Bill Drummond

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi)

Bill Drummond ha attraversato in lungo e in largo tutta la scena musicale di Liverpool. Ai tempi del punk (1977) formo` i Big In Japan (con Budgie, futuro batterista di Siouxsie, Jayne Casey, futura Pink Military e Pink Industry, Ian Broudie, futuro Lightning Seed, e Holly Johnson, futuro Frankie Goes To Hollywood), il cui intero repertorio constava di mezzo singolo quando si sciolsero (postumo usci` un EP con Suicide A Go Go e soprattutto Cindy And The Barbie Dolls, prima gag demenziale di Drummond).

Poi Drummond gesti` le carriere di Echo And The Bunnymen e Teardrop Explodes, contribuendo in maniera decisiva alle loro idee piu` sperimentali.

In realta` nel 1987 era uscito un altro album, The Man (Creation), il primo album solista di Drummond, una raccolta di canzoni piu` convenzionali di carattere autobiografico e permeate dal suo solito humour.

Lo stesso anno torno` sulle scene, in coppia con Jimmy Cauty (ex Zodiac Mindwarp, ex Brilliant con Youth dei Killing Joke), sotto le spoglie di un rapper di nome Justified Ancients Of Mu Mu (che sarebbe anche il nome di un'organizzazione eversiva millenaria). I loro album, 1987 (KLF) e Who Killed, sono raccolte di nonsense per discoteca, quasi tutti costruiti su campionamenti di brani celebri del rock (sono loro, fra l'altro, i Timelords autori di Doctorin' The Tardis, hit del 1988, e fautori della "zenarchia", e i Disco 2000). Forte di quell'esperienza formativa, Drummond pubblico` anche un "manuale su come ottenere un numero uno". La sua carriera sarebbe poi proseguita con i KLF, ma sempre piu` in sordina.

Uno dei piu` grandi manipolatori della coscienza pop dai tempi di Brian Eno, Drummond ha sempre saputo condire le sue innovazioni con una sottile forma di autoparodia.


Back to the beginning of this page | Back to the index of bands | Back to the main music page