Curve
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Doppelganger , 7/10
Cuckoo, 5/10
Gift , 5/10
Links:

L'idea dei Curve fu un po' quella di rimescolare tutto cio` che aveva avuto successo negli anni '80, dal synth-pop dal dream-pop, dallo shogaze al dark-punk, e sperare di centrare il successo di classifica.

Il gruppo faceva leva sul talento canoro di Toni Halliday, ennesima "vocalist" poco dotata ad adottare come scusa le pose da sfinge rese celebri da Nico (ma senza un decimo di quel carisma) e a copiare il gorgheggio atmosferico di Elizabeth Fraser, e di Dean Garcia, chitarrista, compositore e "programmatore" di brani che si era fatto le ossa con gli Eurythmics. Non stupisce pertanto che, nonostante l'intenzione dichiarata di seguire le orme dei Jesus And Mary Chain e My Bloody Valentine, nei loro brani si sentisse soprattutto un incrocio fra il synth-pop degli Eurythmics e il dream-pop dei Cocteau Twins. Nei momenti migliori il risultato e` una versione ballabile e orecchiabile dello shoegazing.

Dopo il progetto abortito degli State Of Play (con un album del 1996, Balancing The Scales per la Virgin), nel marzo 1991 viene pubblicato a nome Curve l'EP Blindfold (Anxious). Halliday canticchia indifferente il ritornello di Ten Little Girls su un martellante e assordante rumore di fondo; la title-track relega in secondo piano i vocalizzi eterei della cantante e porta in primo piano il tribalismo e le distorsioni della chitarra; e il baccanale assume proporzioni cosmiche su No Escape From Heaven. Lo stile e` gia` un classico.

Il primo EP viene subito seguito in testa alle classifiche dal secondo EP, Frozen (Charisma, 1991). Benche' le canzoni siano nettamente inferiori, la title-track trova l'equilibrio giusto fra tribalismo, distorsioni, gorgheggi ed elettronica, e Zoo accelera il tutto verso l'interspazio. Ad ottobre e` la volta di Cherry, con l'ancor piu` frenetica Clipped e l'ancor piu` spaziale title-track.

Il repertorio, gia` cospicuo, testimonia di un sound glaciale e al tempo stesso caotico, affidato cinicamente al canto sensuale e agli arrangiamenti opulenti, con distorsioni e percussioni tanto pronunciate e sovrapposte da formare uno spesso strato di rumore in continuo movimento.

Doppelganger (Anxious, 1992), benche' ancora impostato su quel (non molto originale) concetto, rappresento` pero` un significato progresso. Il fatto saliente e` la produzione, un vero e proprio diluvio di suoni che fa esplodere la componente piu` "scenografica" del dreampop. La partitura strumentale di canzoni come Ice That Melts The Tips e` tanto densa da occultare del tutto la melodia. Ne risulta un senso di austera disciplina, da monaco tibetano entrato in uno stato al confine fra estasi e incubo.
Il disco conserva comunque l'appeal commerciale dei singoli. Fait Accompli e Already Yours sono delle varianti dello stesso canovaccio degli hit precedenti, hanno l'unico merito di citare un sound diventato popolare. Horror Head e` appena piu` evanescente, la title-track appena piu` ballabile. Un'andatura mediorientale in Lillies Dying (con Halliday nei panni di Sinead O'Connor) e qualche sincope rhythm and blues in Split Into Fractions (Halliday nei panni di una rapper) sono quanto di piu` audace il duo sa produrre.

Cuckoo (Anxious, 1993), preceduto da un brano quasi industriale, Missing Link, incupisce l'atmosfera fino a lambire il dark-punk. L'impatto della title-track e` molto piu` forte, anche se Superblaster da` la sensazione di puntare sempre piu` alle classifiche. La pochezza d'idee sposata alla pochezza tecnica non consente d'altronde voli pindarici.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Curve returned with Gift (Universal, 2001), a mediocre update to the sounds of the late 1990s. Other than the ultra-slick production, it is not clear what is the value of of the hard-rock of Hell Above Water and of the techno of Fly With The High, of the imitations of P.J. Harvey and of the imitations of the Chemical Brothers.
What is unique about this music database