Itch

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi)
Dyin` To Be Jesus (Nettwerk, 1991)
Gli Itch sono un trio capitanato da Mark Critchley, cantante che si cimenta anche al pianoforte.

Lo stile di Dyin` To Be Jesus (Nettwerk), registrato alla fine del 1991, si riallaccia in parte ai "comici" del punkrock californiano e in parte ai complessi-beffa britannici. Di suo ci mette testi che sono improntati al piu` sferzante sarcasmo anti-establishment e le figure atonali del piano. Energy Vampire ha una delle sequenze piu` mozzafiato, con il piano martellato senza pieta`, esattamente come viene strimpellata la chitarra e come viene picchiata la batteria. Questa sottospecie di hardcore cede subito il passo allo humour devastante del leader.
Se il piglio di Freedom 55 rasenta quello delle filastrocche del varieta`, se il folle girotondo di Photosynthesis puo` essere accreditato a un raptus di surrealismo, No Death e` una satira tout court (di come i maniaci omicidi diventino degli eroi dei media). More Gimmicks e` uno sketch degno della Bonzo Band, con narrazione su stacchetto jazz e ritornello concitato; cosi` come The Club, che caracolla a un ritmo sgangherato da saloon; e sempre quel pianoforte sguinzagliato negli accordi piu` bislacchi. Il loro metodo eterodosso sortisce i risultati piu` imprevedibili: l'accompagnamento della lunga Open Letter To Dr Strange e` quello di tante jam di bluesrock degli anni 70 (come riscoperto dai Phish). Come recita la loro "lettera aperta": "There are moments that you can't control where it feels good to be alive".

Sostanzialmente gli Itch ambiscono alla palma di Dead Kennedys canadesi, con Critchley nei panni del piu` sarcastico e polemico Biafra. If English is your first language and you could translate this text, please contact me.


What is unique about this music database