Kitchens Of Distinction
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Love Is Hell , 6.5/10
Strange Free World , 6/10
The Death Of Cool , 6/10
Cowboys And Aliens, 5/10
Links:

I Kitchens Of Distinction di Patrick Fitzgerald (canto) e Julian Swales (chitarra) sono uno di quei gruppi britannici di cui e` difficile ricordare lo stile anche soltanto pochi anni dopo. Non che il solito rosario di singoli, scandito da Last Gasp Death Shuffle (1987), Prize (1988), The Third Time We Opened The Capsule (maggio 1989), Elephantine (ottobre 1989), Quick As Rainbows (marzo 1990) e Drive That Fast (gennaio 1991), fosse meno originale della media (anzi), ma il loro sound oscillava fra una quantita` cosi` numerosa di stereotipi dell'epoca che alla fine non aveva una sua personalita`. Cio` che hanno in comune quelle canzoni e` la cartilagine sognante, nervosa, subliminale del rock psichedelico

Le canzoni di Love Is Hell (One Little Indian, 1989) fanno perno sul contrasto fra una melodia fragile, una ritmica incalzante ed effetti psichedelici, ma, al di la` degli hit, i suoi vanesi madrigali elettrici (Shiver, Hammer, l'Anvil Dub) non hanno molto da offrire.

Lo stesso metodo fa di Strange Free World (One Little Indian, 1991) il loro disco piu` noioso o il piu` appassionante, a seconda dei gusti. Quick AS Rainbows e` tipica del loro narcisismo quasi dream-pop, mentre Drive That Fast indovina un ritmo frenetico da ballo.

The Death Of Cool (One Little Indian, 1992) tenta disperatamente di darsi arie intellettuali. I tre singoli, il folkrock alla REM di Breathing Fear, la veloce e appassionata Smiling, la vivace e policroma When In Heaven non sono all'altezza del passato, ma i tour de force psichedelici (Gone World Gone di otto minuti e Blue Pedal di sette e mezzo) preparano loro un futuro con una stile finalmente originale che fonde melodie da classifica, rumori cosmici e atmosfere da thriller.

Ma Cowboys And Aliens (One Little Indian, 1994) ritorna invece sui suoi passi, al dreampop degli esordi (Now It's Time To Say Goodbye e Sand Of Fire), non redento dal galoppo della title-track.

Capsule (One Little Indian, 2003) is a double-disc career retrospective.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database