Moonshake


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Eva Luna , 7.5/10
The Sound Your Eyes Can Follow , 6/10
Dirty & Divine , 7/10
Links:

Moonshake, the creature of singer-songwriters Dave Callahan and Margaret Fiedler, reduced the song format to a plasma of rhythmic and melodic fragments on the atmospheric experiments of Eva Luna (1992). A bold synthesis of psychedelia, trip-hop and jazz, their sound basically upgraded Public Image Ltd's sound to the age of sampling. As The Sound Your Eyes Can Follow (1994) provided sturdier scaffolding for the melodies, the mood settled halfway between Pere Ubu-like hysteria and Contortions-like neuroris. The more robust Dirty & Divine (1996), without Fiedler, further polished the edges and displayed similarities with Talking Heads' rhythmic juggernauts and hypnotic fanfares.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
I Moonshake sono una formazione britannica formata nel 1991 dai cantautori Dave Callahan e Margaret Fiedler (cresciuta a Chicago), i quali si contendono anche le due anime della loro musica: atmosferica e colloquiale quella del primo, sperimentale e poetica quella della seconda. I due si possono permettere le schermaglie stilistiche grazie all'apporto di una sezione ritmica di prim'ordine, fantasiosa e assordante, creativa e disinvolta, come se fossero Wobble e Bruford (il bassista John Frenett e il batterista Mig). Fin dall'inizio i Moonshake si affermarono come uno dei pochi gruppi in grado di raccogliere l'eredita` di formazioni rivoluzionarie come Pere Ubu, Pop Group e Rip Rig & Panic, formazioni che disintegravano la forma-canzone del rock e ne facevano un semplice plasma di suoni ispirati a ritmiche e melodie apparentemente folli. Rallentata ad arte l'operazione (poiche' l'era non ha piu` la nevrosi punk), e preso in mano un dizionario dei generi neri, i Moonshake compirono un'operazione analoga.

Il gruppo esordi` con l'EP Secondhand Clothes (Too Pure, 1992). Se la base dell'armonia era un chitarrismo shoegazing alla My Bloody Valentine, Callahan si metteva gia` in luce con esperimenti dub (Blister) e jazz (Drop In The Ocean).

Continuando in quella direzione, l'album Eva Luna (Too Pure, 1992) propose una sintesi singolare (e brutale) di psichedelia, funk, rap, jazz, che aggiorna idealmente il dance-rock "de-costruito" dei Public Image Ltd all'era dei campionamenti. Gli strumenti sono suonati come se fossero loop. I ritmi sembrano evocare un continuo delirio. Ne fanno fede soprattutto le percussivita`, le dissonanze e gli assoli free-jazz mescolati in Wonderlust, brano che, nella sua apparente semplicita`, nasconde in realta` una complessita` mai raggiunta da Lydon. Il frenetico abbandono e l'atmosfera allucinata di Bleach & Salt Water sono emblematici di questo sound complesso e granitico, eppure tenuto quasi sempre in sordina.
Il jazzrock e l'improvvisazione ne sono inevitabilmente colonne portanti, sia nella versione demenziale dei Lounge Lizards (Tar Baby), sia nella versione "industriale" dei This Heat (Little Thing). Ma, dietro il sipario, si intravedono anche le sagome di King Crimson, Soft Machine, Nucleus e Zappa. L'unica eccezione, caotica e assordante, e` quella di Spaceship Earth.
Poi ci sono le ballate dub, che mostrano somiglianze con i P.I.L.: Seen & Not Heard, la sincopatissima Beautiful Pigeon (anche singolo) e l'orecchiabile City Poison.
L'album rivela un rock intellettuale dei piu` ardui e spericolati. L'unico difetto dei Moonshake e` l'eccesso di talenti. Il gruppo ha creato un ballabile atmosferico che e` l'analogo musicale del "noir" cinematografico.

Fiedler domina invece il mini-album Big Good Angel (Too Pure, 1993). Girly Loop, Two Trains e Flow annovera ritmiche sempre travolgenti e affascinanti. Fiedler dilaga con il suo arsenale di loop, campionamenti e droni ambientali, mettendo in soggezione il partner. Non a caso, Fiedler abbandona subito dopo per formare i Laika, accompagnata da Frenett e dal produttore Guy Fixsen (che era stato una sorta di quinto membro del gruppo).

The Sound Your Eyes Can Follow (Too Pure, 1994), album rigorosamente suonato senza chitarra, nasce cosi` all'incrocrio fra la variante isterica del basso dub preferita dai Pere Ubu (Just A Working Girl) e la variante nevrotica di funk preferita dai Contortions (la title-track), farcendo il tutto di aromi jazz (Your Last Friend In This Town, We're Making War) e blues (The Grind). Callahan depone la chitarra a favore del campionatore, e sostituisce la partner con una parata di ospiti d'onore. Il sassofono diventa cosi` lo strumento guida delle melodie. Forse troppo programmatico, o troppo denso di suoni, l'album sembra un incubo personale piu` che un manifesto pubblico.

Su Dirty & Divine (C/Z, 1996) la singolare miscela di stili proposta dal gruppo di Dave Callahan fa perno piu` che mai sul rombo dub di Matt Brewer (colto spesso a fare il verso a Jah Wobble) e sulle vertigini ritmiche di Michael Rother (che piroetta fra percussioni e batteria come un jazzista) e sulle fanfare anemiche di fiati di Raymond Dickaty (ancora bandite le chitarre). Il tono alienato di Exotic Siren Song da` la misura di quanto fascino sia pero` andato perduto in questo processo di irrobustimento del sound: sembra di ascoltare un ibrido di Talking Heads e B52's. Le nenie piu` o meno soul di Callahan suonano per lo piu` scontate e prevedibili, anche quella ipnotica di Taboo (ottenuta rallentando la Soul Kitchen dei Doors) che chiude il disco in un'apoteosi celestiale di rintocchi d'arpa. Le principali attrazioni del disco sono costituite dal modo "giunglesco" in cui si accavallano i campionamenti, dando luogo (House On Fire) ad arrangiamenti eccentrici. La vena psichedelica pennella qualche snervante sospensione temporale (Aqualisa), e il cicaleccio dei fiati colora qualche contorta digressione funky (Gambler's Blues). Una via d'uscita s'intravede quando i poliritmi si fanno sinistri e misteriosi e i fiati disegnano figure languidamente esotiche consegnando qualche brano (Nothing But Time) alla soglia del "quarto mondo" di Jon Hassell.

What is unique about this music database
Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright