chrysalis, 1992). I singoli The Only Living Boy In New Cross e The Impossible Dream (tratta da un film dei vecchi tempi) rappresentano (rispettivamente) il meglio e il peggio del gruppo. A farsi ascoltare sono soprattutto l'ironica England (ancora Weill) e il nuovo tema strumentale, 1993. Il buon vecchio music-hall sembra in effetti esercitare la maggiore influenza su Is Wrestling Fixed, While You Were Out e Skywest And Crooked, tutte piu` o meno fuori misura. Do Re Me So Far So Good (ispirata a un anthem degli Slade) conserva invece la verve degli esordi.

Post Historic Monsters (IRS, 1993) torna alla satira sferzante degli esordi, trainato da Lean On Me I Won't Fall Over e Under The Thumb And Over The Moon. La loro retorica trabocca in realta` di cinismo, il loro sarcasmo anti-fascista e` fine a se stesso, e in ogni caso la musica passa spesso in secondo piano. Il duo eccelle invece quando si limita a filosofeggiare in maniera assurda, come in The Music That Nobody Likes.

I singoli demenziali Let's Get Tattoos e Glam Rock Cops li riportano in auge alla grande.

Worry Bomb (Chrysalis, 1995) rigurgita cosi` di satira sociale e di stili musicali. E` comunque un album di transizione, che contrappone il punk-rock chitarristico agli arrangiamenti del synth-pop. Il suo forte sono, ancora una volta, i testi.

Il mini-album A World Without Dave (Cooking Vinyl, 1997) presenta il cantante Jim Bob in splendida forma in And God Created Brixton, Nowhere Fast e Road Rage, ma l'album annunciato per il 1998 non uscira` mai, in quanto il complesso si sciogliera` (con un nobile proclama di indipendenza).

Gruppo uscito da una cultura di colonne sonore di filmetti d'avventura e di discomusic degli anni '70, i Carter USM sono soltanto un'orrenda mutazione degli aspetti piu` cretini del glam-rock, senza alcun nesso con la musica. Tardi discepoli degli Sparks, hanno interpretato l'ansia delle masse attraverso un accumulo di stereotipi della protesta, e a quelle stesse masse hanno offerto una valvola di sfogo edonista con le loro esuberanti sarabande.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database