Moonspell
(Copyright © 1999 Tommaso Franci | Legal restrictions - Termini d'uso )
(Voti: il numero dei brani significativi sul numero dei brani totali)

Wolfheart (Century Media, 1995) sei su otto
Irreligious (Century Media, 1996) quattro su undici
Sin/Pecado (Century Media, 1997) sette su tredici
Butterfly effect (Century Media) uno su dodici
Darkness and hope (Century Media) uno su undici
Links:

(Scheda di Tommaso Franci)

Nei primi anni ’70 i Black Sabbath tinsero l’hardrock di nero; nel 1982 i Venom portarono quella tinta nelle sonorità dei Motorhead; nel 1988 i Death estremizzarono queste voci e questi suoni fino alle non-voci e ai non-suoni. Nel 1991 i Paradise Lost chiamarono il tutto (black + death) gothic metal. Questa la nascita e la fine di un genere rock che al di là dei padri fondatori trova ben pochi nomi degni di nota. Nessuno. Qualche non-noiosa canzone, qualche non-noioso album: niente di più, comunque già visto. Eppure negli anni ’90 e ’00 il genere, con i suoi vari sottogeneri e varianti, ha pienato le tasche di imprenditori/compositori senza dignità e di adolescenti e non senza cervello. L’unica pseudo-novità tentata per sopravvivere è stato il trucchetto del concept: finito il rock-medio si sono fatti album concept-rock; finito il punk: concept-punk; finito il metal: concept-metal ecc. ecc. Nella fattispecie i concept prediletti dal gothic sono quelli di "ambient" post-industriale o pre-istorico, il che è lo stesso in quanto fuori dalla storia e fantasy.

Questa la dialettica all’interno della quale trova posto il modus vivendi Moonspell: ovverosia come mettere il gothic in rima portoghese.

Wolfheart (Century Media, 1995)

La poesia di quest’album sta tutta in quella dell’epica portoghese. Quest’album è il primo tentativo di fare epica in portoghese. Chi lo ha composto (Fernando Ribeiro voce, Ricardo Amorim chitarre, Mike Gaspar batteria, Pedro Paixao sintetizzatori, Sergio Crestana basso) è riuscito a purificarsi e destoricizzarsi fino a risalire all’autenticità primitiva ed ancestrale di Omero: Omero portoghese che invece di parlare di viaggi o guerre parla di Nibelunghi e della "patetica" vita di villaggio e palazzo tra il sottobosco attorno alla città, i delitti, gli intrighi, le pene d’amore visti tutti dai terrorizzati occhi tragicamente panici di un maledetto ululatore (secondogenito inquieto di una casata nobiliare o figlio scapestrato di un modesto artigiano che sia non tradirà mai il suo giuramento di dignità, che per lui equivale a magniloquenza). Wolfshade è uno dei due capolavori dell’album: descrive una situazione cosmicamente vissuta, parte desolatamente acustico e prima di concludersi in un abbandono di corde deflagra in cicli e cicli di devastanti "timbri" baritonali (effetto creato dall’unisono di voce e basso). Love crimes senza tregue né di valore né di pesantezza sonora catapulta in un’altra ora maledetta di questa notte maledettamente sublime: cambia tempo, coinvolge due composizioni o nastri in uno, lascia spazio al sibilo mellifluo di una malia femminile che non si sa se è contro o pro un aedo che vede ma con il cupo della voce sembra volersi accecare. La poesia incontenibile dell’aedo rende raffinata ogni retorica situazione o stato d’animo: ed allora i sintetizzatori, possono davvero far sembrare un pezzo di semplice terra, erba, o zolla, il centro propagatore e conchiuso del cosmo. …Of Dream and Drama alterna un tono compiaciuto (l’assolo di piano alla Jerry Lee Lewis volutamente antiestetico ma limitato dalla retorica del "resistere" contro tutto e tutti) ad un timbro (prima solo poi in coro) di canto dei più condivisibilmente trascinanti. Lua D’Inverno è il gioiello (fatto di flauto di pan e chitarra acustica) da offrire prostrati a quella dama che si sposerà con un altro e si scorderà di noi e del gioiello. Trebaruna è l’effetto di una sorta di cornamusa portoghese, suonata mentalmente al di sotto degli elmi di tutti coloro che all’alba si svegliano nel fossato di un campo di battaglia: fra questi c’è il secondogenito o scapestrato che ha perso la via del bene (la donna) ed ora si sovviene della famiglia a casa (la tradizione: la lingua portoghese) pur non potendo fare a meno di affrontare il presente (la lingua inglese). La donna è solo oramai l’astio dell’addio. Vampiaria: pieno di sangue e sudore: il novello combattente è sopravvissuto alla battaglia: torna, ma dove? A casa non può, non ha voglia di famiglia dacché la Donna non ha voluto costruirne una con lui. Ci sono delle forze, sono forze droganti e malefiche: se non altro vere in quanti spietate, perché la vita è spietata: seguirà queste: e il sangue che ha versato nel combattimento lo consacrerà, ora a Vampiria. Un rullo di grancassa un baritono transilvano (la sopportazione del dolore) significano questa iniziazione. L’urlo della Donna, in lontananza sono le zozze mani del marito: era lui, quello che si credeva il Bene, il vero Male. An Erotic Alchemy è la prostituzione del combattente alla strega delle brume portoghesi e dei boschi: più che per consolarsi per rinfaccia al mondo il suo essere male: un sesso violento sarà sufficiente per questo: la voce femminile in controcanto è l’eventualità di una redenzione pacifica comunque mai raggiungibile. Alma mater è l’altro grande capolavoro di questo album d’epica: il panismo appare una scelta, ma solo perché atto precedente nel tempo, in quanto comunque, alla fine, sarebbe stato una necessità. I riffs di chitarra iniziali sono un’ovazione, l’urlo/latrato che li consacra una catarsi suicida, il resto una voce che alterna il lupo all’aedo, il folk (non autocompiaciuto: una cosa simile, anche se infinitamente meno raffinata, pur se infinitamente più consistente dal punto di vista musicale, facevano in quelli stessi anni i Sepoltura con Roots e Chaos A.D.) portoghese all’inglese universale, la poesia alla poesia. Si beve da un boccale rosso rubino, strabocchevole, il mento è rigato di rivi: e non è vino, ma sangue, sangue di un cuore ormai muscolo da macellai e sbrani e basta.

