Jacob's Mouse
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
No Fish Shop Parking , 7/10
I'm Scared , 6/10
Rubber Room , 6/10
Links:

I Jacob's Mouse furono uno dei gruppi britannici piu` originali degli anni '90. In un'epoca in cui le classifiche britanniche erano invase dal Brit-pop piu` corrivo, i Jacob's Mouse ebbero il coraggio di suonare musica rock bislacca e creativa ispirata invece alla tradizione dei moderni rumoristi americani, dai Pixies ai Sonic Youth, dai Dinosaur Jr ai Big Black. Il cantante Sam Marsh e i fratelli Hugo e Jedd Boothby non erano grandi musicisti, ma la follia delle loro composizioni era indubbiamente di quelle geniali.

A rivelarli furono gli EP Dot (1989), Adopt (1990), e Ton Up (Wiiija, 1992), quest'ultimo con il rock and roll febbrile di Oblong e il blues terrificante di Fridge.

No Fish Shop Parking (Blithering Idiot, 1992) e` un breve ma nobile (ed eclettico) esercizio di rock ubriaco. La girandola di stili e` quantomeno disorientante: Company News sembra una parodia del "Madchester" sound, Tumbleswan sembra una parodia degli "shoegazer", A Place To Go sembra una parodia del dark punk. La loro vera vocazione sta comunque altrove, nei riff pungenti e nei baccani hardcore di She Is Dead e Carfish, nei rockabilly demenziali di Caphony e Ghetto Queen, dove il trio esegue musiche altamente emotive deformando orribilmente la tradizione da party degli anni '60. Twist, fondendo Public Image Ltd e Sonic Youth, raggiunge apici di caos e rumore che aprono orizzonti ancor piu` audaci.

I singoli Good e Group Of Seven sono altrettanto interlocutori.

I'm Scared (Wiiija, 1993) e` al tempo stesso piu` omogeneo e piu` aggressivo. I filoni principali sono ora schizofrenicamente tre: un "acid folk" che si ispira agli Holy Modal Rounders e a Captain Beefheart (Deep Canvas Lake, Zig Zag), un hardrock martellante che lambisce il grunge (Box Hole, Solo, Kettle) e una ballata psichedelica sui generis (Column, soprattutto l'incalzante This Room). Un David Peel che si desse all'hardcore potrebbe concepite brani come Ashtray. Il gruppo non esita neppure a sporcarsi le mani con reggae (Body Shop) e voodoobilly (Coalmine Dig). Il loro e` comunque sempre piu` un campionario di regole violate, un continuo e tortuoso detour per evitare gli stereotipi, e, in definitiva, un saggio di come suonare al tempo stesso moderni e classici.

I singoli Fandango Widewheels e Rubber Room danno pero` l'impressione di una certa stanchezza. Wryly Smilers (Wiiija, 1994) raccoglie i singoli.

Rubber Room (Wiiija, 1996) e` forse ancor piu` convulso e teso, vicino al baccanale punk-jazz-funk-dub del Pop Group (Kuff Prang, Foam Face, Public Oven, Hawaiian Vice).

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database