Irreligious (Century Media, 1996)

Le prime battute (Perverse … Almost Religous) sembrano il mondo di Wolfheart traghettato nella notte (e nel tempo) di un complesso monacale/eremitico: poi parte Opium un esperimento anomale e riuscito di punk/gothic: è il capolavoro dell’album. Awake danza tzigano prima di deflagarsi su un bastione rupestre a scogliera (e sotto una valle, o il buio, ma non il mare). For a taste of eternity quando tutto sembra finito esplode: è morte: ma se non altro, quell’urlo (come solo Ribeiro/ Portogallo/Lupo/Conte/Maestro di circo sa fare), fa compagnia: Pan, alla fine ricompone la polvere di ossa che costipa l’aria. Ribeiro è un religioso: il credente per eccellenza: vive per questo; solo, che la sua religione è quella pagana e "illecita". Credere a Satana o a un suo opposto è solo un altro modo per fare la stessa cosa. Ruin & Misery è triste in quanto mal riuscita: la voce di Ribeiro è di quelle che fanno passare anche un elenco telefonico per una saga epica ma, potendo fare di meglio, quando fa peggio, ce se ne accorge: e questo peggio qui è associato a un certo compiacersi di una dimensione cittadina/contemporanea di cui si sente l’inadeguatezza e l’impaccio nell’appartenervi dei protagonisti, classico pesce fuor d’acqua. Poisoned gift continua inutilmente nello stilema del violentato/violentatore di An Erotic Alchemy. Si avverte in quest’album un’adesione del gruppo al mondo sterile dei "metallari d’oggi giorno": stesso linguaggio stessi vestiti stessi pensieri: ripetitività, noia, insulsaggini, per di più retoriche. Ovviamente chi ha stile, e Riberiro (anche se monolitico: e quando sembra poliedrico è solo questo monolite che tratta col suo filtro temi diversi) ce l’ha, si fa sempre apprezzare .. da chi ha un po’ di pazienza. Subversion è il lento d’atmosfera nero di effetti elettronici e sintetizzati: una (modesta) ambient music in un ambient gothic: poi parte con un battito disco, disco: del disco del Dance with me dei T.S.O.L. Raven Claws spaccia un soul metallaro e gotico/death senza scorza e con un’eleganza dubbia. Mephisto è l’alter ego maschile di Alma mater … solo che, si sa, quando manca il fascino femminile e la presenza scomoda di una donna, indispensabile per dare senso al nostro stare in qualsiasi posto, manca molto … Nerr spiegelmann parte con un sorprendente e antiesteticamente voluto (per alienarsi) organetto da circo, si schianta in un autoflagellante topo-in-gola love me, si placa nella contemplazione dello stato desolato presente, riparte. Full moon madness: è il sinfonico e commosso funerale/addio al lupo di Wolfheart, il suo ultimo, cattivo (e quindi amichevole: mentre il buono è amico al buono, il cattivo è nemico sia al buono sia al cattivo, pur se, volendo usare la relazione di amicizia per lui, è più appropriato usarla per un altro cattivo che per un buono) latrato.

Sin/Pecado (Century Media, 1997)

È la raffinata, talora ridondante, sintesi dei due album che lo precedono, dell’epico e dello storico, del metal e dell’elettronica: è un album di giorno, di caldo: di quello stesso caldo in cui (erano le tre del pomeriggio) morì il Cristo: dal villaggio pre-miceneo di Wolfheart e dalle a volte rozze scorribande cittadino.limitrofe di Irreligious si passa alla dimensione dei conventi nell’America latina (e quindi, già, nel Portogallo che ha colonizzato quest’ultima, importandoceli). Siamo nel misto di religione cristiana e folklorica con ,questa volta, più spostamento sulla prima che sulla seconda. I brani migliori sono quelli elettrico-sintetizzati, magari cadenzati da qualche colpo di strumento tradizionale, anziché quelli più propriamente heavy metal (peraltro sempre ingabbiati nei primi). Slow Down è un inizio squisito e raffinatissimo di gingilli elettronici ed artificiosamente essenziali: la nascita di una mosca, di u n pulviscolo della morte/vita. Handmadegod fonde ciò in un ballabile gothic d’atmosfera conventuale/colonica, preludendo all’assoluto 2econd skin, il miglior brano dei Moonspell insieme ad Alma mater: sintesi perfetta di tutto ciò che questi raffinati poeti portoghesi ancestrali sanno fare e hanno da dire: elettroliti calibrati, gola-di-topo calibrata, ambient: ha chi basta la perfezione basterà anche questo. Abysmo riprende le leghe dell’interfaccia d’apertura che asservisce ad una dimensione medio-rock: al voce di Ribeiro talare si ispira a quella di David Gahan dei Depeche mode che in quel 1997 facevano uscire l’Ultra di Useless: quando sono uguali queste due timbriche o sono per un certo ovattato da soffitta. Flesh è un lieve celebrale: molto sperimentale, la pesantezza metal sembra solo, oramai, un diversivo alla monotonia o un mezzo per rendere evidenti e più contrastanti i vari sentimenti e situazioni: ma non importa, quando i risultati sono della "raffinatezza stanca" del presente. Magdalene è titolo stesso a giustificarne l’eleganza di club-dance desertica e "calvaria" (da Calvario). V.C. è il sesso e la Chiesa, il confessante e la confessata: tripudio di viola e rossi cosparsi di nero: al croce e al caldo umido-soffocante di una croce imbiancata a prendere salsedine. Eurotica è la riuscita prosecuzione di An erotic alchemy (quello che Poisoned gift non era riuscito ad essere): i Depeche mode, se ci sono, sono naturalizzati portoghese e infusi di stilemi post-metal post-gothic. In Mute sublima il buongusto e l’album raggiunge il suo picco: le chitarre si rifanno vedere e lo fanno nel migliore dei modi: al voce è quella di un baritono che compiage il suo stesso baritono (vedi Nick Cave) o di un topo-in-gola che compatisce il suo stesso topo in gola (vedi gli Anathema del capolavoro The silent enigma). Dekadence di sintetizzato in sintetizzato riporta alla dimensione della spiaggia sassosa e sabbiosa di un fine-epoca funereo. Let the children cum to me … vede protagonista un tripudio grancassa che lascia poi lo spazio per librarsi ad una cantilena femminile (ancora il contrasto, maschilista e perversamente religioso, di maschio/femmina, rito/bestemmia, confessione/adulterio, monaco/satanico, Adamo/Eva). The hanged man è un altro inno alla raffinatezza del male: melodico fino a morire, struggente fino a consumarsi: le chitarre tratteggiano contrappunti acusticamente subliminali, il tono maschile, quelli femminili (l’Eva senza cui Adamo non sarebbe stato Adamo, e non avrebbe preso la mela ecc. ecc.). 13 il finale (ed incredulo: vedi l’insbocco alla contemplazione mistica (fatta con gli occhi di Omero) dell’era post-industriale.

Con Butterfly effect (Century Media, 1999) Darkness and hope (Century Media, 2001) i Moonspell hanno stakanovisticamente continuato il loro progetto; lo hanno chiamato new-tribal-black: ma è solo noia.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database